Teatro della crudeltà

I lati ombra fascisti della Spagna

Lo spagnolo Juan Carlos I non aveva proprietà proprie quando divenne monarca nel 1975. Nel 2012, la sua fortuna era stimata in 1800 milioni di euro. Da dove vengono tutti i soldi?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

In Spagna, l'assoluta immunità del re è stata sfruttata per arricchire la monarchia e una parte significativa di politici e loro conoscenti. Il re Juan Carlos I fu nominato da un dittatore assetato di sangue, mentre Felipe IV fu frettolosamente incoronato senza consenso quando la posizione di suo padre non era più sostenibile: le voci su milioni di commissioni erano diventate troppo fastidiose.

Grazie a un patto di epoca franchista, Juan Carlos I ricevette una commissione per ogni barile di petrolio importato dall'Arabia Saudita. Dal 1973 tutti i governi spagnoli hanno rispettato questo patto, ma da quando il re ha abdicato non è chiaro se sia ancora valido. Non dimenticare che Juan Carlos I non aveva proprietà proprie quando divenne monarca. Nel 2012, la sua fortuna è stata stimata in 1,800 miliardi di euro dal New York Times. Da dove vengono tutti i soldi?

mafia fascista?

Innumerevoli casi giudiziari collegano l'altra famiglia del re a commissioni e concessioni illegali senza appalti pubblici, e in alcuni casi ciò ha portato a sentenze. Il più famoso, il cosiddetto caso Nóos, riguarda il genero del re, Iñaki Urdangarín. La principessa Cristina – figlia di Juan Carlos I e moglie di Urdangarín – fu effettivamente condannata, ma scappò con una multa: i documenti del socio di Urdangarín Diego Torres, che collegavano direttamente il re e l'Infanta Cristina allo scandalo Nóos, scomparvero senza lasciare traccia. La Casa Reale è sempre stata tutelata dalle istituzioni politiche e giuridiche.

Un elenco di tutti i casi di corruzione riempirebbe l’intero giornale.

Il processo di privatizzazione delle aziende statali, avviato da Felipe González nel 1982 e proseguito dal primo ministro José María Aznar, è stato una fonte costante di corruzione: i familiari di Rodrigo Rato – ministro delle Finanze (1996-2004) per il Popolo Partito (PP) di Aznar, direttore del Fondo monetario internazionale (FMI) nel periodo 2004-2007 e direttore di Bankia (2010-2012), che era una delle banche salvate dallo Stato – ai suoi tempi fatturata in modo succoso per la comunicazione contratti con imprese in fase di privatizzazione. Per coincidenza, Rato è stato messo in prigione dopo lo scandalo delle cosiddette "carte di credito nere" di finanzieri e politici di alto rango che segretamente – senza tasse, registrazioni o restrizioni – spendevano soldi statali per visite ai bordelli e altre "spese personali" . Lo scandalo ha coinvolto anche il capo della casa reale. L'elenco di tutti i casi di corruzione finora conosciuti riempirebbe l'intero giornale.

Il giornalista del tribunale Jaime Peñafiel ha scoperto collegamenti sospetti tra Juan Carlos I e Juan Villalonga, ex capo della compagnia Telefónica e amico intimo di Aznar. I milioni trasferiti per la privatizzazione di Telefónica – uno dei gioielli dello stato spagnolo nel 1997, e oggi elencata nell'IBEX 35 – confermano il sospetto. Molte delle società dell'indice azionario – ACS, Santander, FECSA, ENDESA, Telefónica – sono finite lì a causa delle concessioni dei membri della famiglia durante e dopo la dittatura franchista. È esagerato parlare di mafia fascista? Una mafia organizzata? Ancora nessuno della Casa Borbone ha condannato Franco.

Il re Filippo VI, come Juan Carlos I prima di lui, è il comandante in capo dell'esercito. Juan Carlos I è un orgoglioso militarista e non nasconde il suo entusiasmo per la guerra. Il suo sostegno alla casa reale saudita è stato incessante e molto redditizio: le registrazioni audio dell'amante Corinna zu Sayn-Wittgenstein lo collegano a commissioni per lo sviluppo di treni ad alta velocità alla Mecca. I partiti costituzionali – Partito Popolare (PP), Partito Socialista Operaio Spagnolo (PSOE) e Ciudadanos (Partito Social-Liberale Catalano) –
ha deciso all’unanimità (!) che la Spagna continuerà a vendere armi all’Arabia Saudita, nonostante l’omicidio di Jamal Khashoggi. Attraverso il Pubblico Ministero bloccano anche ogni richiesta di indagine su Juan Carlos I. E il PSOE osa ancora chiamarsi "repubblicano"?

Stato e capitale

L'elenco è infinito e Felipe VI sembra mantenere lo status quo. È difficile dimenticare le immagini di lui che rotola maestosamente per Madrid a bordo della Rolls-Royce ereditata da Franco, mentre centinaia di poliziotti si preparano per accogliere la folla in uniforme militare per accogliere il nuovo re... La folla non si è presentata – la gente preferiva restare a casa.

