Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Lotta per la libertà ucraina o interessi economici occidentali?

TEMA / Quali valori stanno effettivamente sostenendo l’Occidente in Ucraina? Per aiutare l’Ucraina con l’autogoverno nazionale, i fondi norvegesi venivano convogliati attraverso la BERS già dal 2011, nonostante la conoscenza della diffusa corruzione. Il contributo occidentale in Ucraina probabilmente riguarda principalmente la lotta per il controllo su enormi risorse naturali. La politica norvegese sostiene quindi il grande capitale internazionale: oligarchi e grandi gruppi agricoli controllano già il 28% delle terre coltivabili dell'Ucraina.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Nel 2006 ha deciso FNs Organizzazione per l'alimentazione e l'agricoltura (FAO) e BERS che il mondo dovrebbe essere nutrito dai granai i Europa orientale. (vedi storia in esame) L'obiettivo dell'UE è aumentare la produzione e trasformare l'Ucraina da un paese autosufficiente in un leader globale nell'agroindustria internazionale.

Negli ultimi anni, le aziende agroindustriali internazionali (aziende alimentari americane come Cargill e Bunge) hanno investito milioni di dollari nell’aumento della capacità produttiva in Ukraina, spesso sostenuto dalla BERS e dalla Banca europea per gli investimenti (EID).

Fino al 2014, l’UE, il Fondo monetario internazionale ( FMI ) e il presidente della Banca mondiale Yanukovich per un accordo di associazione con l'UE. Yanukovich è stato generalmente positivo nei confronti dell’UE, ma ha negato che il libero scambio dei terreni agricoli si applichi agli investitori occidentali. Questo è stato il motivo per cui il presidente Yanukovich è stato deposto nel gennaio 2014. L’accordo del FMI è stato firmato più tardi quell’anno dal nuovo presidente. L’accordo conteneva, tra le altre cose, la richiesta di abrogare la legge 552-IX, ma non richiedeva alcuna specifica riforma agricola in Ucraina, né richiedeva che agli stranieri fosse consentito acquistare terreni ucraini.

L'accordo di vendita del terreno di Zelenskyi

Solo nell’aprile 2020, dopo il piano proteico dell’UE del 2018 e l’accordo Green Deal dell’UE del 2019, è arrivata la condizione del FMI per il completo libero scambio dei terreni agricoli. Allo stesso tempo il 64,4% degli ucraini è contrario all'introduzione di questo libero scambio (vedi Centro Rasumkov). Tuttavia, il presidente ha firmato Zelenskyj l’accordo di libero scambio, con la promessa di un referendum nell’estate del 2024.

È probabile che l’acquisto di terreni stranieri sarà consentito per la prima volta nella storia moderna dell’Ucraina, a meno che il referendum non corregga l’accordo temporaneo e illimitato sulla vendita di terreni agricoli imposto da Zelenskyi. Se così fosse, ciò potrebbe avere conseguenze di vasta portata per l’agricoltura ucraina. Anche la Banca Mondiale si aspetta che le nuove riforme fondiarie spingeranno i piccoli agricoltori ad abbandonare l’agricoltura in modo che le aziende più grandi possano diventare più grandi.

Lo dice l'Oakland Report americano Guerra e furto: la conquista dei terreni agricoli dell'Ucraina (2023) Gli oligarchi e i grandi conglomerati agricoli ora controllano il 28% delle terre coltivabili dell’Ucraina. Il quinto più grande proprietario terriero in Ukraina è la società americana di sementi e coltivazione NCH Capital, finanziata da un gran numero di fondi pensione americani. Com'è possibile ciò quando l'Ucraina ha legalizzato la proprietà straniera nel 2001?

Nell'aprile 2024, Mykola è diventata ministro dell'Agricoltura Solskyi accusato di corruzione nel periodo 2017-18, per l'abuso di 1250 appezzamenti di terreno per un valore totale di circa 7,3 milioni di dollari, secondo l'agenzia anti-corruzione ucraina NABU. Solskyi è stato ministro dell'agricoltura di Zelenskyj dal 2022 ed è stato promotore della legge presidenziale sul libero scambio di terreni agricoli nel 2020.

