Ordina qui l'edizione estiva

Riprendendo Sophiatown

Cinquant'anni dopo che il Partito Nazionalista ha preso il potere nel famoso sobborgo, il nome originale è tornato al suo posto.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[sudafrica] [Cultura] Amos Masondo è il sindaco di Johannesburg. Questa settimana ha segnato un cambio di nome definitivo e ufficiale: da Triomf a Sophiatown, insieme a politici locali, artisti e centinaia di ex residenti di Sophiatown. Nel suo intervento, parti del quale sono riprodotte sul sito web del Comune di Johannesburg, ha sottolineato l'importanza simbolica del quartiere.

- Il nome Sophiatown fa rivivere i ricordi di un quartiere vivace, creativo e multiculturale. Un luogo in cui artisti, scrittori e musicisti hanno potuto svilupparsi, contro ogni previsione. E dove bianchi, neri e meticci convivevano nella tolleranza.

Negli anni '1940 e '50, Sophiatown era una sorta di stato libero, dove persone di ogni estrazione razziale potevano cantare, ballare e bere birra locale nelle birrerie. Il giorno in cui il Partito nazionalista ha trasferito con la forza più di 65.000 residenti neri, si è detto che uno ha perso non solo un posto, ma un ideale.

- Per l'establishment bianco, Sophiatown è diventata una minaccia. Il distretto ha espresso opposizione all'apartheid e al razzismo istituzionalizzato, afferma Amos Masondo.

Il quartiere era povero, con un alto fattore di gangster e condizioni di vita miserabili, ma con un'energia e una vitalità urbane che si sono scritte nella storia africana. Qui il movimento di resistenza nera ha avuto i suoi primi incontri politici, guidati dal dottor Xuma, dall'arcivescovo Trevor Huddlestone e da Nelson Mandela. Miriam Makeba si è esibita qui per la prima volta, così come il trombettista di fama mondiale Hugh Masakela e Abdullah Ibrahim.

Le autorità di Johannesburg, guidate dal sindaco, vogliono ripristinare più di 800 nomi di strade e luoghi, e ritengono che ciò sia particolarmente importante per la nuova generazione. L'Agenzia per l'ambiente, i trasporti e la pianificazione di Johannesburg ha stanziato più di due milioni di corone per il lavoro, che è in corso dal 2001.

Casella dei fatti:

Candidato all'Oscar

[film] Il film sudafricano Tsotsi è stato recentemente candidato all'Oscar come miglior film in lingua straniera e ha fatto piazza pulita di numerosi festival cinematografici internazionali. Il film parla del crimine di gruppo sudafricano, dove il titolo Tsotsi è preso direttamente dalla Sophiatown degli anni '1930 e '40. Tsotsi verrà in Norvegia a marzo. È stato proiettato con il tutto esaurito durante il festival del cinema di Göteborg, ora all'inizio di febbraio. Maggiori informazioni sul film su www.totsi.com.

Potrebbe piacerti anche