Le richieste di cambiamento democratico sono represse militarmente e legalmente

Tutto il fascismo si basa sul potere militare, consolidato attraverso la costruzione di una rete nepotistica che arricchisce e rafforza il rapporto tra Stato e capitale. Questa spirale facilita il radicamento della corruzione, che a sua volta indebolisce gli strumenti democratici del Paese. L’attuale casa reale potrebbe non essere così schietta come il fascismo classico degli anni ’30, ma il fascismo, da parte sua, ha subito una modernizzazione. La forma non nasconde ancora i fatti: quando la società ha chiesto un cambiamento democratico, come in Catalogna, la risposta è stata militare e legale. Non dimentichiamo che il corpo di polizia paramilitare della Guardia Civil, premiato con la lode da Filippo VI per essere intervenuto nelle scuole quando venivano utilizzate come seggi elettorali, è un corpo militare.

Diversi giudici considerano il PP una "organizzazione criminale" e credono che il partito dovrebbe essere bandito, e il PSOE non è molto migliore. A questo punto è chiaro a tutti a quale livello di corruzione e favoritismo ci troviamo di fronte: solo il PP è accusato di oltre 900 casi di corruzione, eppure evita di essere bandito dalla politica.

Gli sforzi della Corte, d'altro canto, saranno sempre vani finché la Corte Costituzionale sarà influenzata e infiltrata da una rete che condivide gli interessi dei politici. Nella sala 2 della Corte Costituzionale troviamo Pablo Llarena. Ha la responsabilità ultima del caso contro il movimento indipendentista catalano ed è direttamente responsabile dell'esistenza dei prigionieri politici senza un verdetto o un'accusa chiara. Già nel 2016, l'associazione Juezas y Jueces para la Democracia (Giudici per la Democrazia) dimostrò che la promozione di Llarena alla Corte Costituzionale violava diverse disposizioni della legge organica sulla magistratura, le norme della stessa Corte Costituzionale e la Costituzione.

Colonialismo invisibile

Nonostante le accuse di frode, Llarena mantiene la sua posizione di arbitro. Come è stato scelto esattamente lui, tra altri cinque candidati adatti, per uno dei compiti più importanti del sistema giudiziario? Evidentemente è stato nominato giudice della Catalogna e svolge il suo ruolo manipolando l'assegnazione del caso numero: 20.907/2017. Questo numero di cause dovrebbe indicare che nel 2017 sono stati portati in totale 20.906 casi davanti all'aula 2 della Corte Costituzionale – un numero ridicolo: in realtà ci sono stati solo 15 casi nel 2017, di cui 4 accolti. Il motivo della manipolazione è che i numeri più alti vengono assegnati ai giudici con anzianità inferiore. Quattordici giudici erano entrambi più anziani e avevano più esperienza di Llarena. Se il caso avesse avuto il numero corretto, 03/2017, il giudice Antonio del Moral García avrebbe dovuto pronunciarsi sul caso. Com'è possibile che Llarena, con solo un anno di tempo alla Corte Costituzionale, sia diventato giudice in un caso così importante?

Cosa sta giudicando esattamente Pablo Llarena? Molto, ma niente a che vedere con la legittima ribellione, sedizione o ambizione dei catalani. Per questo l'ex ministro José Manuel García-Margallo può dire alla radio senza pudore che "lo Stato non accetterà mai una transizione pacifica verso l'indipendenza catalana". Pablo Casado, il giovane e neoeletto leader del PP, può quindi avvertire il presidente della Catalogna Carles Puigdemont che un giorno potrebbe essere giustiziato.

Il fatto che la Catalogna spinga per cambiare il suo status minaccia le premesse che facilitano lo stile di vita sontuoso di una mafia che permea la monarchia e i partiti politici – e le società dell'IBEX 35, che sono in gran parte guidate dalle famiglie che erano al potere durante la dittatura . E qui sta il problema: negli ultimi decenni, la monarchia è in declino in gran parte del paese. In Catalogna, tra il 70 e l’80 per cento della popolazione vuole la repubblica. Una profonda riforma della costituzione, che affronti il ​​problema delle diverse nazioni spagnole, deve essere decisa tramite referendum e gettare le basi per una transizione verso una repubblica. Pertanto, la Catalogna non può "dire, fare o essere", perché se "dice, fa o è", significa la fine degli affari redditizi della casa reale.

Per citare lo scrittore uruguaiano Eduardo Galeano: “Il colonialismo ti dilania senza ipocrisia: ti rifiuta di parlare, ti rifiuta di fare, ti rifiuta di essere. Il colonialismo invisibile, invece, ti convince che la sottomissione è il tuo destino e che l’impotenza è la tua natura – ti convince che è impossibile parlare, fare, essere”.

Leggi anche: Le radici anarchiche della Spagna

Carol di Marc Mola
Marc Molas Carol
Molas Carol è un produttore musicale e attivista politico, che vive in Spagna.

Potrebbe piacerti anche