Ordina qui l'edizione estiva

Le paludi sono salvate

Le paludi nel sud dell'Iraq sono state salvate dopo essere state sulla via del totale prosciugamento e distruzione sotto Saddam Hussein.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

C'è molta strada tra le buone notizie dall'Iraq che il ministro della Difesa Usa, Donald Rumsfeld, ha chiesto qualche tempo fa. Il programma ambientale delle Nazioni Unite è probabilmente l'ultima persona da cui ti aspetteresti di ottenere qualcosa del genere. Sappiamo che gli ambientalisti non hanno una buona stella tra i neoconservatori al potere a Washington, e l'ONU si è resa "irrilevante", secondo il presidente degli Stati Uniti George W. Bush, quando non ha sostenuto l'invasione statunitense dell'Iraq. Ma è qui che arriva la buona notizia dell'invasione.

L'area paludosa irachena nel sud è stata gravemente colpita dagli anni '1970, quando le dighe e la costruzione di canali hanno iniziato a interessare le aree. Dopo la prima guerra del Golfo, dopo che Saddam Hussein attaccò e occupò il Kuwait, vi fu una rivolta nel sud dell'Iraq a seguito degli appelli a opporsi al despota da parte del governo americano.

il presidente. Saddam represse rapidamente la ribellione, ma poi, per vendetta,

iniziò un vasto programma di drenaggio, sbarramento e deviazione che quasi riuscì a prosciugare e distruggere l'intera area paludosa. Quello che era un ecosistema unico di zone umide si stava trasformando in deserto e su una popolazione di 450.000 abitanti ne rimanevano solo 40.000. Questa zona, dove si incontrano i fiumi Eufrate e Tigri, è vista da molti come l'originale "giardino dell'Eden" come descritto nella Bibbia, ed è spesso chiamata la culla della civiltà.

Il programma ambientale delle Nazioni Unite, UNEP, ha lanciato l'allarme nel 2002 che queste paludi, e la cultura della zona, stavano per scomparire. Le aree paludose si erano poi ridotte a soli 760 chilometri quadrati. L'UNEP è riuscita, attraverso un'ampia deviazione e inondazioni, a riportare le aree paludose al 40 percento della loro dimensione originale prima del 1970. L'UNEP afferma nel suo ultimo rapporto, dal progetto IMOS (Iraqi Marshlands Observation System) sostenuto dal Giappone, che le immagini satellitari mostrano

un tasso di recupero fenomenale, con una crescita fino a quasi 3.500 chilometri quadrati.

Tuttavia, l'UNEP e gli esperti ambientali avvertono che la zona umida avrà bisogno di un follow-up e di un'attenta supervisione per "diversi anni" per riprendersi, ma gli scienziati sono almeno molto sicuri di essere sulla strada giusta. Sebbene l'acqua e la vegetazione sembrino tornare, sono necessarie analisi sul campo della qualità dell'acqua e del suolo nel tempo per poter dire qualcosa sul successo.

“La quasi totale distruzione delle zone umide irachene durante il regime di Saddam Hussein è stato un grave disastro ecologico e umano, che ha sottratto agli 'arabi della palude' una cultura e uno stile di vita secolari come il pesce e altri alimenti, nonché la più importante di tutte le risorse naturali, vale a dire l'acqua potabile”, afferma Klaus Toepfer, direttore dell'UNEP. "Il rapido recupero e la rinascita delle paludi è un segnale positivo, non solo per l'ambiente e le comunità locali che vi abitano, ma come contributo a una maggiore pace e sicurezza per il popolo iracheno e per la regione nel suo insieme".

Oltre a salvare e rivitalizzare le aree paludose, il progetto IMOS ha acquisito molte conoscenze utili che possono essere applicate in altre aree paludose a rischio. Inoltre, Internet è stato utilizzato attivamente e in qualsiasi momento è possibile visitare il sito Web di IMOS (http://gridca.grid.unep.ch/xoops/html/) per aggiornarsi sulle ultime

le novità dal progetto.

Non male per un'organizzazione irrilevante!

Potrebbe piacerti anche