L'ucraino agricolturasi è passati dall’autosufficienza alla produzione alimentare monoculturale guidata dal mercato – e ai massicci finanziamenti da parte delle istituzioni finanziarie occidentali.

Nella zona grigia della legge, le società registrate in Ucraina o gli "azionisti residenti" operano come acquirenti legali. Inoltre, le società straniere possono affittare i diritti di opzione per il commercio agricolo in Ucraina per un massimo di 50 anni. Oggi le grandi aziende internazionali (agroholding) hanno contratti di leasing con la maggior parte dei 6-8 milioni di proprietari di terreni.

Istituti di credito internazionali

Il più grande agroselskapsi riceve sostegno da istituti di credito internazionali (come      BERS e la Banca europea per gli investimenti [EID]), tra le altre cose ricevuto La filiale di Nestlé 42 milioni dollaro dalla BERS nel dicembre 2022 per un nuovo stabilimento produttivo e Ucraina. Uno dei più grandi gruppi di leasing, Astarte, gestisce attività agricole, produzione di soia, un caseificio e cinque piantagioni di barbabietola da zucchero con il sostegno della BERS. La più grande holding in Ucraina è il produttore di girasoli registrato in Lussemburgo ed ex quotato a Varsavia nocciolo, con un fatturato di 3,5 miliardi di dollari nel 2023. Kernel è stato cancellato dalla Borsa di Varsavia dopo l'invasione, dove il suo valore di mercato è crollato del 60%. L'oligarca ucraino Andriy Verevshkyj oggi controlla Kernel attraverso la società registrata in Lussemburgo Namsen (74%). Il Financial Times ha pubblicato un caso in cui si afferma che Verevshkyj forse voleva garantire un mercato aperto per gli azionisti stranieri, oppure voleva riacquistare la società a buon mercato con la cancellazione dalla quotazione.

Il libero scambio è stato il motivo per cui il presidente Yanukovich è stato deposto nel gennaio 2014

Andre BERS-projects è una società di capitale azionario con sede negli Stati Uniti, la società di leasing Regno UnitoLandFarming, l'azienda agricola ucraina MHP e aziende dell'Arabia Saudita e francesi come Generazione Agro, fondata da un pilota di caccia americano nel 2006.

L’agricoltura ucraina è passata dall’autosufficienza all’agricoltura monocolturatutta la produzione alimentare controllata dal mercato. Nel giro di pochi anni l’agricoltura è diventata la forza trainante del commercio estero ucraino. Gli attori associati stanno espandendo il loro controllo sull’agricoltura ucraina attraverso massicci finanziamenti da parte delle istituzioni finanziarie occidentali.

Il fondo pensione del governo

I politici norvegesi lo sono stati Zelenskyi suoi più entusiasti contributori e sostenitori. Per aiutare l’Ucraina con l’autogoverno nazionale, i fondi norvegesi erano già stati incanalati fino al 2011 BERS nonostante la conoscenza di una vasta corruzione. Il fondo pensione del governo è coinvolto come azionista nella suddetta società registrata a Cipro Astarte (ca. 8 milioni di azioni) e nell’allevamento di pollame Ovastar di proprietà di un oligarca ucraino (ca. 27 milioni di azioni).

Astarta è stata fondata nel 1993 da Viktor, un ex assistente di trattore e mietitrebbia ucraino Ivančik. Nel 1994 è diventato amministratore a Kiev della Astarta, una società ucraina con investitori stranieri. Astarta è uno dei gruppi che entrambi finanzia l’esercito ucraino e manda in guerra i suoi dipendenti (512 persone) e allo stesso tempo l'azienda ha aumentato il proprio fatturato nel 21 dai sei miliardi del 2023 del 2022%, un fatturato superiore a quello prebellico. Astarta possiede 220 ettari di terreno agricolo in sette regioni e collabora attivamente con la BERS, l'IFC, la Banca europea per gli investimenti, la banca olandese FMO e la Banca tedesca per lo sviluppo.

