oligarchi: L'ex capo degli Yukos e uno dei potenti oligarchi russi, Mikhail Khodorkovsky, è un cattivo o un dissidente?

Gray è un critico cinematografico regolare in MODERN TIMES.
E-mail: carmengray@gmail.com
Pubblicato: 2020-04-10
Cittadino K
Regisør: Alex Gibney
(USA, Regno Unito)

L'improvvisa transizione della Russia dal comunismo al capitalismo del libero mercato è stata brutale e la Russia negli anni '90 è stata chiamata "Il selvaggio West": senza una legislazione legale o altri meccanismi in atto che potessero tenere il passo con lo sviluppo, una manciata di imprenditori intelligenti è riuscita a scavare l'astronomia soldi e ricchezza. La maggior parte dei cittadini, invece, abituati allo stato che organizza tutto, ha lottato per adattarsi alla nuova era. Il tentativo sperimentale di democrazia in Russia iniziò presto a incrinarsi.

Controllato l'economia della nazione

Documentario di Alex Gibney Cittadino K prende il tempo dopo la caduta dell'Unione Sovietica, visto attraverso la storia Mikhail Khodorkovskij (1963) - l'uomo che controlla un certo numero di giacimenti petroliferi nel Sibir, uno dei sette oligarchi che controllavano metà dell'economia della nazione e divenne l'uomo più ricco della Russia.

Un fattore decisivo per il progresso di Khodorkovsky non fu solo un sacco di soldi e una spietata visione imprenditoriale, ma qualcosa che i suoi concorrenti non avevano: le ambizioni politiche.

La nuova ricchezza privata divenne un bersaglio interessante per la mafia, qualcosa che non aveva mai visto nel comunismo

Fu sempre più percepito come una minaccia dal Cremlino e fu imprigionato per frode ed evasione fiscale in una delle colonie penali più remote del paese. Il documentario mostra non solo come gli anni '90 hanno creato uomini come Khodorkovsky, ma anche i progressi di Vladimir Putin e la lotta di potere tra i due - che illumina gran parte del panorama politico autocratico nella Russia di oggi.

gangster di capitalismo

Se Khodorkovsky fosse colpevole o no è una domanda difficile, qualcosa per cui il film cerca di spiegare il motivo. Sotto il "capitalismo dei gangster", le leggi erano così fluide che diedero origine a un detto popolare: "Le rigide leggi sono compensate dall'incapacità di seguirle".

Abbonamento NOK 195 / trimestre

Gli oligarchi assicurarono i beni passati dello stato in un modo che poteva essere meglio descritto come "contabilità creativa" e accordi stipulati nella stanza sul retro. La nuova ricchezza privata divenne un bersaglio interessante per la mafia, che non aveva mai visto il comunismo nel comunismo, e il numero di omicidi a Mosca aumentò rapidamente: Mosca divenne una "capitale dell'omicidio".

Le riprese di questa era caotica mostrano un giovane Khodorkovsky in un'intervista televisiva che ammette - senza vergogna - la sua ricerca di ricchezza e avidità di sé, un concetto che era così nuovo e strano che la vergogna non aveva ancora preso piede. Le opportunità del capitalismo erano un gioco per coloro che potevano spremere senza pietà i profitti dallo schema coupon dello stato - uno schema che era destinato ai cittadini a ottenere la loro parte della ricchezza nazionale. I cittadini colpevoli sono stati persuasi a vendere i loro coupon a un prezzo troppo basso. Ottenevano contanti in cambio e non capivano quanto valessero davvero i coupon.

Ho gli artigli in Yukos

Khodorkovsky era attratto dall'industria petrolifera "per via delle dimensioni", dice, ripensando alle sue sconfinate ambizioni: dopo aver iniziato Menatep, La prima banca commerciale della Russia, non passò molto tempo prima che ottenne le grinfie nella compagnia petrolifera statale Yukos Per una leccata e niente in un'asta, una transazione che molti hanno chiamato truffe.

