Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Un incidente d'auto nel cinema lento

Documentario scandaloso dolorosamente imbarazzante e divertente, che rivela lo spettacolo politico americano nell'era di Trump.

(Tradotto automaticamente da Norsk di Gtranslate (esteso Google))

Weiner
Diretto da: Josh Kriegman e Elyse Steinberg

Dal punto di vista dell'ex scandalizzato ex deputato Anthony Weiner, potrebbe essere sembrata una buona idea. Dopo essere caduto in un tumulto profondo quando ha accidentalmente twittato l'immagine del suo pene eretto a migliaia di seguaci, ha deciso di candidarsi come sindaco a New York City nel 2013.

Convinto di poter tornare in campo politico, Weiner diede al suo ex capo di staff Josh Kriegman e al co-direttore Elyse Klingman pieno accesso al film.

- annuncio pubblicitario -

Weiner aveva un altro asso nella manica. Uno dei piloti era la sua fedele moglie e madre dei suoi figli, il mediatore di potere Huma Abedin – per inciso consigliere più stretto di Hillary Clinton nell'attuale campagna presidenziale.

Nel corso di WeinerNella prima mezz'ora, l'ardente sfavorito riesce a vincere l'udienza di vari elettori di New York che vorrebbero credere che il candidato abbia smesso di inviare messaggi di testo a carico sessuale alle sue ammiratrici. Ma poi tutto cade a pezzi. Nuove accuse sessuali telefoniche si verificano molto tempo dopo la prima confessione di peccato di Weiner. Invece, ogni speranza di riconciliazione si trasforma in una caotica e gioiosa umiliazione mediatica da parte di Weiner, che in tutto il suo stoicismo decide di continuare nonostante l'influenza negativa della tempesta sul matrimonio e nonostante le possibilità di vincita, è minima.

Scandalo su scandalo. Deprimende? Sì, ma Weiner è una storia tempestiva che probabilmente diventerà una pietra miliare documentaria nelle saghe dei sistemi intrecciati del processo elettorale americano – in linea con l'influente Robert Drew Primario (1960) e Chris Hegedus e DA Pennebaker Clinton Story La stanza della guerra (1993). La differenza è che Weiner non si tratta di un trionfo, ma piuttosto dello scricchiolio autodistruttivo e fiammeggiante del candidato dall'interno della cabina di pilotaggio. Il variegato documentario di Klingman e Kriegman è convincentemente imbarazzante e sinceramente divertente – e spesso entrambi contemporaneamente.

Quando il nuovo scandalo del messaggio sessuale divampa, Weiner e Abedin cercano rapidamente di preparare una dichiarazione mentre la stampa si riunisce fuori dal loro ufficio. Weiner chiede all'assistente di lasciare la stanza, ma permette alla telecamera di rimanere. Mentre la coppia cerca disperatamente di tenere sotto controllo l'infortunio, i canali televisivi iniziano a mostrare le ultime foto del pene di Anthony Weiner – fotografie che Abedin non aveva ancora visto. Il silenzio rassegnato che segue porta con sé il dolore, lo scioglimento, la fine di ogni possibilità di vittoria e la fine del matrimonio (Weiner e Abedin si sono separati in agosto).

Uno dei contatti sessuali telefonici di Weiner decide di accamparsi proprio fuori dall'ufficio della campagna con i media al seguito.

Incubo. Ma anche dopo tutto questo, l'ostinato Weiner decide di continuare la campagna elettorale. L'ultima ora del documentario è una parata vertiginosa di vari casi di basket pieni di conflitti, evidenziati da conferenze stampa surreali e apparizioni televisive teatrali.

In una scena incredibile, Weiner si esibisce in un'apparizione programmata a City Island nel Bronx, un collegio elettorale in cui il disgusto per le sue esplosioni è particolarmente evidente. L'incontro teso si apre con un mare di sibili e fischi, ma in qualche modo il politico fiducioso riesce a ribaltare l'atmosfera e riesce persino a ottenere applausi. Come le tante emozioni contrastanti che il film evoca, è in questi momenti che stranamente tifiamo per Weiner: coraggiosi, ma destinati a perdere.

Lo stesso Anthony Weiner afferma che né lui né Huma Abedin hanno visto il film, che ha vinto il premio Grand Jury Doc durante il Sundance festival di quest'anno. Tuttavia, Weiner ha espresso irritazione per il fatto che i realizzatori, secondo lui, abbiano esagerato il ruolo di Abedin nel film per venderlo meglio. Ma il fatto è che, anche quando Abedin è seduto in silenzio sullo sfondo, è forse la figura più affascinante Weiner. Nel bel mezzo del caotico collasso del marito, Abedin – che è pienamente consapevole della presenza della telecamera e di come la pubblicità possa influenzare la campagna di Hillary Clinton – non perde mai la calma. Poi c'è poco che fa più impressione Weiner di Huma Abedin quando risponde alla domanda su come va: "È come vivere in un incubo".

