Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Debole compromesso

Il governo politico non è sempre una buona cosa.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[23. Marzo 2007] Nelle ultime settimane la vita del prete supplente Svein G. Josefsen è sbiadita come un lungo film d'azione, dove la trama si sposta costantemente da un estremo all'altro e non si sa se finirà bene o meno. In primo luogo ha ottenuto un lavoro dal prevosto Trond Bakkevig, in una breve posizione temporanea nella parrocchia di Skøyen. Gli fu poi promesso un lavoro nella parrocchia di Bryn dal preside del posto, Liv Rosmer Fisknes.

Josefsen ricevette un programma di lavoro, iniziò a lavorare e celebrò un funerale il 19 febbraio. Per un giovane precedentemente in congedo per malattia a lungo termine, il lavoro era una vocazione e una gioia. Ma poi il vescovo Ole Christian Kvarme ha deciso di togliergli l'incarico. Come la maggior parte degli interessati sa, mons. Kvarme è un esplicito oppositore dei preti gay in generale. Questa volta è andato oltre soprattutto Josefsen, che definisce il licenziamento, ad eccezione dei problemi cardiaci, "il messaggio più pesante che ho ricevuto nella mia vita". Oggi Josefsen lavora in un negozio di dischi, mentre aspetta la decisione legale se potrà tornare o meno a lavorare in chiesa.

Allo stesso tempo, il Partito Laburista ha avanzato la proposta meno fondata sui principi mai vista per cambiare la Chiesa di Stato. È livellato da tutti i commentatori, quindi lasceremo qui le critiche contro la riluttanza ad assumere posizioni di principio. Tuttavia, vale la pena esaminare il contesto della proposta. Il dibattito sull’esistenza della Chiesa di Stato divide da molti anni non solo il partito laburista, ma la popolazione norvegese. I forti sentimenti legati alla Chiesa come istituzione sociale hanno reso impossibile allo Storting approvare un eventuale scioglimento della Chiesa di Stato.

Pertanto, le due lunghe e approfondite inchieste condotte da Bakkevig e Gjønnes, entrambi favorevoli a organizzare in modo nuovo il rapporto tra Chiesa e Stato, non hanno finora avuto conseguenze costituzionali. La cosa migliore della proposta è un emendamento alla Costituzione, in modo che la Norvegia non abbia più una religione di stato. Questo cambiamento sarebbe dovuto arrivare molto tempo fa ed è l’unica cosa giusta, la Norvegia dovrebbe essere uno Stato per tutti i cittadini, uguali nella fede e nella convinzione. Ma il Partito Laburista non si spinge abbastanza lontano.

Nella proposta i politici non vogliono rinunciare al potere di nominare i vescovi finché la Chiesa non diventerà democratica e non otterrà una maggiore partecipazione alle elezioni ecclesiastiche. Dovrebbero piuttosto sostenere una nuova organizzazione delle elezioni, che sia in grado di mobilitarsi abbastanza bene in modo che coloro che pensano qualcosa sulla Chiesa possano più facilmente partecipare e decidere.

La nomina di Gunnar Stålsett viene utilizzata come prova del fatto che la governance statale può garantire una Chiesa più aperta, inclusiva e liberale. Ma la nomina del vescovo Ole Christian Kvarme dimostra che il potere politico può essere utilizzato anche per scopi contrari. Se alla Chiesa fosse stato permesso di governarsi da sola, Trond Bakkevig sarebbe stato vescovo a Oslo. Svein G. Josefsen probabilmente lo apprezzerebbe.

Potrebbe piacerti anche