Teatro della crudeltà

Applicazione di canto

Eurosong è kitsch in Occidente. A est, c'è una domanda per entrare a far parte della comunità culturale europea e dell'UE.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[musica] Luiz Ejlli guarda solitario nel camino, circondato da un gruppo di vecchi in costumi tradizionali popolari. La telecamera riprende grandi hotel e spiagge invitanti, mentre i vecchi ballano a bordo piscina. È la prima volta che l'Albania partecipa a Eurosong, che ancora chiamiamo Melodi Grand Prix qui in Norvegia. Il video per la canzone "Zjarre ħald" venderà sia Ejlli che l'intera Albania al resto d'Europa.

- La maggior parte dei paesi dell'Europa orientale ha la stessa percezione di Eurosong che aveva la Norvegia fino agli anni '1980 inclusi. È uno spettacolo di intrattenimento, ma lo prendono molto sul serio. Ha a che fare con l'orgoglio nazionale, crede l'esperto del Melodi Grand Prix Jostein Pedersen.

Biglietto d'ingresso nell'UE

Dopo che l'Estonia vinse la finale nel 2001, Eurosong ha sempre più simboleggiato la porta verso la nuova Europa per gli stati dell'Europa orientale. La Cortina di Ferro e la Guerra Fredda se ne sono andate, e invece si parla di musica pop, economia di mercato, battaglia culturale e abiti scintillanti. Quest'anno, 16 paesi che prima erano nascosti dietro la cortina di ferro partecipano alla battaglia per la vittoria nella competizione melodica.

- Nell'Europa dell'Est, l'Eurosong ha un grande significato politico ed è considerato uno dei tanti possibili biglietti d'ingresso per l'adesione all'UE. Ecco perché l’Albania si propone come nazione turistica. La competizione è un mezzo per mostrare all'Europa che è un sofisticato paese occidentale, e quando paesi come Estonia e Ucraina hanno vinto e hanno dovuto ospitare la finale televisiva, è stata sia una forte esperienza che una sfida importante, ritiene Pedersen.

Nonostante la partecipazione di Israele, Turchia e Jugoslavia, è stato soprattutto nell'Europa occidentale che Eurosong è stato un parco giochi per la musica pop. Anche se la concorrenza è ancora forte in Svezia, Germania e nei paesi del Benelux, in Occidente la sua popolarità è diminuita. La competizione si è in gran parte trasformata in uno spettacolo da baraccone musicale. Parallelamente al calo di interesse in Occidente, dopo la caduta dei regimi comunisti lo spettacolo ha ripreso nuova vita e nuove emittenti hanno chiesto di aderire all'Unione europea di radiodiffusione (EBU).

Lo spartiacque arrivò nel 2001. Poi Tanel Padar e Dave Benton vinsero la finale per l'Estonia con la canzone "Everybody". Poco dopo la vittoria, l’UE è cresciuta

sostegno forte in Estonia, in passato il più scettico sindacalmente tra i nuovi paesi candidati.

"L'Estonia si ritirò dall'Unione Sovietica. Ora canteremo per entrare in Europa", disse l'allora primo ministro Mart Laar. Quando l’anno successivo l’Estonia condusse una finale senza spot per 50 milioni di corone norvegesi – più del budget annuale totale della televisione estone – la nuova Europa dell’Est si distinse come sicura di sé e moderna.

- I paesi dell'Europa occidentale probabilmente hanno più bisogno di dimostrare che considerano la competizione come un gioco e un carnevale, come il contributo dell'Islanda quest'anno, oppure romperanno completamente con quello che viene percepito come tipico stile Eurosong, come il contributo finlandese di quest'anno. Tuttavia, è importante ricordare che l'approccio ironico nei contributi non è riservato solo agli artisti dei cosiddetti vecchi Stati membri, afferma Hilde Arntsen, ricercatrice presso il Dipartimento di scienza dell'informazione e dei media dell'Università di Bergen.

