Ordina qui l'edizione estiva

SV e l'ambasciata americana

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Il consiglio comunale deve il prima possibile decidere di spostare l'ambasciata degli Stati Uniti fuori dal centro della città. Nessun ritardo è accettabile. Perché questa impazienza? Perché sono in gioco la vita e la salute. L'ambasciata è l'obiettivo terroristico perfetto per chi vuole uccidere e ferire quante più persone possibile. 1850 scolari/giovani (6-18 anni) hanno una strada scolastica proprio accanto all'ambasciata. Tre scuole si trovano entro un raggio di 150 metri dall'ambasciata. L'ingresso ovest della stazione Nationaltheatret è a dieci metri di distanza ed è utilizzato da migliaia di viaggiatori ogni giorno. La stazione è il secondo hub di trasporto pubblico più grande della Norvegia (100.000 utenti al giorno). L'ambasciata si trova in uno degli incroci più trafficati del paese. Passano 60 autobus e tram all'ora. Molte persone vivono nelle immediate vicinanze, alcune a meno di dieci metri dalla zona di sicurezza dell'ambasciata. Il distretto è una trappola del terrore!

Gli attentati con autobomba contro le ambasciate statunitensi in Kenya e Tanzania nel 1998 forniscono un indizio su ciò che potremmo avere in serbo. A Nairobi: 213 morti, 4000mila feriti. A Dar es Salaam: almeno 12 morti, 85 feriti. Quasi tutti i morti erano passanti e persone negli edifici del quartiere, solo pochi erano personale dell'ambasciata. Lo scenario dell'autobomba è probabile anche nel centro di Oslo, affermano esperti, come il professor Tore Bjørgo. Se l'auto è parcheggiata in una strada vicino all'ambasciata e ad altri edifici, causerà enormi danni a causa dell'onda d'urto.

In movimento dell'ambasciata ridurrà la minaccia terroristica alla popolazione in generale, indipendentemente dalla nuova sede, secondo una lettera firmata dal capo del PST Jørn Holme all'inizio dell'anno. Lo spostamento "renderà l'ambasciata meno esposta a possibili tentativi di azione rispetto all'attuale sede non protetta nel centro di Oslo". Decisivo per la valutazione della minaccia è se l'ubicazione dell'edificio dell'ambasciata sia attraente o meno per l'uso di autobombe. Il metodo è allettante se le auto possono essere parcheggiate vicino all'edificio dell'ambasciata e ci sono edifici intorno all'ambasciata che possono concentrare e amplificare lo shock di pressione verso l'obiettivo (l'ambasciata). Come nelle strade di Nairobi e Dar es Salaam. O a Løkkeveien o Hansteensgate a Oslo. Il metodo non è appetibile laddove non sussistano le suddette condizioni.

Muoversi potenzialmente salva molte vite. La maggioranza nel consiglio comunale di SV non accetterà ancora di trasferirsi ora. Il gruppo del consiglio comunale sa che se l'ambasciata rimane a Drammensveien per il prossimo futuro, il che è estremamente probabile se non si decide di trasferirsi ora, la conseguenza è che verranno implementate ulteriori e più ampie misure di sicurezza. Aumenterà la minaccia per la vita e la salute delle persone nell'area perché la zona di sicurezza verrà spostata più vicino a loro. Le conseguenze saranno drammatiche. La rete stradale intorno all'ambasciata è ridotta, accorciata o chiusa. Gli edifici vicini vengono rilevati o demoliti. L'ambasciata diventa una solida fortezza.

La politica di SV in materia significa che il partito mette la protezione degli spazi aperti all'estremità occidentale al di sopra della protezione della vita e della salute delle persone nel centro di Oslo. Come lo difende la maggioranza del gruppo consiliare? Hanno capito la serietà? Hanno una buona coscienza?

Jan Borgen scrive a nome dei genitori degli alunni della scuola Ruseløkka

Potrebbe piacerti anche