La questione della tecnica

L'Internet delle cose
Forfatter: Mercedes Bunz og GrahamMeikle
Forlag: Wiley, (Storbritannien)
IOT / Le cose cominciano a comportarsi. Ma il fatto che le cose intorno a noi stiano diventando più intelligenti non significa necessariamente che noi stessi stiamo diventando più intelligenti, anzi.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Le cose non sono più quelle di una volta. Come sempre più ting dotato di sensori, assegnato un indirizzo di rete e connesso Internetuno, le cose hanno iniziato a comportarsi in modi completamente nuovi ea volte piuttosto imprevedibili. Come quando il tuo nuovo allarme per bambini "intelligente" inizia senza motivo a suonare la melodia di sorveglianza degli anni '80 di The Police Ogni respiro che prendi nel cuore della notte, seguite da voci maschili sconosciute, che urlavano volgari abusi sessuali al tuo bambino. O più drammaticamente, quando il pilota automatico della tua Tesla, come è successo negli Stati Uniti un paio di anni fa, ti manda a tutta velocità sul lato di un camion con la morte di conseguenza.

Dispositivi "intelligenti".

I due teorici dei media Mercedes Bunz e Graham Meikle hanno il loro nuovo libro L' Internet delle cose ha scritto un'introduzione critica e leggibile a questo nuovo ordine delle cose, in cui il numero di cose connesse a Internet ha da tempo superato il numero di persone sul pianeta. Nel 2017 c'erano quindi 8,4 miliardi di cose connesse a Internet, mentre i rapporti stimano che questa cifra per il 2020 sia compresa tra 26 e 50 miliardi di "intelligenti" dispositivi.

Quando il nuovo algoritmo di Google ha "riconosciuto" un'immagine di due neri come gorilla, ha naturalmente causato uno scandalo.

Le cose hanno cominciato a comportarsi, si potrebbe dire, in vista di ciò di Marx analisi dei "capricci metafisici e delle stranezze teologiche" delle merci, come se fossero dotate di vita propria e possedessero una volontà propria. L'esempio più famoso di Marx è familiare ai più e riguarda un tavolo da ballo. Oggi, l'idea di tavoli danzanti o di cappotti parlanti (un altro degli esempi preferiti di Marx) non sembra del tutto folle rispetto ad alcune delle cose che ci vengono presentate nella nostra vita quotidiana connessa in rete. Ora tutto, dai telefoni, agli allarmi per bambini, agli orologi, ai frigoriferi, alle automobili e alle metropolitane, e persino intere città, hanno le cosiddette funzionalità intelligenti o “intelligenti” – che consentono loro di comunicare tra loro e agire “autonomamente”.

Ma come sottolineano gli autori, ciò significa che le cose intorno a noi stanno diventando più intelligenti, non necessariamente che noi stessi stiamo diventando più intelligenti, piuttosto il contrario: "Il paradosso di un dispositivo intelligente è che chi lo usa non ha bisogno di capirlo".

Quanto più una cosa è user-friendly, tanto meno è necessario sapere come funziona tecnicamente. In questo senso, scrivono gli autori, prendendo come esempio l'iPad di Apple, gran parte della nuova tecnologia è in realtà progettata per rivolgersi agli utenti come se fossero bambini (e probabilmente lo sono molti utenti dell'iPad).

Domotica
Domotica

Tecnicamente incompetente

Associato a questo dequalificazione dell’utente è una maggiore aspettativa e dipendenza dalla tecnologia effettivamente funzionante quando la utilizziamo. Non solo la maggior parte degli utenti medi diventa più o meno incompetente dal punto di vista tecnico, ma spesso non è nemmeno in grado di completare attività relativamente semplici senza l’aiuto della tecnologia, una volta che si abituano ad essa. Un esempio tratto dal libro è quello di una persona che doveva trovare la stazione ferroviaria locale in una piccola città belga e, invece di guardare i segnali o chiedere indicazioni, ha finito per seguire il sistema di navigazione per oltre 900 miglia nella direzione sbagliata verso l'Italia. . Certo, si potrebbe dire che se la tecnica avesse funzionato meglio, questo episodio indubbiamente estremo (ma tutt'altro che unico) avrebbe potuto essere evitato. Ma è proprio uno dei punti di forza del libro quello di sottolineare costantemente che la questione della tecnica non è pulita tecnico domande. Perché anche quando la tecnica funziona in modo ottimale, è tutt'altro che “neutrale”.

La politica della visibilità

Il libro è costruito attorno alle varie nuove proprietà della 'cosa' (parlare cose, vedere cose, seguire cose …) e mostra come ciascuna di queste nuove caratteristiche sia complicata da ciò che gli autori chiamano «politica incorporata». Un buon esempio sono le nuove misure nell’ambito dell’intelligenza artificiale nel riconoscimento delle immagini (il cosiddetto visione computerizzata), che sta diventando una parte sempre più importante, ad esempio, delle funzioni del motore di ricerca di Google. Per lo sviluppo e l'addestramento degli algoritmi di autoapprendimento di Google, le cosiddette reti neurali, vengono utilizzati enormi set di dati di immagini raccolti da diverse piattaforme di social media. Quando il nuovo algoritmo di Google «riconobbe» l'immagine di due persone di colore come gorilla, naturalmente ha causato uno scandalo.

Una delle spiegazioni era che i set di dati su cui si era addestrato l'algoritmo riguardavano prevalentemente volti bianchi e che quindi l'algoritmo non era in grado di classificare i volti neri come appartenenti alla categoria «umani». L'esempio mostra come la “vista” dell'algoritmo sia programmata per promuovere una certa politica di visibilità, che, anche se forse involontariamente, assume il colore bianco della pelle come “punto di partenza neutro” per la definizione dell'essere umano.

L'esempio più famoso di Marx è familiare ai più e riguarda un tavolo da ballo.

L'algoritmo di Google è stato definito dalla stampa “algoritmo razzista”. Ma anche se è in voga con la cosiddetta filosofia orientata agli oggetti e simili, dove ti piace descrivere le “cose” come dotate di azione alla pari degli esseri umani, sembra strano incolpare una macchina per essere prevenuta. Non solo la società Google è assolta dalle sue responsabilità, ma il problema è ridotto a un problema pulito tecnico questioni in cui si tratta effettivamente di una questione politica o politico-economica.

La domanda critica più fruttuosa qui nell’era Trump inizierebbe quindi dove finiscono (purtroppo) gli autori del libro, vale a dire con la domanda: Chi beneficia?

Abbonamento NOK 195 al trimestre