Ordina qui l'edizione estiva

Corso costante – con gli USA

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Ovviamente non è collegato che il nuovo governo dovrebbe perseguire lo stesso corso principale di politica estera e ritirarsi dalla campagna di guerra degli Stati Uniti in Iraq e Afghanistan. È quindi il boss che mantiene le sue parole, mentre le formalistiche e cosmetiche foglie di fico che devono procurarsi la SV e la sinistra nell'AP non possono nascondere la realtà: la Norvegia deve continuare a sostenere le occupazioni guidate dagli Stati Uniti in Iraq e Afghanistan.

Così come il ritiro dei 150 soldati norvegesi nell'estate del 2004, che erano per lo più in protezione del perimetro e proteggendosi, è stato minato dal fatto che la Norvegia

ha mantenuto una dozzina di ufficiali nei settori britannico e polacco dell'Iraq, quindi

il ritiro dei 10-12 ufficiali è ora minato dal fatto che ci sono ancora ufficiali norvegesi in servizio formale della NATO in Iraq. Se sono rimasti uno o quattro soldati norvegesi in Iraq, Bush può ancora dire che "la Norvegia c'è". IN

inoltre, il ritiro del 10-12 è compensato con una maggiore assistenza all'addestramento a Jøttå e possibilmente in altre località del Golfo, mentre allo stesso tempo

La Norvegia continuerà con la sua sostanziale assistenza in armi e sostegno finanziario all'occupazione.

La Norvegia è stata tra le più entusiaste di rafforzare il sostegno della NATO all'occupazione dalla decisione di Istanbul dello scorso giugno. Questo non può essere cambiato ora.

Il movimento per la pace e altri che vogliono che l'occupazione dell'Iraq finisca presto non devono lasciarsi ingannare dalla manovra che si sta compiendo. La richiesta di fermare tutto il sostegno all'occupazione norvegese deve essere rafforzata! Anche le forze all'interno della coalizione di governo che sostengono questo punto di vista devono spingere per questo.

Hind Dhakil, Comitato per un Iraq libero

Potrebbe piacerti anche