- Tuttavia, come trasmissione televisiva, Eurosong è presa molto sul serio nell'Europa dell'Est. I fondi statali spesso contribuiscono a soddisfare i requisiti finali dell'EBU per la produzione televisiva, per mostrare i vari aspetti del paese come nazione turistica, per attrarre investimenti esteri e per aumentare la consapevolezza della gente sui vantaggi del paese ospitante. Eurosong può quindi fungere da erede mediatico delle precedenti esposizioni mondiali in cui diversi paesi hanno mostrato il loro progresso tecnico, dice il ricercatore sui media.

Arntsen ha paragonato le mostre finali di Oslo nel 1996, Tallinn nel 2002 e Riga nel 2003, per dire qualcosa sulla creazione dell'identità nazionale e della comunità europea.

- Per molti paesi, la partecipazione ha significato avvicinarsi alla comunità culturale europea e abbattere le vecchie barriere tra Oriente e Occidente. Partecipando, i paesi prendono le distanze dal periodo dietro la cortina di ferro, mentre allo stesso tempo i vincitori dimostrano di essere in grado di gestire un programma televisivo di tale portata, di saper codificare in un mercato mediatico più ampio – e quindi anche di dimostrare che possono gestire altre sfide.

Rivoluzione pop

Quando l'Ucraina fuggì con la vittoria nel 2004, vedemmo un nuovo aspetto politico dell'Eurosong: la finale in patria dell'anno successivo divenne uno strumento nella lotta per il potere politico interno, e nella finale l'Ucraina fu rappresentata dal trio rap Greenjolly con la canzone "Razom nas bagato". Questo è stato un omaggio al presidente Viktor Yushchenko. In precedenza, veniva utilizzato come inno di libertà nelle strade di Kiev durante la Rivoluzione arancione. Ma poiché le norme dell'EBU vietano la politica, la religione e le forti espressioni di opinione nell'Eurosong, il trio ha dovuto eliminare tre parole dalla canzone, compreso il nome di Yustchenko.

- Il significato politico dell'Eurosong non è mai stato così chiaro come durante la finale di Kiev, appena sei mesi dopo la Rivoluzione Arancione. La finale fu trasmessa sul grande schermo in Piazza della Rivoluzione davanti a 300.000 persone, e Ruslana, che vinse l'anno prima, è oggi un'icona nazionale, dice Jostein Pedersen.

Crede inoltre che molti dei contributi orientali si distinguano per un maggiore carattere nazionale e per una marcata influenza della musica popolare. Anche Hilde Arntsen vede il paradosso nel fatto che i paesi partecipanti devono evidenziare le loro caratteristiche nazionali per diventare parte della comunità.

- Puoi suonare a livello nazionale e regionale per farti notare, oppure puoi provare a trovare uno stile Eurosong nella musica e nelle performance in cui l'attenzione al corpo dell'artista è spesso prominente. È un po' un paradosso che per cercare di inserirsi nel contesto europeo si debba mettere in mostra la propria unicità. Allo stesso tempo, non dovrebbe essere troppo diverso. Esiste un delicato equilibrio tra la manifestazione dell’individualità e l’appartenenza alla comunità.

Pochi voti vicini all'est

[unito] In vista del referendum sulla nuova Costituzione europea del 2005, il fronte del No nei Paesi Bassi ha ricevuto un ulteriore impulso. I ricercatori elettorali ritenevano che il motivo del no fosse che gli europei dell'Est avevano votato l'uno per l'altro nella finale del Gran Premio, così che Glennis Grace dei Paesi Bassi fu eliminato in semifinale. Allo stesso tempo, una nuova ricerca ha dimostrato che le voci dei vicini sono molto più diffuse in Occidente che in Oriente.

Il rapporto di ricerca "Come si decide l'Europa? Connessioni, cricche e compatibilità tra paesi nell'Eurovision Song Contest" è uscito poco prima della finale dello scorso anno e ha dimostrato che il voto dei vicini è un fenomeno diffuso nel Gran Premio. Tra i migliori vicini, i ricercatori hanno trovato la Svezia

Danimarca e Grecia-Cipro, mentre la regione nordica nel suo insieme è stata il gruppo meglio coordinato tra più di due paesi. Secondo il rapporto i legami di amicizia tra i paesi confinanti dell’Europa orientale sono molto meno numerosi. Lì i ricercatori non hanno trovato sistemi corrispondenti nel voto.

Potrebbe piacerti anche