Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

La raccolta di libri dei musi televisivi

Non devi essere un giornalista o un presentatore televisivo per pubblicare un libro questo autunno. Ma aiuta.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[fagbokhøsten] Jon Almaas di NRK si prepara a nuovi attacchi amichevoli da parte dei suoi colleghi a Nytt på reit, quando uscirà con il suo difficile terzo libro a settembre. Il grande libro televisivo norvegese, con il sottotitolo Tutto quello che non sapevi sulle celebrità televisive norvegesi (e poco più), è tipico del raccolto di saggistica, dove gli autori ottengono un netto vantaggio se hanno un background in televisione.

- Dal momento che questo è Jon, è certamente sia profondo che fondato, e non da ultimo uno sfogo necessario. Non vedo l'ora di leggerlo, dice il collega di Nytt på nytt Knut Nærum, lui stesso presente per l'autunno con il libro per bambini Kalle Komet og skreklingene.

- La letteratura per l'infanzia, d'altro canto, suscita un interesse sorprendentemente scarso.

Libri spin-off

Almaas e Nærum dovranno affrontare la concorrenza di diversi colleghi quest'autunno. Anche Rune Gokstad si tuffa negli archivi della NRK con Funny Moments, Tore Strømøy scrive di genealogia, Noman Mubashir pubblica la versione libro di En Noman i Pakistan e il reporter della NRK Olav Viksmo Slettan fa il suo debutto nella narrativa con il romanzo per ragazzi The Remarkable Story of Dingo Mortmann . Inoltre, Ellen Ørnes (Antiquariato e pipe da fiuto), Toppen Bech (Herskapelig), Lise Finckenhagen (Frokost-TV), Henry Notaker, Ingrid Espelid Hovig e l'ex reporter della NRK Jahn Otto Johansen portano tutti dei libri. I voti della P2 non saranno peggiori. Sia Sylfest Lomheim di Språkteigen, Terje Nordby di Mytekalender che il guru dei viaggi Jens A. Riisnæs pubblicheranno libri questo autunno.

Tramite TV 2, Finn Schjøll presenterà la sua autobiografia På lifet løs. Confessioni di un fiorista, mentre Terje Sporsem, concorrente di Skal vi danse, pubblica la scuola di ballo di Terje. Øyvind Mund porta la serie TV Gyldne tider sullo scaffale, e il conduttore della colazione appena assunto da TV 2, Arill Riise, pubblica il reportage dei sunnmørs Herring and Grandiosa, mentre il tour manager di Gutta på Arne Hjeltnes usa la sua esperienza di lavoro a Hong Kong per il Fish Export Committee in Alt per Noreg. Dall'Ovest al selvaggio Austen. Non dimentichiamoci anche Extreme, l'autobiografia di Sharon Osbourne, attualizzata attraverso il reality di MTV The Osbournes. Tra gli editori Kagge e Damm sono in testa all'autunno televisivo.

- Per noi, questo avviene un po' a ondate. Quest'anno abbiamo diversi libri legati alla TV, mentre l'anno scorso non ce n'erano quasi. In passato questi libri riguardavano citazioni sportive o resoconti dei corrispondenti esteri di NRK, ma ciò non è più vero nel mercato odierno. D'altro canto, le nostre esperienze di vendita variano e, se avessi conosciuto la ricetta del successo, probabilmente avremmo pubblicato molti più libri legati alla TV, afferma Erling Kagge, editore di Kagge Forlag.

Knut Nærum ha debuttato con Å nel 2000, dopo essere stato per un anno un appuntamento fisso sullo schermo televisivo il venerdì sera. A quel tempo aveva già scritto per il teatro e pubblicato diversi album di cartoni animati in passato, ma non voleva davvero diventare uno scrittore.

- Sono stato invitato a diventare scrittore da due diversi editori nella stessa settimana. Ma quando è arrivato il libro, sono rimasto molto sorpreso dal fatto che abbia venduto peggio delle raccolte con il fumetto Bloid. Stare in TV mi ha dato una piccola spinta e allo stesso tempo ero un po' felice che gli acquirenti di libri norvegesi non mordano nulla solo perché è in TV.

Nærum non esclude l'effetto TV, ma ritiene che sia molto più importante avere una premessa chiara per il libro piuttosto che semplicemente un volto familiare.

Secondo lui questa è stata la ragione della svolta nel 2001 con la storia della letteratura norvegese: gratuita

secondo la memoria.

- Veterani come Haagen Ringnes e Rolf Kirkvaag iniziarono presto a guadagnare soldi in televisione

l'effetto. Le persone visibili sono spesso più loquaci del solito e amano mettersi in mostra, mentre agli editori piace pubblicare debuttanti già famose, dice Nærum.

Erling Kagge ritiene che ciò non sia automatico.

- È del tutto possibile che sia d'aiuto con un autore conosciuto dalla televisione, ma dipende da chi sei. Ci sono parecchie persone di alto profilo che ci hanno contattato per scrivere un libro, ma di cui non è mai venuto fuori nulla.

Lavoro di incarico

Ane Farsethås, critico letterario di Dagens Næringsliv, ritiene che la tendenza non riguardi solo le celebrità televisive. Se leggiamo gli elenchi autunnali di Gyldendal, Aschehoug, Cappelen, Damm, Kagge, Tiden e Samlaget, troviamo oltre 20 giornalisti norvegesi di alto profilo con libri e romanzi specialistici, e non abbiamo incluso tutti gli editorialisti, revisori e commentatori nazionali .

- Alla maggior parte delle persone che parlano nei media o scrivono sui giornali è stato probabilmente chiesto di scrivere un libro una o più volte. Questa è un'espressione della fame degli editori di nuovi nomi di autori, e sono bravi a perlustrare il mercato alla ricerca di persone che hanno lasciato il segno.

Farsethås sottolinea che oggi gli editori lavorano in misura maggiore sulla base delle proprie idee editoriali e della norvegiazzazione dei libri stranieri, piuttosto che sulle idee presentate.

- La scrittura dei compiti è molto diffusa e probabilmente in crescita in Norvegia. Almeno a giudicare da tutti quelli di cui senti parlare, a cui viene chiesto di scrivere libri su argomenti di cui difficilmente sa nulla. La sfida in questi casi è riuscire a dire di no, secondo lei.

Potrebbe piacerti anche