Ordina qui l'edizione estiva

Disomogeneo sull'India

La nuova raccolta di saggi sulla storia, la cultura e l'identità indiana del premio Nobel Amartya Sen è intrisa di buone intenzioni. Come libro non è all'altezza.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Il professore indiano di economia Amartya Sen ha ricevuto il premio Nobel nel 1998 per i suoi studi sulla povertà, la fame e il benessere. Il suo nuovo libro, L'argomentativo indiano si compone di saggi quattro per quattro, e nella prefazione Sen scrive che la prima parte indica ciò che vuole trasmettere ai lettori. Il primissimo saggio riguarda l'epopea antica Bhagavad Gita, così come i primi governanti indiani Ashoka (morto nel 232 a.C.) e Akbar (morto nel 1605), che per Sen rappresentano il pluralismo e la tolleranza. "Mentre è indiscutibile che Aristotele abbia scritto sull'importanza della libertà, in questo contesto non gli importava delle donne e degli schiavi. Ashoka, allo stesso tempo, non ha fatto tale distinzione", scrive il Sen. Akbar, a sua volta, ha cercato di creare una fede sintetica basata sulle varie religioni esistenti in India.

Nel secondo saggio, discute il termine swikriti, che in sanscrito significa "accettazione", e lo confronta con la secolare costituzione indiana del 1950, così come con il rapporto problematico dell'India con le sue minoranze, classi economiche e caste tradizionali. Nel terzo, scrive sull'identità indiana in relazione alla religione. Sebbene circa l'80% degli indiani sia indù, il paese ha la terza popolazione musulmana più grande del mondo (dopo Indonesia e Pakistan) e molti buddisti, giainisti, ebrei, cristiani, parsi e sikh. L'induismo ha sempre consentito differenze di opinione, dice Sen, e sottolinea che Ashoka era buddista e Akbar musulmano. Vale la pena notare che oggi il primo ministro dell'India è un sikh e il presidente è un musulmano, mentre il partito più numeroso è guidato da una donna cristiana. Nel quarto saggio, Sen scrive della diaspora indiana, di circa 20 milioni, e dei vari tentativi che si stanno facendo per farli identificare con i movimenti indù piuttosto che con l'India come nazione inclusiva.

Democrazia e nazionalismo indù

L'India era sotto il dominio musulmano dal 1526 e il loro impero Mughal durò 200-300 anni. L'acquisizione britannica progredì gradualmente verso l'incorporazione nell'Impero della regina Vittoria nel 1857. La colonia britannica nel subcontinente, il Raj britannico, fu divisa in India e Pakistan nel 1947, un giorno prima che l'India riemerga come nazione indipendente.

La democrazia indiana è rimasta abbastanza stabile da allora, con l'eccezione dello stato di emergenza di Indira Gandhi negli anni '70. Il partito nazionalista indù BJP, al potere dal 1998 al 2004, vuole che l'India si allontani dalla sua costituzione laica. Amartya Sen è naturalmente contraria. Anche il BJP ha torto, dice, quando afferma che il tempo sotto i Moghul fu una rottura con la tradizione dell'India come stato indù. Intorno al 1500, l'India era prevalentemente buddista e anche le sacre scritture degli indù, come i Veda, sono sacre per i buddisti.

Per confermare il suo punto di vista, Sen fa riferimento a Bhagavad Gita, parte dell'epico Mahabharata di 2000 anni, che è sette volte più lungo L'odissea og L'Iliade insieme. Viene descritta una discussione tra Krishna e Arjuna. Krishna, che è una divinità incarnata, vince la discussione (almeno sul piano religioso), che ruota intorno alla necessità o meno di combattere una guerra concreta. Mentre Krishna sottolinea che si dovrebbe fare il proprio dovere, Arjuna tiene piuttosto un bottone per evitare sfortunate conseguenze. Questa conversazione ha acquisito un grande significato teologico per l'induismo ed è ben nota in altre parti del mondo. Il punto di vista di Sen non è la visione vittoriosa di Krishna, ma come sopravvivono gli argomenti più pragmatici di Arjuna. J. Robert Oppenheimer citò Krishna quando assistette al primo test nucleare nel luglio 1945: "Sono diventato la morte, il distruttore del mondo". Questo è un buon esempio di a fait accompli dove la visione di Arjuna sembra molto presente, anche se è il senso del dovere di Krishna a prevalere.

Economia, demografia e cultura

Amartya Sen scrive meglio quando si occupa delle sue aree tematiche, come l'economia e la demografia, e qui ha buone capacità comunicative. Tra l'altro può dire che, nonostante i progressi in campo economico, la percentuale di bambini malnutriti in India è del 40-60 per cento, contro il 20-40 dell'Africa. Sottolinea inoltre il legame tra democrazia e gestione riuscita delle crisi, ad esempio nel caso della carestia, che l'India ha evitato da quando è stato istituito il governo popolare. In un altro saggio, invece, paragona l'India alla famigerata dittatura della Cina, che non sempre va a buon fine per il suo paese d'origine, ad esempio quando si tratta di analfabetismo.

L'ambizione di Sen va però oltre, perché, come lui stesso afferma, concentrarsi solo sulla ragione significa trascurare le influenze specifiche della cultura su valori e comportamenti. È ancora vero che, anche se ha delle buone idee quando si tratta di materiale culturale, come la discussione della conversazione tra Krishna e Arjuna, non sono abbastanza numerose e ci sono parecchie ripetizioni. In effetti, ci sono stati molti grandi nomi che hanno scritto raccolte di saggi un po' squallide sull'India, come Salman Rushdie, Gita Mehta e Shashi Tharoor. Io stesso preferisco voci più taglienti come Arundhati Roy, Mark Tully e il controverso VS Naipaul. Il contributo di Amartya Sen è troppo disomogeneo per meritare pienamente un posto nel gruppo finale, anche se le sue intenzioni non sono mai così buone.

Potrebbe piacerti anche