Nascondere. Il giorno delle elezioni sta arrivando, con un drammatico spettacolo pirotecnico che ricorda più la drammaturgia di un lungometraggio che un documentario. Uno dei contatti sessuali telefonici di Weiner, Sydney Leathers – un ex ricattatore di Las Vegas che ora è diventato una porno star – decide di accamparsi proprio fuori dall'ufficio della campagna, con i media al seguito.

Klingman e Kriegman sono davvero bravi a presentare i dettagli di una strategia piuttosto patetica: il Weiner caduto scapperà dai Sydney Leathers nascondendosi in un McDonalds locale. L'unico momento di intuizione di Weiner sembra essere quando suggerisce all'umiliata Abedin di tornare a casa prima. Ironia della sorte, l'unica cosa che salva Weiner da un confronto diretto è che i Leathers non sono in grado di superare la folla di telecamere che inseguono Weiner su per le scale.

Reality show. La mela più acida Weiner ci costringe a mordere, è forse il ritratto perfetto di un traballante sistema politico americano combinato con la triste funzione del giornalismo come reality show nell'era Trump. Alla fine del film, Kriegman chiede a un Weiner depresso: "Perché mi hai davvero lasciato filmare tutto questo?"

Secondo alcune indiscrezioni, una famosa regista Hillary Clinton sta seguendo la sua intera campagna presidenziale in questo momento. Probabilmente ci sarà un altro documentario in cui Huma Abedin avrà un ruolo centrale. Siamo sorpresi?

Weiner ora va nei cinema norvegesi ed è in affitto o acquisto su iTunes.


Logorecki è un regista con sede in Albania. thomaslogoreci@gmail.com

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

A proposito di Assange, tortura e punizioneNils Melzer, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura e altri trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti, dice quanto segue su Assange:
Con spina dorsale e bussola etica intatteAVVISO Abbiamo bisogno di una cultura dei media e di una società basata su responsabilità e verità. Oggi non lo abbiamo.
Espediente / Teoria del trucco (di Sianne Ngai)Sianne Ngai è una delle teoriche culturali marxiste più originali della sua generazione. Ma sembra desiderosa di trascinare l'estetica nel fango.
Scioglimento della convivenza / Le rotture coniugali nell'Africa subsahariana musulmana (di Alhassane A. Najoum)È costoso sposarsi in Niger anche se il prezzo della sposa varia e, in caso di divorzio, le donne sono obbligate a rimborsare il prezzo della sposa.
Etica / Quali sono i principi etici alla base delle prime punture di vaccino?Dietro la strategia di vaccinazione delle autorità c'è un caos etico.
Cronaca / La Norvegia al vertice dell'Europa nel nazionalismo?Sentiamo costantemente che la Norvegia è il miglior paese del mondo, ma questo non è necessariamente il caso della stragrande maggioranza dei norvegesi e delle persone che si trasferiscono qui.
Filosofia / Disobbedire! Una filosofia di resistenza (di Frédéric Gros) Perché, dove, quando e per quanto tempo siamo obbedienti?
Mitologie / Il cacciatore celeste (di Roberto Calasso)Nei quattordici saggi di Calasso ci troviamo spesso tra mito e scienza.
Cina / La conquista silenziosa. Come la Cina sta minando le democrazie occidentali e riorganizzando il mondo (di Clive Hamilton e Mareike Ohlberg)È noto che la Cina sotto Xi Jinping si è sviluppata in una direzione autocratica. Gli autori mostrano come l'effetto si sia diffuso nel resto del mondo.
Nawal el-saadawi / Nawal El-Saadawi – in promemoriaUna conversazione su libertà, libertà di parola, democrazia ed élite in Egitto.
Necrologio / In memoria di Nawal El-SaadawiSenza compromessi, ha parlato contro il potere. Adesso se n'è andata, ha 89 anni. L'autrice, medico e femminista Nawal El-Saadawi ha scritto per MODERN TIMES da giugno 2009.
Dibattito / Cos'è la sicurezza oggi?Se vogliamo la pace, dobbiamo prepararci per la pace, non per la guerra. Nei programmi preliminari del partito, nessun partito nello Storting è a favore del disarmo.
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato