Teatro della crudeltà

Tolto l'onda di allenamento

L'età del fitness
Forfatter: Jürgen Martschukat, oversatt av Alex Skinner
Forlag: Polity (Storbritannia/USA)
REALIZZAZIONE PERSONALE / Sopravvivenza del più in forma: si tratta di mantenersi in forma e prendersi cura della propria produttività. Hai anche un'app che misura la frequenza cardiaca, i passi e la qualità del sonno.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Viviamo nel mezzo di un'ondata di salute che si è diffusa nel mondo occidentale dagli anni '80. Siamo costantemente interessati all'autorappresentazione, che ci ha reso più consapevoli del nostro corpo e di come appariamo. Il fanatismo dell'esercizio sta prendendo un posto sempre più ampio nella società. Gli articoli su dieta ed esercizio fisico hanno avuto un posto altrettanto importante nei giornali online come le notizie mondiali. Com'è che ci siamo così preoccupati di fare esercizio e mangiare bene?

Secondo Jürgen Martschukat, l'autore dietro L'età del fitness, sono le nostre azioni basate sul desiderio di provare un senso di appartenenza alla società costruita sull'autorealizzazione e sulla prosperità. Il corpo – razza, genere e fisico – definisce il nostro posto e il nostro status nella società. Fino all’inizio degli anni ’80, quasi tutti gli sport – tennis, sollevamento pesi, ciclismo, golf e jogging – venivano descritti dai media americani come attività riservate esclusivamente agli uomini bianchi. La donna comune non è stata inclusa nell'ondata del fitness finché l'attivista Jane Fonda non ha inventato un nuovo genere con i suoi video di fitness. Ha venduto 17 milioni di cassette VHS di aerobica in tutto il mondo. Questi video sono diventati importanti per l'autorealizzazione delle donne attraverso l'essere sportive e in forma. Allo stesso tempo, hanno contribuito ad aumentare la pressione corporea tra le giovani donne: il corpo ideale dovrebbe essere snello, flessibile e sexy, indossando abiti sportivi attillati.

pixabay

Sopravvivenza del più adatto

Fin dagli albori del capitalismo è stato tracciato un rapporto diretto tra l'essere in buona forma fisica e l'essere in grado di rendere al massimo come lavoratore ad alta produttività. The Age of Fitness è scritto con una prospettiva storica per spiegare come l’essere in forma abbia acquisito un’importanza crescente nell’era del neoliberismo. Il neoliberismo è una rinascita del liberalismo classico sorto alla fine del XIX secolo. L'idea si basava sul concetto biologico di evoluzione e sopravvivenza del più adatto e veniva applicata in un contesto sociale in cui la competizione tra cittadini dovrebbe promuovere il meglio di noi. Associamo il neoliberismo a leader come Margaret Thatcher e Ronald Reagan, ma questo tipo di politica ha svolto un ruolo dominante in Norvegia a partire dagli anni ’19.

La scoperta della pillola Viagra ha assicurato all'azienda farmaceutica Pfizer una posizione dominante tra gli attori globali.

Il neoliberismo apre la strada al lavoro autonomo e all’attività imprenditoriale, che a loro volta richiedono autodisciplina e motivazione. È l'individuo che è responsabile del miglioramento di se stesso, del mantenersi in forma e del mantenimento della propria produttività. Ciò significa anche lavorare consapevolmente per posticipare la vecchiaia naturale, poiché la barriera alla partecipazione sociale generalmente aumenta con l’età, soprattutto in un paese come la Norvegia. Le aziende farmaceutiche hanno aumentato considerevolmente la loro quota di mercato al consumo scommettendo su farmaci preventivi e integratori alimentari che ci aiuteranno a mantenerci in forma, giovani e magri. È stata proprio la scoperta accidentale della pillola di Viagra a garantire all'azienda farmaceutica Pfizer una posizione dominante tra gli attori globali.

Si tratta anche di ottimizzazione costante. Non sono solo le merci e i processi lavorativi a dover essere ottimizzati. Anche le persone devono essere migliorate e adattate in ogni momento, il che significa che non raggiungiamo mai del tutto l'obiettivo, che siamo costantemente alla ricerca di una versione migliore di noi stessi. Gli orologi e i telefoni intelligenti promettono di darci un controllo migliore attraverso app che misurano la frequenza cardiaca, i passi e la qualità del sonno, in modo che possiamo allenarci in modo ancora più efficace. Indossare un orologio fitness è di per sé uno status symbol, segnala che sei preoccupato per la tua salute e per mantenerti in forma.

Attuale in Norvegia

Quasi ogni giorno leggiamo sui giornali della pressione dovuta al rendimento scolastico, di quanto sia difficile trovare un lavoro dopo la laurea e di quanto sia impossibile entrare nel mercato immobiliare. I media ricordano costantemente ai lettori e ai giovani la competizione là fuori. L'eroe delle storie che ci vengono presentate è l'imprenditore che ha iniziato a mani vuote e si è fatto strada fino alla ricchezza e al riconoscimento. O qualcuno che è stato colpito da un tragico incidente, ma che, contro ogni previsione, è riuscito a ritrovare un corpo forte. Viene sottolineato quanto sia importante essere propositivi e avere una spinta interiore, un'elevata capacità di lavoro e capacità di implementazione. Le storie parlano di struttura, disciplina e autocontrollo. Forse è giunto il momento di presentare modelli alternativi per i giovani?

Il libro di Jürgen Martschukat si basa sul suo lavoro di ricerca in Germania e negli Stati Uniti sulla cultura del cibo e del fitness e sul loro rapporto con le strutture sociali. Dal momento che abbiamo adottato molte delle norme sociali americane, così come la cultura alimentare americana, lo è L'età del fitness molto rilevante anche per i lettori norvegesi. Il libro è divertente e allo stesso tempo scritto in modo intelligente. Non ti farà togliere l'orologio Fitbit, ma potrebbe darti una migliore comprensione del motivo per cui senti questa pressione ricorrente a fare più esercizio fisico e a metterti in forma.

Margherita Hruza
Margareta Hruza
Hruza è un regista ceco/norvegese e critico abituale di Ny Tid.

Potrebbe piacerti anche