Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Solo un essere umano

...

(Tradotto automaticamente da Norsk di Gtranslate (esteso Google))

Se qualcuno si interroga sulla linea politica di Ny Tid, allora la prima pagina sulle elezioni in Norvegia, l'articolo su L'estate dell'amore, per l'estraneo Ole-Bjornanche Il saggio di Erland Kiøsterud se l'importanza della comunità sia una chiara indicazione.
Il libro del filosofo italiano Giorgio Agamben Comunità a venire mostra più profondamente un atteggiamento o un'intuizione con cui io, in qualità di direttore del giornale, posso essere d'accordo. Il libro è stato ora pubblicato in norvegese, ma il titolo dovrebbe essere Fellesskapet som kommer, come "opportunità", non qualcosa che accadrà. (Guarda anche saggio su Agamben). I pensieri di Agamben sono radicati nella filosofia sia del tedesco Martin Heidegger che del francese Emmanuel Levinas.

Il punto è, come scrive Kiøsterud sulla base di Agamben, "chiedere ancora e ancora cosa può essere una comunità se non deve essere basata sull'oppressione, l'appropriazione e l'esclusione".

Con una scelta politica alle porte, lasciatemi fare riferimento all'utopia dell'ormai 75enne italiano: "Il fatto nuovo della politica a venire è che questa non sarà più una lotta per la conquista e il controllo dello Stato, ma una lotta tra lo Stato. e il non stato (umanità) ". Agamben è fortemente critico nei confronti delle nostre società di controllo e del commercialismo invadente. Secondo lui, ora abbiamo una "piccola borghesia planetaria" in cui le vecchie classi si dissolvono. Allo stesso tempo, sia il fascismo che il nazismo rappresentano ancora "una piccola borghesia nazionale che si aggrappa costantemente a un'identità nazionale artificiale, sulla quale hanno costruito sogni di grandezza borghese". Agamben critica anche il nostro culto dell'ego e dell'identità: "La follia dell'esistenza individuale ... si è trasformata in esibizionismo quotidiano".
Non abbiamo mai sentito questa critica prima? Sì, ma con l'odierna società dei media estesa, almeno gran parte della popolazione mondiale è diventata molto più orientata al consumo e alle merci di prima. E questo vale anche per l'auto-percezione di sé e degli altri come "beni" utilizzabili.
La domanda è: quale comunità verrà quando l'europeo (post) moderno e illuminato non crede nelle comunità tradizionali come la religione, la famiglia, la nazione e l'etnia? Nel libro, Agamben guarda esistenzialmente dietro se si debba essere un blu politico, un musulmano conservatore, un americano o un vecchio comunista. Più in basso, c'è una richiesta di persone in cerca più esistenziale che non vogliono o si lasciano abbagliare dal potere, ma scelgono un'apertura di base. Essere in grado di dimorare nel "non identico" (Lévinas) piuttosto che in un'identità fissa che non fa altro che definirti. Come disse una volta Kierkegaard: "Non allacciare la tuta da viaggio con un nodo duro!" Stiamo parlando di persone che non giudicano gli altri sulla base di apparenze, valori o gruppi altamente identificabili.
Ma con l'attuale situazione dei rifugiati, la crescita della popolazione e la xenofobia, molti scuoteranno la testa davanti a queste possibili comunità aperte. La guerra al terrore ha solo affilato i fronti, piuttosto che un'umanità aperta. Ci sono condizioni peggiori per l'ospitalità di Lévinas con il volto vulnerabile dell'Altro. Piuttosto, si vive in una dimenticanza dell'essere (Heidegger) in cui non si tiene conto dell'arbitrarietà dell'esistenza. Ma la richiesta di Agamben nel libro sull'atteggiamento equanime, come il testo di Heidegger sull'essere mansueti e vivere in modo gratificante – è quindi sempre più ecologicamente consapevole, come può essere.

Anche con l'oggi il nazionalismo emergente e l'egoismo borghese consolidato, assistiamo alla diffusione di nuovi collettivi ecologici e della cultura dello yoga. La globalizzazione ha anche promosso nuove reti di solidarietà non statali in cerca di pace. Ricorda come Summer of Love a San Francisco nel 1967 è stato un tentativo di mostrare e diffondere tali atteggiamenti in un paradigma più aperto, dove la pace e l'amore erano il punto di partenza. 100 persone (vedere pagine 000-16) hanno manifestato contro l'incitamento alla guerra con fiori per le strade. Come ci disse il mio vecchio professore di filosofia a San Francisco durante i suoi studi lì – il "paradigma borghese" era probabilmente troppo forte per essere scosso. Il potere dei fiori e il movimento hippie si estinsero. Oggi, il pensiero di persone come Agamben, Lévinas e Heidegger vive probabilmente meglio nei nuovi movimenti ecologici. Alcuni di noi si stanno ancora ritirando dalla corsa al denaro, dal vincolo di tempo, dai media popolari e dal viscido complesso militare-industriale.
En nuovo tempo – o la comunità che viene – ha caratteristiche anarchiche. Vorrei anche ricordarvi un altro europeo, il greco Yanis Varoufakis, che con il suo nuovo movimento DiEM25 sta cercando di aiutare a creare una nuova comunità. Come accennato alle pagine 4-5, l'ispirazione anarchica può portare all'antimilitarismo, ad azioni non violente e alla disobbedienza civile. Stiamo parlando di opposizione a una gerarchia di governance, ma anche di diritto a non partecipare. Per essere in grado di rinunciare quando abbastanza è abbastanza. Se lasci andare il tuo ruolo sociale o identità fisso, c'è l'opportunità di far parte di una futura comunità – che non include / esclude in base al fatto che tu sia ebreo o palestinese, ricco o povero – ma dove sei incluso come aperto, solo come un essere umano. Una generosa, nuova comunità nello spirito di Agamben: senza verità ostinate, sicurezza obliqua o movimenti forti di identità, ma dove chiunque appartiene alla comunità aperta. nemico. Il punto è che un moderno "anarchico" limita questo potere rendendolo difficile da controllare, nazionalizzare o classificare.
La comunità di minoranze, dissidenti ed esistenze vulnerabili è la più vicina a Ny Tid. Anche chi vota per piccoli partiti, o sa perché non vota. Bella scelta!

- annuncio pubblicitario -
- annuncio pubblicitario -
Truls Liehttp: /www.moderntimes.review/truls-lie
Redattore responsabile di Ny Tid. Vedi gli articoli precedenti di Lie i Le Monde diplomatique (2003-2013) e Morgenbladet (1993-2003) Vedi anche part lavoro video di Lie qui.

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

A proposito di Assange, tortura e punizioneNils Melzer, relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura e altri trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti, dice quanto segue su Assange:
Con spina dorsale e bussola etica intatteAVVISO Abbiamo bisogno di una cultura dei media e di una società basata su responsabilità e verità. Oggi non lo abbiamo.
Espediente / Teoria del trucco (di Sianne Ngai)Sianne Ngai è una delle teoriche culturali marxiste più originali della sua generazione. Ma sembra desiderosa di trascinare l'estetica nel fango.
Scioglimento della convivenza / Le rotture coniugali nell'Africa subsahariana musulmana (di Alhassane A. Najoum)È costoso sposarsi in Niger anche se il prezzo della sposa varia e, in caso di divorzio, le donne sono obbligate a rimborsare il prezzo della sposa.
Etica / Quali sono i principi etici alla base delle prime punture di vaccino?Dietro la strategia di vaccinazione delle autorità c'è un caos etico.
Cronaca / La Norvegia al vertice dell'Europa nel nazionalismo?Sentiamo costantemente che la Norvegia è il miglior paese del mondo, ma questo non è necessariamente il caso della stragrande maggioranza dei norvegesi e delle persone che si trasferiscono qui.
Filosofia / Disobbedire! Una filosofia di resistenza (di Frédéric Gros) Perché, dove, quando e per quanto tempo siamo obbedienti?
Mitologie / Il cacciatore celeste (di Roberto Calasso)Nei quattordici saggi di Calasso ci troviamo spesso tra mito e scienza.
Cina / La conquista silenziosa. Come la Cina sta minando le democrazie occidentali e riorganizzando il mondo (di Clive Hamilton e Mareike Ohlberg)È noto che la Cina sotto Xi Jinping si è sviluppata in una direzione autocratica. Gli autori mostrano come l'effetto si sia diffuso nel resto del mondo.
Nawal el-saadawi / Nawal El-Saadawi – in promemoriaUna conversazione su libertà, libertà di parola, democrazia ed élite in Egitto.
Necrologio / In memoria di Nawal El-SaadawiSenza compromessi, ha parlato contro il potere. Adesso se n'è andata, ha 89 anni. L'autrice, medico e femminista Nawal El-Saadawi ha scritto per MODERN TIMES da giugno 2009.
Dibattito / Cos'è la sicurezza oggi?Se vogliamo la pace, dobbiamo prepararci per la pace, non per la guerra. Nei programmi preliminari del partito, nessun partito nello Storting è a favore del disarmo.
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato