Ordina qui l'edizione estiva

L'UDI non serve bugie piatte

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Nella sua ricerca di una rivelazione estiva sul numero 25 (30 giugno), giornalista ed editore di Ny Tids presenta affermazioni sulla Direzione dell'Immigrazione (UDI) che non possono rimanere incontrastate.Il punto di partenza della storia è uno sciopero della fame tra i somali al centro di accoglienza a Lier. Per chiarire, UDI non ha mai inteso rifiutare a nessuno di parlare o contattare gli azionisti.

Ho contattato ripetutamente la reception e chiesto loro di trasmettere l'inchiesta del giornalista di Ny Tids e di fornire agli attivisti il ​​suo numero di telefono. Ciò è stato fatto anche se gli attivisti hanno comunicato più volte che non volevano che il caso fosse discusso.

Quando un altro medium ha visitato la reception ed è stato autorizzato a parlare con i somali, ho contattato di nuovo il giornalista per informarlo che i somali volevano ancora parlare con i giornalisti.

Diventa sia misterioso che al limite del fraudolento come gli editori e gli editori possano quindi permettersi di scrivere che l'UDI sta servendo bugie piatte, come si dice in

il gestore, e ha cercato di impedire il contatto con queste persone, come si legge in premessa.

L'UDI si aspetta una visione critica dai media e dall'opinione pubblica. Non desideriamo che le azioni e le proteste dei residenti dei centri di accoglienza per asilo vengano messe a tacere. L'ho chiarito più volte al giornalista.

Affermare che le autorità temono che i media motiveranno gli attivisti ricade quindi sulla sua stessa irragionevolezza.

Agnar Kaarbo,

direttore della comunicazione,

Direzione dell'Immigrazione

Potrebbe piacerti anche