Teatro della crudeltà

Tre abili debuttanti

Tre diversi debuttanti che offrono romanzi promettenti. Il tempo dirà chi riuscirà a dare seguito a questo offrendo nuovi romanzi interessanti.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Alcuni anni fa, le debuttanti ricevevano relativamente molta attenzione quando uscivano con i loro libri di narrativa, questa tendenza si è invertita negli ultimi due anni e come debuttanti non è affatto garantita l'attenzione. Ny Tid ha esaminato tre dei romanzi esordienti di questo autunno e dà un'occhiata più da vicino ai libri.

Le possibilità

I Le possibilità di Cathrine Knudsen incontriamo due narratori in prima persona Mona e Rune, i due sono fratelli e alle prese con la loro relazione con un padre alcolizzato.

Il romanzo inizia con Mona che incontra suo padre nella città della sua infanzia, questo incontro non è drammatico e la costituzione del padre non viene rivelata. Ma il fatto che il romanzo inizi con un incontro con il padre ne indica l'importanza. L'azione si sposta quindi a Bergen, dove viene rappresentata la vita quotidiana di Mona, principalmente il suo lavoro in un istituto, ma apprendiamo anche che scrive.

Quando il punto di vista si sposta su Rune, convince suo padre a visitare Trondheim e il padre viene chiarito come una persona con cui è difficile relazionarsi. Racconta anche della vita quotidiana di Rune con un lavoro come guardiano notturno in un istituto e di una relazione che inizia con una donna.

Dopo le parti introduttive, le loro vite a Bergen e Trondheim vengono lasciate alle spalle. In primo luogo, ognuno di loro ha la propria sequenza a Drammen, dove vive la madre, anche il rapporto con lei non è privo di problemi.

In un paio di parti, Mona e Rune si esibiscono insieme. Sono andati in Spagna alla ricerca del padre, hanno appuntamento con lui, ma non si presenta e devono cercarlo. La cosa si ripete, lo cercano e lo trovano, in condizioni sempre peggiori. Nell'ultima parte, Mona è sola e cerca suo padre.

Il titolo Le possibilità si riferisce al corso della vita e alle opportunità che Rune e Mona hanno avuto. Sono bravi a scuola e lavorano sodo e stanno entrambi iniziando a studiare. Entrambi iniziano anche con qualcosa di abbastanza comune per studenti e accademici; accettano un lavoro nel settore dell'assistenza. Rune, mentre in realtà sta per frequentare un master, Mona, mentre lei in realtà vuole scrivere. Mona e Rune sono ancora relativamente giovani, ma sentono ancora i limiti che arriveranno. Mona dice: "Sento che le mie difese stanno iniziando a crollare. Il disprezzo. Prima di avere tutte le possibilità, quando ero più giovane ero solo possibilità, piena di possibilità. Ma ora le possibilità mi hanno sbalordito. Adesso è il disprezzo che comincia a farsi sentire." Il libro ha molti passaggi così precisi con intuizione e serietà.

Il titolo Le possibilità si riferisce anche al padre, che ha rinunciato a quelle che molti chiamerebbero buone opportunità di vivere dalla parte della società. Sia Mona che Rune hanno esperienza con persone dalla parte della società attraverso il loro lavoro nelle istituzioni. Nel corso del romanzo, entrambi lasciano questi lavori. Rune inizia a lavorare in un bar in Spagna mentre cerca suo padre. Mona lascia e va in Spagna per cercare suo padre e lo trova. Questo può essere letto come se Mona lasciasse il suo lavoro di prendersi cura di altre persone per prendersi invece cura di suo padre.

Il romanzo è ben scritto. Le obiezioni sono che l'azione non è collegata abbastanza bene. Sembra che le vite di Mona e Rune siano tratteggiate in modo un po' arbitrario all'inizio e poi scompaiano, questa parte della trama non ha seguito.

Incontro

Anche in Incontro di Anne Gjeitanger ci sono due punti di vista e voci narranti diversi. In ogni sezione, il punto di vista si alterna tra Racconto e Mimi. L'azione si svolge in meno di due giorni in cui Tale arriva in treno da Oslo per visitare Mimi che ora vive nella sua casa d'infanzia a Jæren. Sono passati più di cinque anni dall'ultima volta che si sono visti. Allora Mimi era l'insegnante di Tale in una scuola d'arte ad Amburgo.

