Ordina qui l'edizione estiva

Smetti di frignare

Non devi amare te stesso.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[comunità terapeutica] Un uomo arriva al suo primo appuntamento con uno psicologo:

- Il mio problema è che non posso esprimere i miei sentimenti.

- Ma è fantastico, le donne adorano il tipo silenzioso!

- Sì, lo so, ma vorrei poter esprimere meglio ciò che intendo.

- Pensi che qualcuno lo troverebbe interessante, allora?

- Non so. non ci provo mai.

- Hai qualche idea che pensi possa essere interessante, allora?

- Questo è il problema, la maggior parte delle volte non penso nemmeno che siano così interessanti.

- Perché non dovrebbe essere vero?

- Vuoi dire che i miei pensieri in realtà non hanno valore?

- Sì, e ci sono un bel po' di persone idiote che esprimono le loro opinioni a sproposito. Pensa a tutte le sciocchezze per cui stai salvando il mondo!

Questo è l'aspetto di una tipica sessione di terapia con Jeffrey Wijnberg, secondo lui. Lo psicologo olandese-americano crede di curare i pazienti in modo più rapido, economico ed efficace rispetto agli psicologi tradizionali. Nel libro Chi ha bisogno di uno strizzacervelli? o Du peljeder inte älska dig själv, come viene chiamato nella traduzione svedese, va per un attacco frontale contro le forme tradizionali di terapia. Wijnberg perfora i miti sulla coscienza umana, uno per uno, e li conosciamo tutti: devi prima amare te stesso. Puoi Se vuoi. Il pensiero negativo è sbagliato. Deve essere il subconscio. Sciocchezze, dice Wijnberg. Perché dovresti amare te stesso quando è tutt'altro che certo che te lo meriti? Concentrati prima sull'amare gli altri e sul fare cose buone e sarai benvoluto e poi il tuo problema sarà risolto. Invece di coprire i problemi dei pazienti, Wijnberg cerca di normalizzare la nostra "sofferenza" come parte della vita. Se ti senti in colpa, probabilmente è perché hai effettivamente fatto qualcosa di sbagliato. Gli ansiosi hanno ragione, la vita è pericolosa e sì, la morte fa paura. E allora?

Nel processo di sostituzione della fede in Dio con la fede in "noi stessi", i terapeuti sono diventati il ​​nostro nuovo clero. Quando ci rivolgiamo a uno psicologo, non vogliamo necessariamente un cambiamento, ma una conferma che i nostri problemi sono reali, che abbiamo uno spessore umano e che vale la pena amarci. Ci aspettiamo conforto e perdono. Lo otteniamo anche noi, mentre le centinaia di dollari escono dal conto in banca. Perché in misura ancora maggiore che contro i pazienti autocommiseranti, Wijnberg si scaglia contro i suoi colleghi. Proprio come la maggior parte delle persone, gli psicologi non amano il confronto e il conflitto. Quindi preferiscono soffermarsi sui problemi del paziente, annuire in segno di comprensione e chiedere con empatia: "Perché pensi di sentirti così?" con prevedibilità robotica. E più complesso è il tuo problema, più grassi sono i loro portafogli.

Questo piccolo libro è naturalmente anche un grande stratagemma di marketing per lo studio di Wijnberg, e ammette prontamente che il suo motivo per scrivere libri è principalmente quello di ripagare la casa grande e un po' troppo costosa che lui e sua moglie hanno comprato. Sarebbe felice per me. Sostituisco immediatamente uno scaffale di letteratura sull'auto-aiuto con questo rinfrescante piccolo fico di libro. n

Il libro in questione:

Jeffrey Wijnberg

Tu non devi

amare se stessi

Casa editrice svedese 2005

Potrebbe piacerti anche