Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Energia sicura

Sicurezza energetica
Forfatter: Roland Dannereuther
Forlag: Polity Press (UK)
Energy Security fornisce importanti conoscenze sull'interazione tra sicurezza energetica, crescita economica, sostenibilità ecologica e giustizia sociale. 




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Chi pensa che la "sicurezza energetica" suoni come un argomento arido e poco interessante dovrebbe ricredersi. Fondamentalmente, l'energia è il motore della società moderna, e quindi un argomento su cui tutti trarremo vantaggio dall'apprendere di più. Roland Dannereuther vede la sicurezza energetica come un valore per lo Stato, la società e gli individui, ma anche un valore che viola costantemente valori come prosperità, sostenibilità e giustizia. Al fine di illuminare come entrambi interagiscono e si oppongono l'uno all'altro, il libro discute il rapporto tra fornitori di energia e consumatori, interessi nazionali e internazionali, tra diversi mercati energetici (carbone, petrolio, gas, energia nucleare ed energia rinnovabile), tra attori e strategie politiche così come tra storia e presente.

Sicurezza energetica è un libro equilibrato, ben scritto e ricco di prospettive con un chiaro filo conduttore, che riesce a dare una presentazione completa di questo complesso campo multidimensionale. Dannereuther non cede mai alla tentazione di ridurre il tutto a una variabile esplicativa – al contrario, apre una comprensione più profonda di ciò che è in gioco attraverso i suoi molti diversi approcci all'argomento. Lungo la strada, alterna quasi senza soluzione di continuità tra la descrizione naturalistica del mondo così com'è e l'intuizione costruttivista che la realtà viene costantemente creata e quindi anche malleabile.

Dipendenza dal percorso. L'energia è una realtà fisica di cui si può discutere a livello tecnico, ma Dannereuther chiarisce che la realtà contiene molto più di questo. Carbone, petrolio, vento e sole diventano rilevanti in questo contesto solo quando li convertiamo in energia utilizzabile, e questo processo avviene sulla base di meccanismi sia sociali, economici e politici. Il fatto che oggi la Norvegia sia un prospero paese petrolifero e possieda un gigantesco fondo di investimento ha molto a che fare con il fatto che le risorse sono state reperite, investite ed estratte nel quadro di una burocrazia statale ben consolidata, un organismo legale funzionante sistema e una democrazia equilibrata. Se vogliamo comprendere il tema della sicurezza energetica, questi fattori devono essere presi in considerazione.

Nel 2017 è troppo presto per concludere che siamo nel mezzo di una rivoluzione energetica verde.

Nell'interazione tra risorse materiali, soluzioni tecnologiche, investimenti finanziari e interessi politici, l'energia riguarda anche linee di sviluppo storiche. Per 200 anni, le risorse fossili sono state inserite in una narrazione più ampia sulla società moderna. Il denaro e il prestigio investiti creano una dipendenza dal percorso che rende difficile cambiare rotta nella direzione delle fonti energetiche rinnovabili. Sebbene esistano soluzioni rispettose dell’ambiente, gli attori economici e i decisori politici continuano a scommettere sui combustibili fossili. La crescita economica a breve termine ostacola quindi non solo la sostenibilità ecologica, ma paradossalmente anche la sicurezza energetica a lungo termine.

Rivoluzione verde in attesa. Nel tentativo di comprendere cosa sta accadendo, può essere utile distinguere tra le azioni politiche previste e ciò che risulta da complesse interazioni tra vari fattori e attori. Tra le altre cose, questa intuizione può essere utilizzata per far luce su tre diversi mercati energetici: L'olio è stato sollevato politicamente, ed è oggi così intrecciato nei modelli di utilizzo e nelle soluzioni tecnologiche che è improbabile che la sua storia finisca presto. Energia nucleare è troppo dispendiosa in termini di risorse e costosa per potersi rafforzare attraverso puri meccanismi di mercato, e negli ultimi decenni è mancato il sostegno politico di cui aveva bisogno per diventare significativa. L'energia rinnovabile è attualmente in crescita, lungo un percorso caratterizzato sia dal sostegno politico che da un gioco più complesso di sviluppo tecnologico, opportunità di guadagno finanziario e aumento della domanda. Ma non è detto che questa tendenza continui, e nel 2017 è troppo presto per concludere che siamo nel mezzo di una rivoluzione energetica verde.

Cos'è la sicurezza? Questa incertezza influenza il modo in cui Dannereuther considera il rapporto tra la sicurezza energetica e le sfide ecologiche del nostro tempo, tra cui il cambiamento climatico. L’evidente distanza tra la necessità di responsabilità globale e la pressione nazionale per coprire tutto il fabbisogno energetico è un buon esempio. La distanza tra questi due aspetti illustra la complessità del lavoro volto a stabilire soluzioni di politica ambientale.

Nel corso della discussione è importante comprendere che il tema stesso della "sicurezza" può essere visto da diversi punti di vista. Analiticamente è comune distinguere tre posizioni principali: la prospettiva realistica, che collega la sicurezza alla difesa militare e agli interessi personali degli Stati all'interno di un sistema internazionale anarchico; la prospettiva liberale, che sottolinea che il mondo è costituito da una molteplicità di attori, in cui la sicurezza può essere stabilita attraverso quadri e regolamenti internazionali sulla produzione, vendita e uso dell'energia; E la prospettiva radicale, che evidenzia che né gli interessi personali degli Stati né le soluzioni del mercato globale garantiscono la giustizia sociale e soluzioni sostenibili.

Complesso e ambiguo. Il punto di vista che adottiamo determinerà ciò che sembra essere importante e il modo in cui valutiamo ciò che vediamo. Dannereuther alterna le diverse prospettive, ad esempio quando parla degli sviluppi in Cina, Russia e Medio Oriente. Coloro che pensano di essere al limite probabilmente penseranno che l'autore sia troppo vago qui. Ma secondo me mostra piuttosto una capacità esemplare di mettere in luce ambiguità e complessità. Un esempio è l'incontro con i conflitti in Medio Oriente e il ruolo degli Stati Uniti in essi: sia la politica di potenza che la lotta per le risorse sono qui considerate come fattori importanti, ma l'autore rifiuta che tutto possa essere ridotto a meccanismi causali unidimensionali. Al contrario, Roland Dannereuther sottolinea che l'azione degli Stati Uniti si basa su una complessità di fattori.

Svein martello
Svein Hammer
Hammer è un dottore in scienze politiche. in sociologia e revisore regolare in Ny Tid.

Potrebbe piacerti anche