Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Un crescendo di ansia

Il vento. Un thriller documentario
Regissør: Michal Bielawski
(Polen)

TATRA-FJELLENE: The Wind er et stemningsfullt portrett av naturens utrolige makt og dens berøring av menneskers liv.
>
(Maskin-oversatt fra Norsk av Gtranslate (utvidet Google))

Il vento del ritrovamento, noto come Halny, devasta più volte l'anno le montagne polacche e slovacche dei Tatra. È un vento che soffia da sud, fa aumentare la temperatura e diminuisce l'umidità, e arriva con improvvise raffiche di vento che causano una grande distruzione di inimmaginabile grandezza. Gli alberi – persino intere aree forestali – collassano, i ponti collassano e le case vengono distrutte da questo vento. Ma oltre alla devastazione materiale, i locali hanno la percezione che il vento abbia anche una capacità soprannaturale di perseguitare le menti delle persone.

Il film di Michal Bielawski segue le vite di tre personaggi principali nella parte polacca dei Monti Tatra. Il film è un ritratto intenso ed evocativo dell'incredibile potere della natura e del suo tocco sulla vita umana.

È solo questione di tempo prima che il vento ritorni.

La loro esistenza sembra strutturata intorno all'arrivo del vento: dalla tensione che si accumula prima che arrivi, quando si scatena l'inferno e si scatena il disastro, al silenzio successivo.

In un modo sottile, Halny è anche un personaggio. È una forza da non sottovalutare e nella regione è considerata qualcosa di soprannaturale. I residenti permanenti lo temono e prendono le loro precauzioni. Credono anche che i periodi con Halny aumentino il numero di suicidi. Questa convinzione è così radicata nella cultura locale che diversi ricercatori si sono imbarcati su questo argomento. La loro conclusione è che Halny di per sé non ha aumentato il rischio di suicidio, ma che il rischio è aumentato in estate e in autunno.

Il vento. Un thriller documentario
Direttore Michal Bielawski

Una profezia attesa

Una poetessa di mezza età, un nonno contadino con i baffi e una giovane donna dell'ambulanza vivono come fanno di solito. Vediamo frammenti di vita quotidiana e stati d'animo che sono sia tranquilli che intensi. Quando le chiamate all'ambulanza aumentano di numero, l'uomo si prende cura della sua fattoria, mentre il poeta è in procinto di acquistare un pezzo dell'amato bosco della zona. Ma nell'aria c'è un senso di pericolo imminente e in qualsiasi momento può scoppiare la tempesta. Il potere di natura prepara qualcosa e tutti e tre i personaggi si preparano. L'inaspettato sta nei dettagli: le nuvole in movimento, il primo piano della trama dell'albero, la terra che tocca un po 'oggi, e ancora un po' domani.

Quando arrivano la neve e l'oscurità, l'arrivo di Halny sembra l'adempimento di una profezia tanto attesa. alberi comincia a cadere, le chiamate di emergenza abbondano, il vento è spietato e minaccioso, ea quanto pare non ha limiti. La casa del nonno brucia, le persone crollano: sembra che il mondo stia cadendo a pezzi.

In un modo sottile, Halny è anche un personaggio.

#Halny distrugge tutto ciò che è sicuro e buono. Colpisce le persone al centro di ciò che le fa sentire a casa. Dopo che il vento è passato, il nonno deve ripulire i resti carbonizzati della casa, mentre quella del poeta foresta non danneggiato affatto. Tuttavia, c'è un senso di pace dopo il disastro: la tregua quando tutte le parti rotte tornano a posto.

Il film di Bielawski è percepito come vicino alla realtà, ma ancora non del tutto reale, data la forma cinematografica del film. Le sue riprese testimoniano un'atmosfera e una trama distintive e seguono le vite dei personaggi ei cambiamenti della natura dove si fondono con allarmanti chiamate di emergenza.

Solo una questione di tempo

Michal Bielawski
Michal Bielawski

Il film potrebbe essere frainteso come semplice, anche se è tutt'altro. Ogni scena e ogni elemento sono accuratamente selezionati e messi insieme per costruire il crescendo complessivo di ansia che forma il nucleo. Quello da vedere Il Vento in realtà non si tratta tanto di seguire la storia quanto di sentire ed esplorare attraverso i sensi. È un viaggio emotivo con un senso di pericolo crescente che sembra reale e irreale allo stesso tempo.

Attraverso le riprese di Bielawski, la natura sottolinea il suo mistero e il suo potere. La foresta, il vento e le tempeste di neve fanno un'impressione potente e sembrano controllati da qualcosa di più grande e travolgente che non può essere domato. La natura ha uno stato d'animo imprevedibile, con una forza che è oltre la portata dell'uomo. Questo enorme potere richiede rispetto per ciò che può realizzare.

Il mondo in cui domina Halny è un mondo a sé in cui il tempo è diviso in tre: prima, durante e dopo. Guardarlo cambia la sensazione della natura come casa e il nostro potere su di essa. Questa paura ci ricorda che la natura può cambiare il suo comportamento apparentemente bonario e passare dal nutrirci a distruggerci in un istante.

Bielawski trasmette questi pensieri attraverso un viaggio visivo ed emotivo e la sensazione inquietante di questa verità non passa inosservata. All'indomani dei bisogni di Halny comunità – e lo spettatore – è tempo di guarire dalla devastazione e dal danno emotivo che ha causato, sapendo che è solo questione di tempo prima che il vento ritorni.

Tradotto da Lasse Takle

 

Bianca-Olivia Nita
Nita è una giornalista freelance e critica per Ny Tid.

Potrebbe piacerti ancheRELATIVA
Consigliato

Foto / Helmut Newton – Il cattivo e il bello (di Gero Von Boehm)Il controverso status di culto del fotografo Helmut Newton persiste molto tempo dopo la sua morte.
Film norvegese / Gritt (di Itonje Søimer Guttormsen)Itonje Søimer Guttormsens Gritt è realizzato con un metodo diverso rispetto alla maggior parte dei lungometraggi ed è un film d'esordio norvegese affascinante e raramente rinfrescante.
Riforma della droga / Il vento gira (di Kieran Kolle)Forse sono gli oppositori della riforma del governo sulla droga che dovrebbero guardare il documentario con la massima preferenza Il vento gira, che segue tre attivisti dell'Association for Human Drug Policy.
Pena di morte / Non c'è nessun diavolo (di Mohammad Rasoulof)Il vincitore di Berlino Non c'è nessun diavolo è una dichiarazione forte contro le esecuzioni statali iraniane e una rappresentazione moralmente complessa del vivere in una società totalitaria.
Documentario / Mare d'amore. Trasformare il viaggio in Egitto (di Ashraf Ezzat)L'arte egizia antica e la successiva tradizione sufi hanno accesso a intuizioni che l'uomo moderno ha gradualmente dimenticato.
Industria ittica / . (spento)Gli Stati Uniti importano il 91% di tutto il pesce alimentare dall'altra parte del globo e l'assunzione di pesce è limitata a cinque varietà mentre le antiche comunità costiere sono in rovina. In Cambogia, i fondali marini vengono svuotati e svuotati dalla pesca illegale proveniente dal Vietnam. Il tema è cupo, ma due diversi documentari trovano punti luminosi.