Teatro della crudeltà

- Il bidone della spazzatura dello stato

Il campo di internamento Trandum a Gardermoen è stato costruito per soggiorni di breve durata. Ora le persone si siedono lì per un massimo di un anno, mentre vengono nutrite con cibo liofilizzato.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

- Prometto di lasciare il paese. Prometto che non tornerò mai più. Fateci uscire di qui, implora Muhamed Alic (43). Attraverso il finestrino puoi vedere un altro aereo che lascia la pista di Gardermoen. Sua moglie Liza (41 anni) sta piangendo. La stanza è composta da sei letti e un tavolo. Sul tavolo c'è una Bibbia in serbo-croato.

- Non ne posso più. Non so cosa fare, dice.

I due zingari dell'ex Jugoslavia si trovano da 28 giorni nel centro di immigrazione di Trandum. Portarono con sé i loro tre figli quando arrivarono in Norvegia nel 2005. Quando Muhamed e Liza furono arrestati a gennaio, non erano con i bambini. Ora le autorità norvegesi non sanno dove si trovassero i tre bambini, di quindici, tredici e dodici anni. Sono.

- Questo non è un posto per bambini. Non si può almeno permettere alla moglie di andare in modo che possa stare con loro, chiede suo marito Muhamed.

Lui e sua moglie affermano di non sapere nemmeno dove siano i bambini.

Guantánamo

Liza e Muhamed sono solo due delle persone arrestate ai sensi della sezione 37 della legge sull'immigrazione. Se uno straniero rifiuta di fornire la propria identità, o "vi sono fondati motivi di sospetto" che fornisca un'identità falsa, può essere arrestato e incarcerato. La durata complessiva della reclusione non può superare le dodici settimane, “salvo motivi particolari”. Ciò significa in pratica che non vi è alcun limite temporale alla durata della reclusione. Per Muhamed e Liza ciò significa che potrebbero rischiare di rimanere a Trandum per un periodo molto lungo.

L'avvocato Arild Humlen è a capo dell'associazione degli avvocati distrettuale di Oslo, che riunisce oltre 3500 avvocati, e ha uno dei detenuti come cliente. Humlen ritiene che vi siano numerose somiglianze tra il trattamento dei detenuti di Trandum e quello del campo di prigionia statunitense di Guantánamo.

- Crei un regime al di fuori di tutte le norme esistenti. Questa è la mentalità di Guantanamo. Crei una prigione in cui non devi affrontare le norme fondamentali della società. Non possiamo accettarlo, dice Humlen.

Ha chiesto al gruppo per i diritti umani dell'Ordine degli avvocati norvegese di valutare in che misura le condizioni a Trandum violano i diritti umani.

- Le condizioni contraddicono chiaramente la Convenzione penitenziaria europea. E questa ha l'impronta di una prigione a tutti gli effetti, dice Humlen.

Secondo lui il trattamento a Trandum potrebbe anche violare l'articolo XNUMX della Convenzione europea dei diritti dell'uomo, che recita: "Nessuno deve essere sottoposto a tortura o a pene o trattamenti inumani o degradanti".

Ultima fermata

Mentre gli altri detenuti si trovano in carceri dotate di buone strutture, gli stranieri devono stare in un collegio destinato solo a soggiorni di pochi giorni. L'ex campo militare in realtà avrebbe dovuto funzionare solo come ultima tappa prima dell'espulsione degli stranieri con residenza illegale. Quattro anni fa l'allora assessore comunale Erna Solberg disse allo Storting che "il collegio è destinato solo a soggiorni di breve durata [...] Poiché il collegio di Trandum non è dotato di offerte per soggiorni più lunghi, nessuno viene trattenuto lì da più di 14 giorni”.

Ma un anno dopo accadde qualcosa. Le code alla prigione diventarono sempre più lunghe e la polizia si assunse la responsabilità di Trandum. Nell'ottobre dello scorso anno, il comitato di monitoraggio della tortura del Consiglio d'Europa ha visitato il collegio. Hanno scoperto che una persona era rinchiusa a Trandum da più di un anno. Hanno inoltre constatato che l’offerta di attività è troppo scarsa quando le persone vengono trattenute lì per un lungo periodo.

Una relazione prolungata

Liza è gravemente malata. Gli specialisti norvegesi hanno stabilito che dovrà sottoporsi a un'operazione per rimuovere le cisti nella regione dello stomaco.

Ogni mezz'ora, XNUMX ore su XNUMX, una guardia entra nella tua stanza per controllare che la finestra sia chiusa correttamente.

- Anche se prendo sonniferi, non riesco a dormire. Devo sdraiarmi tutta vestita, ho paura che mi vedano nuda, dice Liza. Una guardia di sicurezza che ascolta la conversazione dice timidamente "che stanno cercando di essere il più silenziosi possibile".

Venerdì 24 febbraio il loro caso sarà portato davanti al tribunale distrettuale di Oslo. Liza ha ammesso di aver comprato i documenti d'identità da un uomo per 100 euro. Nella sentenza di Asker e del tribunale distrettuale di Bærum si afferma che "il tribunale ritiene che è estremamente probabile che le persone ritratte sfuggano a ulteriori indagini da parte della polizia se non vengono imprigionate". Ma molti zingari dell'ex Jugoslavia non hanno documenti d'identità. Loro stessi affermano di provenire dalla Bosnia e dalla Serbia.

- È molto incerto se le autorità bosniache e serbe vogliano rilasciare documenti d'identità agli zingari, dice il loro avvocato Halvor Gjengstø. E finché non avranno documenti d’identità validi, nessun paese li accetterà.

Gjenstø ritiene che potrebbero rischiare di rimanere a lungo in collegio.

- Potrebbe trattarsi di una faccenda che potrebbe durare a lungo, dice.

L'avvocato ritiene che l'alternativa sia il trasferimento in un centro di accoglienza ordinaria per richiedenti asilo, in modo che possano ricongiungersi con i propri figli.

- Penso che siano poche le persone consapevoli di quanto siano pessime le condizioni qui. Questa è la pattumiera statale per i rifiuti umani, afferma l'avvocato Trond Olsen Næss.

L'unico cibo che ricevono i detenuti è cibo congelato e fette di pane. Inoltre, il collegio Trandum si trova alla fine dell'aeroporto di Gardermoen. Quindi, secondo i detenuti, il sonno scarseggia.

Næss ha due clienti che sono in collegio da molto tempo. Un cliente si è seduto da agosto dell'anno scorso a gennaio di quest'anno. Il secondo si è svolto da settembre a fine gennaio.

- Penso che sia strano che le persone più in alto nel sistema non reagiscano. Mi chiedo quanto sappiano, dice Næss.

Potrebbe piacerti anche