Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Maghi e profeti del futuro della natura

Il mago e il profeta: due straordinari scienziati e le loro visioni da duello per plasmare il mondo di domani
Forfatter: Charles C. Mann
Forlag: Alfred A. Knopf (USA)
In un efficace mix di polemica e storia delle idee, questo libro mostra come la situazione ambientale sia un prodotto delle idee che abbiamo al riguardo.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Il giornalista scientifico Charles C. Mann è meglio conosciuto per i due libri 1491 og 1493, che parla dell'America prima e dopo Colombo, raffigurata come una trasformazione ecologica creata dalla cultura e piena di connessioni inaspettate. Il mix di parassitologia, demografia, ecologia e agronomia si ripete nel nuovo libro, che parla del futuro oltre che della storia.

Mann prende parte alla propria storia e attinge al suo lavoro di reporter in giro per il mondo, dove l'agricoltura e l'ecologia sono state al centro. Il libro inizia con un incontro con il leggendario microbiologo Lynn Margulis, apparso nel suo ambiente immediato in gioventù e che in seguito incontra come docente all'università. Con una visione scientifica e distaccata della difficile situazione dell'umanità – forse bilanciata da un caloroso amore per il microbiota – ha mostrato una veloce pellicola di batteri in una capsula di Petri che si moltiplica attorno a un grumo di nutrimento. Ben presto la popolazione batterica accelera a una velocità enorme, si attacca al bordo della ciotola, consuma l'ultimo cibo e muore. Per Margulis il confronto con la situazione umana non era una vaga analogia, ma un risultato invariabile delle stesse leggi naturali.

Guardie di frontiera profetiche

Che viviamo sotto i limiti assoluti della natura e dobbiamo adattarci di conseguenza è il messaggio principale del libro del "profeta" William Vogt, che nel 1948 pubblicò il suo Strada per la sopravvivenza. Gli avvertimenti di Vogt furono accompagnati da inquietanti scritti elettorali e da spietati discorsi tonanti, come quello di Osborn Il nostro pianeta saccheggiato, Onesto La bomba della popolazione e quello del Club di Roma Limiti alla crescita. Quali esperienze si celano dietro la chiamata dei profeti ambientali?

Mann prende parte alla propria storia e attinge al suo lavoro di reporter in giro per il mondo, dove l'agricoltura e l'ecologia sono state al centro.

Mann si impegna a descrivere il percorso di Vogt da ornitologo per hobby ad ambientalista, e la sua esplorazione delle sottili connessioni dell'ecologia che rivelano la vulnerabilità della vita. Nella giovinezza di Vogt, la lotta contro la malaria portò al prosciugamento delle zone umide in tutti gli Stati Uniti, inclusa la sua amata Long Island, con conseguenze fatali per l'avifauna. Vogt fece campagna e protestò, ma rimase come testimone sconcertato e senza pubblico: gli interessi umani venivano prima – dimenticate gli uccelli! La svolta arrivò quando indagò sull’ecologia delle colonie di cormorani peruviani, che “fornivano” fertilizzante guano – che veniva letteralmente venduto come sterco tritato sul mercato mondiale – finché la pesca eccessiva nel mare attorno alle colonie di cormorani decimò la popolazione di uccelli. La ricerca di connessioni così evidenti e anche più intricate ha aiutato Vogt a ribaltare il messaggio: anche gli interessi umani prima o poi vengono influenzati dal comportamento predatorio e dalla cecità rispetto alle connessioni della natura.

Vogt riassume la sua visione profetica nel termine ingegnoso "sostenibilità", che originariamente è stato preso dal trasporto marittimo. Come ha sottolineato Malthus, la popolazione cresce raddoppiando, mentre la produttività agricola aumenta con una curva più lenta. I profetici ammonimenti di Vogt: "vivere più modestamente", "evitare i pesticidi", "mangiare più in basso nella catena alimentare" – possono essere percepiti come necessari, ma sembrano a molti impossibili da attuare su larga scala. La goletta è troppo grande per essere virata rapidamente, afferma laconicamente Mann.

Magia e illusioni

Se non abbiamo ancora lasciato che i profeti ci spaventassero inducendoci alla moderazione, al controllo della popolazione e allo stato di emergenza, è in gran parte perché abbiamo ascoltato altre voci, soprattutto quelle dei "maghi" tra noi. L'altra figura nel doppio ritratto di Mann è il premio Nobel Norman Borlaug, l'uomo dietro questo ritratto la rivoluzione verde, a cui è stato riconosciuto il merito di aver salvato un miliardo di persone dalla fame.

