Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Il futuro dell'Europa

EUROPA / MODERN TIMES ha recentemente visitato il Parlamento europeo a Strasburgo e ha incontrato uno dei fondatori della Conferenza sul futuro dell'Europa – dove sono stati discussi i seguenti temi: valori democratici, cambiamento climatico, giustizia sociale e sicurezza del lavoro, diritti umani, difesa europea e la trasformazione digitale. Questa è la base per ORIENTERING questa volta, come abbiamo chiesto a un certo numero di opinionisti norvegesi in gran parte della stessa cosa nelle pagine seguenti. E qui con Daniel Freund, membro del partito Die Grünen in Germania, non potevamo non parlare di clima.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Daniel Freund (nato nel 1984) è stato a casa Parlamento europeo per Die Grünen in Germania dal 2019. È stato coinvolto fin dall'inizio nella creazione della Conferenza sul futuro dell'Europa, che funge da panel con circa 200 partecipanti selezionati casualmente, o assemblee cittadine (AC) – quelli che chiameremmo consigli cittadini o assemblea dei cittadini in norvegese . Ciò è iniziato con il suo interesse per i consigli cittadini irlandesi sulla legge sull'aborto e un'altra CA sul matrimonio per tutti indipendentemente dall'orientamento:

"Quando è nata l'idea di The Future of Europe, l'abbiamo resa molto più grande di quanto chiunque avesse inizialmente pensato". Dal settembre dello scorso anno sono stati organizzati a Strasburgo diversi grandi raduni e le loro proposte di riforma saranno ora sintetizzate nel mese di maggio i Strasburgo, dove il presidente Macron presiede la presidenza. I temi principali sono stati i valori democratici, il cambiamento climatico, la giustizia sociale e la sicurezza del lavoro, i diritti umani, la difesa europea e la trasformazione digitale.

"A differenza dei consigli cittadini nazionali, qui abbiamo incontrato partecipanti di 24 lingue diverse, ad esempio persone provenienti da Cipro, dalla Finlandia settentrionale o dal Portogallo. Sono fermamente convinto che i consigli cittadini funzionino. I cittadini selezionati casualmente che partecipano riassumono le loro proposte dopo un intenso dibattito e una serie di consultazioni o conferenze di esperti. Ma poi i politici devono effettivamente tradurre le riforme in cambiamenti concreti."

Alla domanda se il Parlamento europeo si impegnerà davvero a rispettare le proposte avanzate, poiché non sono giuridicamente vincolanti, Freund risponde: "Sento che il Parlamento europeo prende davvero la cosa sul serio, ma i governi dei membri nazionali sono più riservati. Ma i cittadini di questi paesi ora hanno accesso alla nostra piattaforma online, il che è fantastico. Voglio discussioni aperte: come i cittadini europei vogliono che sia il loro futuro?”

Secondo Freund, il grande processo è consiglio cittadino ora non è più possibile fermarsi né ignorare. Almeno per alcune questioni chiave in discussione: "Stiamo ora dando forma al dibattito pubblico, e questo è qualcosa che i politici non possono ignorare: devono seguire i cittadini o non essere rieletti?"

Il problema dei veti

Un problema dell’Ue è che le decisioni si basano sull’unanimità, vale a dire che i singoli paesi hanno la possibilità di porre il veto: “Per me questa è la questione numero uno da cambiare. Ad esempio, l’ungherese Viktor Orbán può bloccare la proposta secondo cui le grandi aziende dovrebbero pagare una tassa minima nell’UE. Oppure le società di comodo del Lussemburgo dovrebbero riuscire a convincere i propri politici a porre il veto all’Europa?"

Con veto Secondo Freund, ad esempio, la Cina può impedire all'UE di avere un'opinione sui campi di concentramento nello Xinjiang cinese, influenzando uno degli Stati membri dell'UE.

Ma in alcuni casi, oggi nell’UE, è stata raggiunta la cosiddetta maggioranza qualificata, come per gli atti giuridici o le leggi sull’agricoltura e altre cose.

Freund sottolinea anche come con la pandemia siano state stanziate ingenti somme di denaro per la distribuzione o che 750 miliardi di euro siano stati accantonati per la politica climatica e la digitalizzazione. Con questi soldi – e altri che saranno necessari nel tempo – puoi fare qualcosa negli anni a venire Europa al primo continente a impatto climatico zero al mondo. Riguarda la cooperazione legata al clima, come nel campo dell’energia: “Se lo facciamo insieme, ha più senso, come collegare insieme l’energia eolica della Danimarca, l’energia solare della Spagna e l’energia idroelettrica della Norvegia, piuttosto che 27 paesi che corrono in tutte le direzioni”.

Daniel Freund

Il verde dà e la Norvegia

Gli chiediamo qui al Parlamento europeo a Strasburgo di spiegarci di più sull'UE verde giv#: "Prima di tutto si trattava di eliminare l'unanimità. Quando la Polonia e l’Ungheria hanno posto il veto sul bilancio, l’hanno abbandonato quando abbiamo detto loro che in tal modo avrebbero perso il sostegno finanziario nel bilancio”.