Anche gli ucraini muoiono sul campo di battaglia per i diritti delle multinazionali.

In un comunicato stampa del 6 maggio 2022, la ministra dello Sviluppo Anne Bethe Tvinnereim (Sp) ha scritto che "La Norvegia dà 50 milioni agli agricoltori ucraini». Ma non sono gli agricoltori ucraini a ricevere i milioni norvegesi. BERS sostiene gli agro-conglomerati commerciali internazionali, non i piccoli agricoltori poveri ucraini. I politici norvegesi sostengono che la lotta riguarda valori ideali come la libertà, la democrazia e l’autodeterminazione nazionale. Ora sembra che il diritto all'autodeterminazione per cui i politici norvegesi stanno lottando in Ucraina si applichi anche agli oligarchi ucraini, al diritto dell'UE e delle multinazionali di commettere una rapina ai diritti dell'Ucraina sulla propria terra.

Cosa intendono realmente i politici norvegesi come il primo ministro Jonas Gahr? Negozio quando dicono che la nostra lotta è comune a quella del popolo ucraino? Anche gli ucraini muoiono sul campo di battaglia per i diritti delle multinazionali.

 

Interessi economici norvegesi

Nel 2021, la società di analisi finanziaria britannica Global Data lo ha rivelato poco più di 300 aziende straniere hanno almeno una filiale in Ucraina. Circa un quarto ha sede negli Stati Uniti e oltre 150 aziende hanno sede nell'Europa occidentale. I maggiori gruppi stranieri in Ucraina hanno sede nelle ex potenze coloniali come Inghilterra, Spagna, Stati Uniti e Germania. Sono registrati i maggiori gruppi stranieri in Ucraina (33%). Kypros. Altri investitori provengono dalla Svizzera, ma anche da Svezia, Danimarca e Norvegia.

L'azienda britannica Media degli investitori realizzato il 1 marzo 2022 un’analisi su quali aziende internazionali in Ucraina sono state maggiormente minacciate da un attacco russo nell’estate del 2022. Le due aziende più colpite sarebbero state l’azienda alimentare americana parlamentoe la società norvegese di energie rinnovabili Scatec, entrambe con dieci filiali ciascuna in Ucraina.

Il maggiore azionista di Scatec è la compagnia energetica Equinor, dove il principale azionista è lo Stato norvegese (e Folketrygdfondet). Scatec ha effettuato grandi investimenti in Ucraina prima dello scoppio della guerra, anche nel 2020 Regioni di Cherkasy (situato sulla riva occidentale del Dnepr, a sud di Kiev) e i Regione di Mykolajiv nel 2021 (sulla sponda orientale del Dnepr, non lontano da Kherson). Nell’autunno del 2022 il valore delle azioni di Scatec è crollato, proprio come previsto da Investor Media. Non molto tempo dopo, Equinor ha acquistato Scatec (primavera 2023).

Il diritto all'autodeterminazione per il quale i politici norvegesi lottano in Ucraina vale per gli oligarchi ucraini, per il diritto dell'UE e delle multinazionali di commettere una rapina ai diritti dell'Ucraina sulla propria terra.

L’altra grande cosa norvegese è il produttore di energia eolica emergenza. Emergy ha pproprietari registrati: Trond Mohn, Kjell Inge Røkke e Lars Nilsen. L’Ucraina ha installato una quantità record di nuova capacità di energia rinnovabile nel periodo 2019-2021. Uno dei progetti Emergy è il parco eolico Zophia (800 MW), a ovest del Mar d’Azov, uno dei tre progetti Emergy in Ucraina, che sarà uno dei più grandi progetti onshore in Europa. Un altro progetto di Emergy è il parco eolico Syvash (250 MW) sostenuto dalla BERS nella regione di Kherson, nel sud dell’Ucraina (2021), un progetto che era a rischio di fallimento ma è stato salvato da un indennizzo assicurativo quando è stato colpito dai missili russi nel 2022 .

