Ordina qui l'edizione estiva

Riprenditi la città

Le agenzie pubblicitarie internazionali stanno conquistando le nostre città.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[25. maggio 2007] C'è una rivoluzione in atto. L'americana Clear Channel e la francese JCDecaux hanno tranquillamente stipulato accordi con almeno 31 comuni norvegesi per grandi spazi pubblicitari. I consigli comunali di Oslo e Bergen si sono uniti agli interessi economici francesi e americani nella lotta contro la volontà popolare. Il piano è chiaro, ed è formulato nei dieci comandamenti di Clear Channel per una buona pubblicità: le città devono essere caratterizzate da sesso, bambini e celebrità – nella più ampia prospettiva possibile, con luce, movimento e quattro colori.

A Bergen, tutti i politici del consiglio comunale della città sono stati convocati come testimoni quando il comune siede ora sul banco dell'accusa presso il tribunale distrettuale. Devono affrontare una richiesta di risarcimento di 5 milioni di corone norvegesi, perché i politici hanno usato il loro diritto democratico di votare contro un accordo che avrebbe influenzato il paesaggio urbano di Bergen per almeno 15 anni. L'amministrazione ha stipulato una convenzione tra Clear Channel e il comune, riguardante 900 cure di lettura finanziate con pubblicità e 225 manifesti pubblicitari di grandi dimensioni e dominanti. Ma il 24 ottobre 2005, i rappresentanti eletti di Bergen hanno detto chiaramente di no all'annuncio. Il consiglio comunale non vuole che siano gli americani a decidere come dovrebbe essere la città.

Allo stesso modo, i politici del consiglio comunale di Oslo volevano riprendere il controllo della capitale, quando nello stesso autunno hanno incaricato il consiglio comunale di rimuovere la pubblicità sulla torre di discesa della metropolitana. Le torri erano state erette a tarda notte senza l'approvazione politica. Ma le torri pubblicitarie deturpano ancora la città e il consiglio comunale non ha alcun controllo. Gli eroi rivoluzionari franco-americani della pubblicità installano costantemente nuove pensiline per autobus, barricate autoportanti, rastrelliere per biciclette e torri, tutte caratterizzate da grandi manifesti pubblicitari luminosi.

Ora il consiglio comunale di Oslo ha presentato un piano completo per la regolamentazione della pubblicità nel paesaggio urbano. L'iniziativa è geniale. I mezzi visivi possono essere rumore visivo, ma un paesaggio urbano ben pianificato può sopportare annunci chiari in alcuni punti. Sfortunatamente, la proposta concreta è deludente. Le torri pubblicitarie indipendenti, di cui traggono profitto solo le aziende private, saranno fortunatamente bandite. Lo stesso vale per la pubblicità indipendente. Ma con una possibile eccezione: le barricate autoportanti alte poco più di due metri che si ergono in mezzo ai marciapiedi delle strade pedonali di Oslo. Allo stesso tempo, il consiglio comunale manterrà il divieto di affissione. In questo modo i grandi attori possono continuare, mentre la vita culturale locale non riesce a pubblicizzare i propri eventi da nessuna parte. E così la rivoluzione continua, contro la volontà del popolo.

Ora il popolo, attraverso i funzionari eletti, deve agire. Restituisci la città ai suoi cittadini.

Potrebbe piacerti anche