Ordina qui l'edizione estiva

Per colpire il futuro

Nel 1968, gli studenti manifestarono per il cambiamento sociale. Oggi vogliono preservare il vecchio.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[31. marzo 2006] Quando ieri gli insegnanti norvegesi hanno intrapreso uno sciopero politico illegale, si sono uniti ai ranghi dei lavoratori di tutta Europa che lottano per i loro sudati diritti. 1,5 milioni di dipendenti municipali britannici hanno scioperato questa settimana contro il deterioramento dei regimi pensionistici per i dipendenti municipali. In Germania, i metalmeccanici hanno scioperato per fare pressione sui datori di lavoro affinché triplicassero la loro offerta salariale. E in Francia, la gente ha dimostrato di essere ancora campione del mondo negli scioperi. Lì, diversi milioni hanno manifestato contro la proposta del governo per una nuova legge sul lavoro. I nostalgici hanno tracciato il confine tra le battaglie di piazza di oggi e le manifestazioni studentesche del 1968. Ma la rivolta ha cambiato carattere.

Oggi è radicale essere conservatori, dice Torbjørn Røe Isaksen di Unge Høyre, indossando un'uniforme di sinistra con bottoni e pantaloni bucati. In molti modi ha ragione. Mentre la rivolta studentesca e la lotta per i diritti negli anni '1970 ruotavano attorno alla possibilità di cambiamento, gran parte della lotta che la sinistra tradizionale e il movimento sindacale stanno combattendo oggi ruota attorno alla conservazione del vecchio.

Oggi il mercato del lavoro sta subendo drastici cambiamenti, anche a causa del fatto che la divisione del lavoro ei flussi migratori sono diventati globali. In Germania e in Francia la crisi è acuta. Quando le autorità francesi ora vogliono introdurre un periodo di prova di due anni per i giovani lavoratori, è un tentativo disperato di abbassare la disoccupazione in un gruppo in cui il 20% è senza lavoro. Le autorità sperano che la misura semplificherà l'assunzione dei giovani di minoranza che di recente hanno dato fuoco alle automobili. In Francia, anche i nazionalisti di destra sostengono lo sciopero.

È facile capire che il movimento sindacale rifiuta di rinunciare ai diritti senza combattere. Il problema è che non offrono alternative. È importante preservare buone regole per la vita lavorativa, ma non è sufficiente lottare per vecchie soluzioni in risposta alle sfide che ci troviamo di fronte. È tempo di ripensare.

Potrebbe piacerti anche