Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Carenza

Il nostro sfortunato destino (ANTI-ODIPO ED ECOLOGIA)

FILOSOFIA: Può un modo di pensare in cui il divenire, la crescita e il cambiamento sono fondamentali, aprire nuove comprensioni e atteggiamenti verso il mondo nuovi ed ecologicamente più fruttuosi? Per Deleuze e Guattari il desiderio non inizia con la mancanza e non è desiderio di ciò che non abbiamo. Attraverso un focus sul desiderio come connessione e connessione – una comprensione dell’identità e della soggettività come fondamentalmente legate all’intermedio che la connessione costituisce. Ciò che mettono in luce sottolineando questo è come il desiderio edipico e il capitalismo siano legati tra loro e alla costituzione di una particolare forma di identità personale o soggettività. Ma in questo saggio di Kristin Sampson l'Anti-Edipo è legato anche al presocratico Esiodo, a qualcosa di completamente pre-edipico. TEMPI MODERNI offre al lettore qui una profonda immersione filosofica nel pensiero.

Deleuze e la filosofia della resistenza

ANTIEDPO: È ca. 50 anni dalla pubblicazione del libro francese Anti-Edipo – Capitalismo e schizofrenia. Pubblichiamo quindi qui un nuovo saggio del professor Knut Stene-Johansens, tra l'altro, su questo libro da lui tradotto dal francese al norvegese nel 2002. Secondo lui, il libro è colorato, un panno rosso nella mischia dell'autocelebrazione filosofia e altri grandi dell'analisi. L'Anti-Edipo è una “macchina del desiderio” esemplare – intesa come sistema di violazioni. L'opera mostra un'opposizione forte e costruttiva alla psicoanalisi freudiana e alle affermazioni di verità della filosofia tradizionale. Il loro concetto positivo di desiderio contrasta con il concetto di Freud e Lacan, che è visto negativamente come una mancanza. Allo stesso tempo: tutti i testi di Deleuze rappresentano una forma di resistenza.