Freund cita tre iniziative importanti quando gli chiedo di essere più specifico: "Prima di tutto dobbiamo cambiare agricolturauno per eliminare le enormi emissioni. In secondo luogo, quando si tratta di trasportosettore, è necessario investire maggiormente nelle stazioni di ricarica per le auto elettriche e nello sviluppo di linee ferroviarie veloci in tutto il continente europeo, in modo da eliminare un certo numero di voli in tutta Europa. E in terzo luogo, occorre sviluppare grandi reti di energie rinnovabili energiforniture. Come accennato, quando in uno c’è molto sole e in un altro ci sono molte montagne con energia idroelettrica, questa può essere collegata in un’unica grande rete rinnovabile – come quando un’area con energia solare è buia, l’energia eolica può essere ottenuta da un’altra”.

Chiedo cosa pensa del norvegese qualcuno del Partito Verde tedesco olioproduzione e inquinamento. In Norvegia ho ottenuto MDG sotto il 20% alle ultime elezioni politiche, mentre in Germania il partito di Freund era vicino a entrare in un governo di coalizione – e forse con lui come ministro dell'ambiente: "L'inquinamento da petrolio non è qualcosa che può essere fermato da un giorno all'altro, ma dovremmo eliminarlo gradualmente insieme l’energia fossile nei prossimi XNUMX anni. So che è una grande fonte di reddito per la Norvegia, ma bisogna smettere di pensare solo al denaro e diventare più ecologici. Dobbiamo tutti assumerci la responsabilità e dare l’esempio. Stai aprendo la strada con forse la più grande quota mondiale di auto elettriche. Ma se vogliamo sopravvivere, prima o poi dobbiamo lasciare che il petrolio e il gas rimangano dove sono. Abbiamo un problema simile anche da dove vengo, dove si guadagna molto denaro dal carbone."

menziono Norvegia come un piombino quando si tratta di collegare l'Europa con i treni ad alta velocità, e Freund risponde: "Credo che la Norvegia avrebbe dovuto essere membro dell'UE, poiché bisogna introdurre la maggior parte delle leggi dell'UE senza poter dire nulla su di loro al tavolo di discussione. Lo trovo altamente antidemocratico. Si paga parte del budget, senza poter dire a nessuno come vengono utilizzati i soldi."

Parlamento A Strasburgo. Foto: Truls Lie

difesa europea

Altro tema discusso al convegno sul futuro dell'Europa è la difesa comune europea: "Ci sono molti aspetti in una difesa europea. Come è noto, la guerra è distruttiva e militaremateriale altamente inquinante. Ma anche quando 27 paesi acquistano elicotteri, veicoli e altro, ciò risulta molto più costoso di una cooperazione coordinata. Basti pensare a quanto è stata gestita in modo disastroso l’evacuazione dall’Afghanistan: non siamo riusciti nemmeno a proteggere l’aeroporto di Kabul”.

Freund torna sul problema dell'unanimità e del veto: "Oggi non possiamo nemmeno avere una politica estera comune, né concordare risoluzioni o sanzioni. Quindi faccio fatica a capire come possiamo inviare insieme carri armati e aerei in aree vulnerabili... Ma è proprio questo che dobbiamo essere in grado di coordinare ora, poiché abbiamo bisogno di riforme istituzionali. Bisogna dare più potere al Parlamento europeo e abbiamo bisogno di un governo europeo in grado di prendere decisioni."

Freund ammette che può sembrare un pio desiderio. Gli chiedo quindi se è possibile abolire il principio di veto, magari allontanando i Paesi che non aderiscono su questioni importanti: "Non esiste la possibilità di escludere nessuno dall'Unione. Ma quello che possiamo fare è che la parte del leone vada avanti con le riforme e lasci che gli altri restino indietro: potranno sempre restare partecipanti in seguito. Come nel caso della Norvegia. La porta è sempre aperta e spero che voi in Norvegia un giorno entrerete da quella porta con le vostre opinioni su come dovrebbe essere l'Europa in futuro."

Uniti nella diversità

Chiedo se esiste un valore europeo a cui Freund sta a cuore e ottengo la risposta "libertà". Ma forse pensa di più alla libertà di poter essere diversi. Per lui la libertà non è diversa da ciò che gli americani inseriscono nel termine: "Penso al motto europeo di essere uniti nella diversità ("uniti nella diversità"). Penso che le differenze in Europa siano maggiori che negli Stati Uniti, ma possiamo ancora essere uniti e la nostra diversità probabilmente ci rende più forti. La libertà non è evitare di pagare le tasse”.

Vedi anche https://www.europarl.europa.eu/news/en/press-room/20210913IPR12351/conference-on-the-future-of-europe-how-to-follow-the-european-citizens-panels

Trulli mentono
Truls Liehttp: /www.moderntimes.review/truls-lie
Redattore responsabile di Ny Tid. Vedi i precedenti articoli di Lie i Le Monde diplomatique (2003–2013) e morgenbladet (1993-2003) Vedi anche par lavoro video di Lie qui.

Articoli Correlati