L'acceso miscuglio di preoccupazione e curiosità dell'autore diventa la forza trainante del libro.

Il miracolo simile a Gesù della moltiplicazione del pane è stato realizzato da Borlaug con mezzi piuttosto prosaici: un incrocio mirato e intricato di grano e altri cereali che, combinato con fertilizzanti artificiali, ha fatto salire alle stelle la produzione agricola. Se il quadruplicamento della popolazione mondiale nel XX secolo non ha portato a una carestia diffusa, è in gran parte grazie al “mago” della tecnologia agraria. Questa meraviglia scientifica diventa anche il massimo esempio per tutti coloro che vogliono cancellare i profeti del giorno del giudizio e il messaggio stesso che la crescita ha i suoi limiti naturali. "La scienza troverà una soluzione a questo", affermano i seguaci del mago con un ottimismo un po' forzato, confidando che gli interventi e le innovazioni tecnologiche di domani ci permetteranno di vincere la partita cambiando le regole.

I profetici seguaci di Vogt sottolineano che tali soluzioni magiche sono in realtà illusioni: saremo sopraffatti dai limiti della natura, e con doppia forza, poiché le tecno-soluzioni creano nuovi problemi e spingono la natura oltre i suoi limiti in modi sempre più irreversibili. L'eccessiva fertilizzazione, ad esempio, sradica il lombrico, il che aiuta le prestazioni del suolo – e quindi crea la necessità di ancora più fertilizzanti, che impoveriscono ulteriormente il suolo. Gli interventi tecnocratici della Rivoluzione Verde sulla natura oggi includono sia l'ingegneria genetica che una grande quantità di pesticidi chimici. Critici come Vandana Shiva lo hanno descritto come un rimedio contro gli effetti collaterali dei farmaci, senza rendersi conto che la cura è diventata la malattia. A questo, i tipici maghi risponderanno come Borlaug: beh, siamo in una situazione malata, ma è proprio per questo che è troppo tardi per parlare di misure preventive e di cosa sia esistono – Sono necessari interventi chirurgici e cure per i cavalli se vogliamo farcela quando presto saremo 10 miliardi sul pianeta.

Direzioni incompatibili

Allora chi ha ragione? L'autore stesso dubita fino alla disperazione, e la sua accesa miscela di preoccupazione e curiosità diventa la forza trainante del libro: con dovizia di esempi approfonditi, revisioni storiche di fatti e considerazioni, cerca di mediare tra posizioni che sembrano profondamente incompatibili.

Ma non possiamo mescolare le strategie? Cautela ecologica più efficienza inventiva? Mann descrive le fattorie vicine in California, dove una coltiva un'ampia gamma di alimenti biologici, mentre l'altra coltiva mais geneticamente modificato in una monocoltura e raccoglie tramite macchinari. I due proprietari terrieri sono amici, operano a modo loro e per ragioni diverse e vendono sui propri mercati. Su scala più ampia, la contraddizione è tuttavia un conflitto: il “terreno” condiviso dai maghi pro-progresso e dai profeti critici della crescita è la terra stessa – un territorio comune. Spingono verso futuri diversi e rispecchiano le rispettive argomentazioni, in un tiro alla fune che è morale, politico e scientifico allo stesso tempo.

I "maghi" che sostengono la modificazione genetica, i fertilizzanti artificiali e la geoingegneria vedono l'uomo come un'eccezione alla natura che può superare in astuzia le circostanze e cambiare il gioco a proprio vantaggio. In questo modo, ci sono meno motivi per limitare la crescita e otteniamo costantemente nuovi mezzi per continuare l’espansione umana. Per i "profeti" la situazione è diversa: dobbiamo renderci conto che noi ikke è un'eccezione alla natura, ma come i batteri nella capsula di Petri cresceranno fino a quando non cancelleremo la nostra stessa base di vita.

Naturalmente l’analogia è imperfetta: a differenza dei batteri, noi abbiamo la coscienza e la conoscenza per predire il futuro. Possiamo correggerci prima che avvenga il collasso. Il profeta spera così anche che noi possiamo diventare un'eccezione alle leggi della natura – comprendendoli. Oltre alle nostre risorse mentali, abbiamo accesso a risorse naturali che – a differenza dei batteri nutriti nell’esperimento di laboratorio – possono essere rinnovate se coltiviamo la terra secondo i termini della natura. Vista da questa prospettiva, è la terra stessa a praticare la vera stregoneria – mentre l'uomo è piuttosto l'incauto apprendista dello stregone.

Anders Dunk
Anders Dunker
Filosofo. Critico letterario regolare a Ny Tid. Traduttore.

Potrebbe piacerti anche