Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Tortura in norvegese

La politica di asilo norvegese non è degna della società.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[23. Febbraio 2007] Sei rinchiuso in una cella senza acqua, servizi igienici e luce naturale. L'unica cosa che puoi mangiare è un sacchetto di cibo liofilizzato al giorno. Sei depresso e autodistruttivo, ma non c'è nessun medico in prigione. Ogni volta che ti addormenti, le guardie vengono e ti svegliano, ogni 15 minuti per tutta la notte. Così sei stato per sei mesi, e così sarai per altri sei mesi, prima di essere scortato fuori dal Paese verso un futuro incerto. Non sei a Guantanamo. Ti trovi nel collegio per immigrati di Trandum a Gardermoen.

Nei prossimi due mesi il Ministero del Lavoro e dell'Inclusione presenterà proposte di modifica alla legge sull'immigrazione, per poter finalmente adottare nuove norme per il collegio. Sono stati progettati da un gruppo di professionisti riunito dal ministro della Giustizia Knut Storberget, e il gruppo avrà, tra le altre cose, un consiglio di sorveglianza separato per gli stranieri a Trandum. È quasi ora. Quando la scorsa settimana il difensore civico civile Arne Fliflet ha presentato il suo rapporto allo Storting, si è basato in gran parte sulle critiche precedentemente avanzate dal comitato per la tortura del Consiglio d’Europa: i detenuti di Trandum non hanno protezione legale e sono imprigionati in pessime condizioni senza la possibilità di provare i loro casi.

Sono successe molte cose da quando Ny Tid è stato il primo giornale a visitare il collegio nell'estate del 2002. La maggior parte di esse non è degna dello stato di diritto. Minori non accompagnati richiedenti asilo, malati di mente e famiglie pesantemente oppresse sono stati rinchiusi in condizioni legali che hanno spinto Arild Humlen dell'Ordine degli avvocati norvegese a tracciare parallelismi con Guantanamo a Ny Tid un anno fa. Ma dopo la visita del Ministro della Giustizia a Trandum nel maggio dello scorso anno, sono stati fatti piccoli passi verso un miglioramento. Le celle lisce sono chiuse e le regolamentazioni stanno arrivando. Aiuterà la situazione a Trandum. Ma non è abbastanza.

“Cerco di evitare di creare problemi a me stesso e agli altri. Ma dopo sette anni di attesa, ogni speranza è perduta," ha detto l'iracheno a Ny Tid quando siamo andati a trovarlo al centro di accoglienza per richiedenti asilo di Dale un anno fa. Pochi giorni dopo, ha preso in ostaggio un dipendente in un'azione drammatica che si è conclusa con la sua condanna a quattro anni di carcere questa settimana. L'ex detenuto di Trandum aveva aspettato sette anni per avere chiarimenti sulla possibilità di restare nel Paese. Non è solo. La politica norvegese in materia di asilo è un sistema che produce destini come il suo. Persone in difficoltà restano per anni nei centri di accoglienza di tutta la Norvegia, in attesa di chiarimenti. Mentre si siedono lì, i loro diritti sono minimi e le loro opportunità poche. Puoi pensare da solo. Un'esistenza senza speranza, lavoro, soldi e futuro.

Potrebbe piacerti anche