Nonostante il forte idealismo attorno alle possibilità della democrazia, il governo di Boris Eltsin sembrava rifiutare tutti i processi democratici in parallelo con la sua caduta in popolarità. Mentre i media hanno fatto tutto il possibile per nascondere la salute in crisi di Eltsin, ha fatto accordi con gli oligarchi e ha preso grandi prestiti per ottenere capitali nel tesoro vuoto. In cambio, agli oligarchi fu permesso di acquistare imprese statali a prezzi ridicolmente bassi, garantendo allo stesso tempo che il governo avrebbe protetto i propri diritti e il proprio capitale privato.

I cittadini colpevoli sono stati persuasi a vendere i loro coupon a un prezzo troppo basso.

Cittadino K non agita un indice morale quando si tratta delle vaste ricchezze degli oligarchi e del potere che lo circonda, ma cerca di mostrare il complesso gioco politico in cui alcuni erano più che disposti a stringere accordi con il diavolo per salvare le proprie pelli.

Questo ha spianato la strada a Putin, che ha usato l'insoddisfazione per gli oligarchi e il caos del periodo Eltsin per promuovere la propria popolarità. Putin ha fatto un grande sforzo nel mettere apparentemente in carica gli oligarchi facendo razionalizzare aziende come Yukos. Allo stesso tempo, ha spianato la strada a una nuova classe di leali oligarchi.

Cattivo o dissidente?

L'opinione pubblica è cambiata a favore di Khodorkovsky quando è stato nuovamente incriminato nel 2010 [per una dichiarazione di 218 milioni di tonnellate di petrolio greggio, ndr.] E potrebbe essere rilasciato in libertà vigilata dopo sette anni di prigione. Khodorkovsky è stato rilasciato insieme ad altri prigionieri di alto profilo nel 2013, poco prima delle Olimpiadi invernali di Sochi (2014), promettendo a Putin di andare all'estero e rimanere lì. Khodorkovsky rimane a una distanza di sicurezza da Putin, è gravato da un'altra accusa - questa volta per l'omicidio commesso nel 1998 dal sindaco russo Vladimir Petukhov, entrato in conflitto con Yukos.

Scopriamo come Khodorkovsky ha imparato l'umiltà e ha guadagnato altre prospettive mentre era in prigione, e ha anche colpito più volte la fame. Ha ancora il controllo di una fortuna di circa mezzo miliardo di dollari e ha fondato il movimento democratico "Open Russia".

Khodorkovsky è un cattivo o un dissidente, sfrutta gli altri o è lui stesso sfruttato? La domanda su cosa dovremmo ora considerarlo è la più affascinante, ma il film non fornisce una risposta chiara e non affronta la domanda in modo elusivo. Nonostante l'accesso di Gibney ai lunghi colloqui con l'oligarca Khodorkovsky, che ora vive in esilio a Londra e l'accesso alla sua mentalità, il mistero persiste.

Questo racconta molto della stessa Russia, un paese con sconvolgimenti così radicali e disorientanti che solo il camaleonte più opportunista può sopravvivere. Una tradizione russa, ci viene detto, è che la gente mostra simpatia per quella su cui calpesta il potere.

Nasce una delle dichiarazioni più memorabili di Khodorkovsky nel film Mikhail #s Bulgakov Il Maestro e Margarita, il classico dell'era di Stalin sulla visita del diavolo in Unione Sovietica, che un uomo "non è solo mortale" ma "potenzialmente mortale in qualsiasi momento". Avere ricchezza in Russia non è sicuro: il vincitore di oggi potrebbe essere morto quella notte.

Traduzione di Iril Kolle


Caro lettore. Ora hai 0 articoli gratuiti rimasti questo mese. Sentiti libero di disegnarne uno Abbonamentooppure accedi di seguito se ne hai uno.