Teatro della crudeltà

Test di lingua discutibile

La polizia ha sottoposto a test linguistici i richiedenti asilo somali con l'aiuto di esperti controversi.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[asilo] Per conto dell'unità di immigrazione della polizia norvegese, la società svedese Scandinavisk Språkanalys AB ha effettuato test linguistici su 327 richiedenti asilo che hanno dichiarato di essere somali alle autorità norvegesi.

In un rapporto pubblicato di recente, si conclude che il 37% di questi richiedenti asilo ha fornito informazioni errate sulla loro provenienza. Ma ora si scopre che la stessa Språkanalys AB sta commettendo errori e l'azienda ha ricevuto molte critiche.

In Nuova Zelanda, un'analisi condotta dalla società svedese è stata respinta in tribunale perché non conforme agli standard professionali. Le indagini svolte dall'Agenzia per la migrazione in Svezia mostrano che i test effettuati da Språkanalys AB e società simili danno risultati errati in oltre il dieci percento dei casi e le autorità svedesi hanno ridotto l'uso di tali servizi.

- Non sono usati oggi come in passato, afferma Anders Sundquist, che lavora come avvocato presso Rådgivningsbyrån, un'organizzazione che fornisce consulenza legale ai richiedenti asilo.

Sundquist afferma che tali aziende non forniranno informazioni sulla competenza degli analisti.

- Siamo stati a lungo critici nei confronti di queste analisi-

Le compagnie. Non sappiamo chi esegue l'analisi o quale competenza abbia. In Svezia, questo è diventato un problema, poiché è necessario fornire queste informazioni ai tribunali. Se non si conosce il background dell'analista, l'evidenza non ha valore.

Pia Fernqvist di Språkanalys ritiene che sia necessario mantenere segreta l'identità degli analisti per motivi di sicurezza.

- Questi sono piccoli ambienti dove tutti si conoscono. Le persone sono esposte a minacce.

Fernqvist sottolinea che tutti i suoi analisti hanno una formazione linguista e che il cliente può ottenere informazioni sul background degli analisti se lo richiede. La competenza professionale è stata tuttavia messa in discussione.

Tre anni fa uno degli analisti di Språkanalys AB è stato condannato a sei mesi di prigione. Ha riconosciuto la voce della persona che stava testando e ha tentato di estorcerle denaro.

L'analista era lui stesso un richiedente asilo.

- Non ne sono a conoscenza, dice Arne Jørgen Olafsen, capo del servizio immigrazione della polizia, quando Ny Tid racconta l'incidente.

Anche lui non ha familiarità con la sentenza della Nuova Zelanda, ma è consapevole che c'è stato un dibattito sulla competenza degli analisti di Språkanalys.

- Le analisi linguistiche da sole non sono sufficienti per scoprire da dove provengono le persone. Questi test sono quindi solo uno dei tanti strumenti, sottolinea Olafsen.

- Ma perché usi i test quando sei consapevole di questa criticità?

- Pensiamo che i test siano i migliori che ci siano

salire.

Grandi conseguenze

[dialetto] – Si sente subito da dove viene la gente in Somalia, dice Alosow Abdirazak Abdulle, direttore generale del centro giovanile somalo Riyo Rajo a Oslo.

È ancora convinto che la polizia spesso si sbagli sulla provenienza dei richiedenti asilo.

- Sento che vengono dal sud, mentre la polizia pensa che vengano dal nord.

Cita come esempio un richiedente asilo di Baidoa, una cittadina nel sud della Somalia dove si parla un dialetto molto facilmente riconoscibile, ma che gli altri somali trovano difficile da capire.

La polizia ha tuttavia concluso che l'uomo proviene dal nord del Paese. Secondo Abdulle, ciò ha conseguenze importanti.

- Le persone vengono rimandate in luoghi della Somalia da cui non provengono.

Potrebbe piacerti anche