Il cambio di punto di vista dona una bella dinamica alla lettura, e mostra come le persone interpretino diversamente anche i piccoli eventi quotidiani. In superficie non succede molto durante questi due giorni, ma entrambe le donne riflettono sulle loro vite; il rapporto con l'opera, cioè con le arti visive, e i rapporti d'amore poco chiari con ciascun uomo. Tale ha circa 30 anni, lavora in una galleria e fatica a produrre i propri dipinti. Mimi ha 20 anni più di Tale e inaugurerà una mostra personale. Tale ha una relazione con un uomo sposato. Mimi è ancora legata a Carlo, un po' difficile, con cui ha vissuto ad Amburgo e che ora viaggia per il mondo. Anche il defunto fratello di Tale è un pensiero con cui Tale lotta.

Il momento culminante drammatico del romanzo è quando le due donne riescono a incontrarsi in una conversazione. Causato da un piccolo guasto a Tale. Il racconto riesce ad aprirsi a Mimi e tra loro nasce un barlume di intesa. Allo stesso tempo, è in questa sequenza che il libro si avvicina al tumultuoso. "Certo che ce l'ha, lei lo sa adesso, e sa che è diventato diverso, cresciuto, forte. Come in quel sogno. Qualcuno che si prende cura di lei, ma che ancora non riesce a tenere il passo con tutto ciò che fa, con ogni pensiero che ha, e forse non tutti sono ugualmente importanti. Qui può essere esagerato, troppo pretenzioso, con troppi paroloni, ma soprattutto il romanzo si bilancia bene dal punto di vista linguistico.

Piuttosto, l'obiezione principale è che è troppo breve, che lo scontro tra Mimi e Tale è forzato in fretta e Tale se ne va senza vedere la mostra di Mimi per la quale è venuta. Il libro è lungo solo 123 pagine, potrebbe benissimo essere più lungo.

Befaler di Kongen

Linda Gabrielsen romana Befaler di Kongen ha un tradizionale narratore in prima persona in tutto il romanzo. Questo sé alterna la prospettiva di un giovane adulto e la prospettiva di un bambino con l'accento principale sull'infanzia. Anche se sono io a narrare, anche la sorella Liv è al centro della storia. Il romanzo parla delle due sorelle Ingrid e Liv che crescono con la nonna e il nonno. Mora è una signora lontana che viene a trovarci solo in rare occasioni e non sappiamo di nessun padre. Il rapporto tra nonna e nonno viene descritto come raramente buono. Il nonno ama la nonna e la nonna, da parte sua, è eccezionalmente bella. Anche la gita alla discarica all'inizio del libro dipinge un quadro armonioso di questa piccola famiglia, dove io, il nonno e la nonna stiamo benissimo, solo la sorella suggerisce il contrario. Il suo disagio ci fa capire che qualcosa non è come dovrebbe essere. Nemmeno lo è. Il nonno abusa sessualmente di Liv. La debuttante qui cerca di dire qualcosa su questo argomento vasto, in parte tabù e serio, e talvolta ci riesce bene. Man mano che la trama si sviluppa, anche il Nonno si scatena. La nonna scopre l'enorme tradimento del nonno, ma non riesce a lasciarlo né a salvare i nipoti. È così che i quattro sono legati insieme in una realtà familiare appiccicosa da cui nessuno può uscire. Probabilmente non sorprende che Liv e Ingrid abbiano ancora problemi in età adulta. Ma la loro vita in età adulta può diventare alquanto vaga e poco chiara. Il romanzo dà chiaramente il meglio di sé quando racconta l'infanzia.

Il romanzo inizia e finisce con il sé adulto. All'inizio si prova come modella per uno scultore e finge di essere cieca. Alla fine, va a trovare sua sorella e cerca di darle il coraggio di non rinunciare alla vita. Il romanzo conferma quanto sia devastante essere esposti all'incesto. Problematizza anche il ruolo di colei che è sposata con l'aggressore. Come mi dice mia nonna da adulta dopo la morte di mio nonno: "Herman era il mio grande amore! Nessuno chiamerebbe meschino un uomo simile! Ingrid, stai ascoltando?" Il romanzo ha diverse parti con titoli che insieme formano la frase: "tutte le storie iniziano da qualche parte nel mezzo di un'altra storia". Quella frase probabilmente rappresenta la certezza dell'autore che questa sia solo una parte di una storia che qui viene raccontata. Come lo saranno tutte le storie.

Caterina Knudsen

"Le possibilità"

Dam 2005

Linda Gabrielsen

"Il re comanda"

Aschehoug 2005

Anne Gjeitanger

«Incontro»

Ottobre 2005

Potrebbe piacerti anche