fbpx

Parole chiave: film

Rolf Hiller

Di merda culturalmente nel tuo nido

1 NOVEMBRE 1969: Osservazioni di Sigurd Evensmo

Dirigersi

Collezione di aforismi di Robert Bresson Le note sul cineasta sono raramente di stile e minimaliste, finalmente disponibili in traduzione danese.
video

Harepus in terra nazista

Sonja Henie crea ancora una divisione nel pubblico. E non è facile stabilire la sua reputazione: era un'eroina o un determinato egoista?
video

Vicinanza al convenzionalismo americano

Dei due nuovi film sul massacro di Utøya, è Ricostruire Utøya che, attraverso i resoconti onesti di quattro sopravvissuti, in tutta la sua semplicità ci consente di vedere sia l'entità della tragedia sia una via da seguire per le persone coinvolte.

Movimento cinematografico rivoluzionario

Bridges of Time è un omaggio ai registi che hanno plasmato la poetica tradizione documentaria nel Baltico; un movimento cinematografico rivoluzionario che ha combattuto per la libertà umana durante l'occupazione dell'Unione Sovietica.

Poetico su un popolo occupato

Il cuore dell'oceano è un'esplorazione poetica della vita degli indigeni a Tahiti e nella Polinesia francese e rivela le conseguenze fatali delle esplosioni nucleari e della colonizzazione.

Un omaggio a casa

On the Ruins of a Dream è un esercizio per riflettere su cosa significa una casa, ma anche su cosa significhi perderlo.

Film: settembre

...

Film: agosto

...

La funzione dell'oblio

The Tale è un racconto autobiografico e ambivalente di abusi e traumi successivi, basato sull'esperienza personale del regista Jennifer Fox da bambino.

Un'eco vivace da una zona di guerra

A seguito di un tassista tanzaniano in una piccola città nella provincia di Donetsk, in Ucraina, Long Echo presenta una nuova visione di una storia che è praticamente scomparsa dalle notizie quotidiane sui media europei.

La lotta per la sopravvivenza

Il regista britannico Kim Longinotto realizza film documentari su outsider ribelli, in cui le donne che lottano per la propria sopravvivenza sono le protagoniste.

Un atterraggio con il paracadute nell'archivio missione

Il documentario Morten Vest si è imbattuto nell'archivio della filiale danese della Missione del Sudan degli Stati Uniti, mescolando parti da lì con interviste di oggi. Il risultato è una storia interessante ma storica.

Partita di identità in Croazia

Srbenka è un abile metateater che coinvolge le esperienze e i ricordi degli attori della guerra degli anni '90. Fornisce anche una buona visione di come la vita quotidiana sta diventando evidente tra la minoranza serba in Croazia.
ARKIVOLOGI

Dall'archivio alla tela

Catherine Russell ha fatto una lettura della cosiddetta archeologia - un modo di creare, interpretare, reinterpretare ed evocare la storia attraverso il mezzo cinematografico.

Film: giugno

...

Film: maggio

...

Film: aprile

...

1968–2018 - il sogno sopravvive

Guardando indietro al 1968 durante il Festival Internazionale del Documentario di quest'anno a Salonicco.

La rinascita di un classico spagnolo "perso"

Un ritratto indiretto ma rivelatore della Spagna in un doloroso periodo di transizione.

Guardando oltre i confini

Il danese The Distant Barking of Dogs raffigura un bambino di dieci anni che cresce in prima linea in Ucraina, mentre lo svedese The Deminer parla di un incursore di mine nell'Iraq devastato dall'IS.

Interpretazione e pregiudizio

Le drammatizzazioni della nostra grande tragedia nazionale sono in linea. Perché è più sensibile che uno straniero gestisca la storia del 22 luglio di uno dei nostri registi?

Il conquistatore dell'inutile

Una vera democrazia deve essere aperta al dissenso, alle differenze e all'inutile. E solo attraverso questa "conquista dell'inutile" possiamo avvicinarci alla verità.

Selfie dall'Olocausto

Il documentario di Austerlitz osserva le orde di persone che visitano i campi di concentramento tedeschi, come se fossero un'attrazione turistica.

Riumanizzazione dei rifugiati

Con un approccio discreto e discreto, il regista e antropologo Laurent Van Lancker lascia che gli abitanti del campo ormai distrutto di Calais descrivano la loro società separata con le loro stesse parole.