Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Trappola del milione nero

L'unica compagnia carboniera norvegese sta perdendo milioni di corone e sta litigando per oltre un miliardo rubato.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[carbone] Mentre i politici norvegesi sono sempre più positivi sull'energia a carbone, Store Norske Spitsbergen Kulkompani è alle prese con l'economia. Dopo diversi anni senza il sostegno statale, Store Norske potrebbe ora dover chiedere aiuto allo stato per 250 milioni di NOK. La compagnia sta andando in tribunale contro le compagnie assicurative dopo il più grande incendio industriale della Norvegia – e c'è quasi un miliardo di corone nel piatto.

Il CFO Sissel Danielsen dice a Ny Tid che il risultato operativo sarà tra 200 e 300 milioni di NOK peggiore del previsto quest'anno.

- Solo a novembre ne abbiamo perse oltre 60

milioni di corone, a causa dell'interruzione della produzione e delle navi mercantili in attesa di carbone, afferma il direttore della produzione Harry Higraff.

Store Norske compirà 90 anni quest'autunno, Longyearbyen ne compirà 100 questa primavera. Per molto tempo, l’estrazione del carbone è stata la base e l’alibi per l’insediamento alle Svalbard. L'estrazione del carbone alle Svalbard non è mai stata rispettosa dell'ambiente, né redditizia, se si trascurano gli ultimi due anni. Il carbone è stato uno strumento politico per mantenere una società in un importante punto focale politico. La metà degli anni-uomo a Longyearbyen sono ancora legati alla Store Norske e alle operazioni sui derivati.

All'inizio del nuovo millennio, tuttavia, i proprietari del Ministero del Commercio e dell'Industria

tornata nel sacco, dal 2002 Store Norske ha dovuto arrangiarsi da sola. E lo hanno fatto, brillantemente – con

sul trono il regista Robert Hermansen. Non solo l’azienda è riuscita a gestire senza il governo, ma ha anche guadagnato soldi. Nel 2004, il carbone è stato venduto per 1,3 miliardi di corone norvegesi e il profitto è stato di 216 milioni di corone norvegesi. Il direttore Hermansen sognava di essere nominato gazzella a Dagens Næringsliv e il prezzo del carbone aumentava. Poi ha cominciato a bruciare.

Il 1° luglio 2005 scoppiò un incendio nella miniera di carbone di Svea Nord, sei miglia a sud di Longyearbyen. Il più grande incendio industriale della Norvegia è durato otto mesi e la produzione ordinaria è ripresa solo il 22 aprile di quest'anno. Nell'incendio l'azienda ha perso quasi un miliardo di corone e da allora è in conflitto con le compagnie di assicurazione. Recentemente il quotidiano locale Svalbardposten ha scritto che la Store Norske si rivolgerà in tribunale con una richiesta di 800 milioni di corone norvegesi.

- È raro che ci sia un caso giudiziario nel settore assicurativo

importa. Ciò dice qualcosa su quanto grande sia il disaccordo in questo caso, dice l'avvocato Jan B. Jansen a Ny Tid.

Il 1° dicembre risponde a nome delle quattro compagnie d'assicurazione al tribunale distrettuale del Nord Troms.

Ny Tid viene informato che la differenza tra le parti è di diverse centinaia di milioni di corone. L’anno scorso, lo Stato non è riuscito a prelevare un dividendo e ha restituito alla società 100 milioni di corone norvegesi. Il direttore di Store Norske, Robert Hermansen, dice a Ny Tid che se la società non vince, potrebbe essere opportuno chiedere ai proprietari, cioè allo stato, una nuova partecipazione di 250 milioni di corone norvegesi.

- Prima o poi si parlerà di un investimento nell'azienda, non torneremo ai tempi del regolare sostegno statale, dice Hermansen.

Negli anni '1980 e '1990, Store Norske dipendeva da ingenti trasferimenti governativi, fino a 100 milioni di NOK all'anno. Il consulente per l'informazione Arvid Samland presso il Ministero del Commercio e dell'Industria conferma che sono in contatto regolare con Store Norske, ma non specificherà di cosa si tratta. L'avvocato Jansen ritiene che il processo avrà luogo al più presto durante l'estate del prossimo anno.

Store Norske aveva in programma di produrre tre milioni di tonnellate di carbone quest'anno. Ora il direttore finanziario Sissel Danielsen ha dichiarato al Ny Tid che verranno prodotte solo tra 2,4 e 2,5 milioni di tonnellate. Tuttavia, Store Norske non si arrende.

- L'anno prossimo puntiamo a produrre 3 milioni di tonnellate, afferma una produzione ottimistica

direttore Higraff. In tal caso, la produzione sarà superiore di 300.000 tonnellate rispetto al record del 2003.

Se si vuole che le riserve di carbone durino, l’azienda dovrà però ridurre l’estrazione a lungo termine.

- Progettiamo di scendere a due tonnellate all'anno in tre anni, dice Higraff.

Quest'estate si è svolta un'attività di ricerca su larga scala per ulteriore carbone, ma è stato difficile trovare conducenti

riserve degne di nota vicine all'attuale produzione di Svea. Secondo Higraff esiste ancora il carbone

riserve per 20 anni di attività alle Svalbard.

Potrebbe piacerti anche