Il parco Syvash è uno dei più grandi d'Europa con una superficie di 1307 ettari, affittato dalle aree di riserva dei comuni di Pershokostiantynivska, Hryhorivska, Pavliska e Strohanivska. Il progetto La costruzione è costata quasi quattro miliardi di corone norvegesi, principalmente con finanziamenti della BERS e, tra gli altri, della Società olandese per il finanziamento dello sviluppo (FMO).

L’#agricoltura industriale# in Ucraina è un grande mercato per il produttore norvegese di fertilizzanti Yara International.

L'esercito norvegese sostiene il popolo ucraino o meglio? norske investimenti in Ucraina? Il diritto all’autodeterminazione nazionale è forse l’unica cosa su cui questa guerra non riguarda. Più che di armi, l’Ucraina ha bisogno di strumenti politici come: diritto al rimpatrio e l'imposta sulle società (come quella norvegese la tassa sul petrolio). A lungo termine, ciò può sostenere il diritto nazionale all’autodeterminazione.

 


Anarco-sindacalista

L’interesse per la lotta per la libertà in Ucraina ha radici storiche di lunga data in Norvegia. Gli anarcosindacalisti norvegesi erano molto interessati a ciò che accadde dopo la guerra sovietico-ucraina (1917-21). Quando i bolscevichi deposero il governo nazionale borghese a Kiev, l’Ucraina socialista sovietica divenne una delle repubbliche fondatrici dell’Unione Sovietica. Dal 1918 tutte le terre appartenevano allo Stato. Kolchozer (cooperative di produzione) e sovkhoz (società statali) utilizzavano la terra gratuitamente per un periodo indefinito, ma gli edifici e i macchinari erano di proprietà dei contadini, privatamente o collettivamente. Allo stesso tempo, un movimento politico quasi sconosciuto (il movimento Makhno) aveva combattuto duramente contro i proprietari terrieri oppressivi e il governo nazionale. Ma anche contro i bolscevichi. Sebbene l'ucraino anarchicosi vedeva la loro lotta per la libertà come parte di uno rivoluzionario lotta, accusarono i bolscevichi di avere troppo poche rivendicazioni. La richiesta degli anarchici rivoluzionari in Ucraina era che "l'intera attività industriale fosse consegnata immediatamente agli operai, la terra e l'agricoltura ai contadini". Il movimento MakhnoL'obiettivo dell'Ucraina era un sistema di Soviet liberi sulla strada verso un'Ucraina apolide senza classi società. norvegese anarcosindacalista seguì quindi da vicino quando intorno agli anni ’1920 furono organizzate le comuni anarchiche nell’Ucraina meridionale e orientale. Nel 1924, la casa editrice della Norske Syndikalisters Federation pubblicò Peter Arshinovcon ciao La lotta per la libertà dei contadini ucraini 1917-21. L’agricoltura collettiva continuò fino alla dissoluzione dell’Unione Sovietica nel 1991 con 8000 kolchoz in Ucraina e 3,8 milioni di lavoratori kolchoz. E nel 1992 arrivò la legge che autorizzava i kolchoznik a possedere la terra. Allo stesso tempo è iniziata la vendita di terreni statali agli oligarchi ucraini. Per limitare le acquisizioni straniere, il 96% dei terreni agricoli ucraini era soggetto alla legge 552-IX (1992). Allo stesso tempo, è stata istituita la Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo (BERS) per promuovere lo sviluppo di un’economia di mercato nell’Europa centrale e orientale dopo la caduta del muro. L’International Finance Institute (IFC) prevede una crescita dell’1-2% del PIL associato all’agricoltura ucraina. Si è rivelato enorme , ofit#opportunità di vendita di terreno agricolo.

Marianne Solberg
Marianne Solberg
Solberg è un critico regolare di Ny Tid.

Articoli Correlati