Teatro della crudeltà

Fatica e sogna in Congo

Makala ("Carbone")
Regissør: Emmanuel Gras
(Frankrike)

Una volontà indomita incontra la disperazione in questo ritratto di una raffineria di carbone in Congo.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Un'imbarcazione surreale si intravede alla luce di un'auto in arrivo; legato a una bicicletta malata c'è una montagna in movimento di sacchi di carbone, brocche d'acqua, plastica sciolta, scarpe extra e altro ancora. Un uomo magro e alto lo spinge su per una collina aspra e imprevedibile, ignaro della nuvola di polvere che gli turbina intorno. Il cestino brutto e bello non rappresenta solo tutti i suoi sogni, ma anche le necessità di base della vita. La formica umana ha i piedi ben piantati in alti stivali di gomma e usa il suo corpo come un bilanciere diagonale. La strada per la città è lunga e pericolosa, lui è solo ed esposto nel buio pesto. I camion pesanti rimbombano pericolosamente nelle vicinanze.

Capolavoro cinematografico. Il film si insinua silenziosamente sotto la mia pelle. Segue Kabwita Kasongo in modo sobrio e silenzioso. Il ventottenne padre di famiglia è uno dei tanti poveri del Congo che continuano l'antica tradizione della produzione di carbone da vendere nelle città. Il film si prende il suo tempo e osa essere essenziale e semplice nell'espressione. Affascinato, provo una calma e una dolcezza indescrivibili quando trovo il tempo per unirmi al nostro personaggio principale nella sua impegnativa vita quotidiana.

Kabwita esce nella radura grigia con due asce sulla schiena e si ferma davanti a un gigantesco albero antico. Scava in profondità con sicurezza. La tacca è come una piccola scheggiatura rispetto all'enorme circonferenza dell'albero. Sussulto quando fa cadere il gigante di legno con un piccolo sbuffo; ciò che poco prima troneggiava alto sopra la vegetazione viene improvvisamente nascosto da piccoli cespugli e boschetti.

[ihc-hide-content ihc_mb_type = "mostra" ihc_mb_who = "1,2,4,7,9,10,11,12,13 ″ ihc_mb_template =" 1 ″]

Considerando le dimensioni dell'albero e la maestosa altezza nel cielo, non è detto che l'abbattimento sia un lavoro svolto da un solo uomo: il film è un documentario, ma utilizza deliberatamente il metodo del lungometraggio. Le angolazioni della telecamera sono particolarmente ben pensate e spesso enfatizzano l'azione a un livello esistenziale più simbolico. Pertanto, il film ha sia uno straordinario flusso cinematografico che immagini pittoresche che rimangono impresse nella memoria.

Il film è un documentario, ma utilizza deliberatamente il metodo del lungometraggio. 

Il regista Emmanuel Gras stava girando un film completamente diverso come direttore della fotografia in Congo. Poi rimase affascinato dalla vista delle raffinerie di carbone che spingevano i loro colossi di carbone pesante su fragili ruote di bicicletta in salita. L'aspetto di Sisifo della lotta per l'esistenza delle raffinerie di carbone è il seme della potenza esplosiva del film. Il film è stato il primo documentario a partecipare alla Settimana della Critica di Cannes e ha vinto anche il Grand Prix de Jury.

Cast dell'eroe. Mi vengono in mente i disegni espressionisti a carboncino e le sculture di lavoratori affamati e poveri dell'artista tedesca prebellica Käthe Kollwitz. Il volto pulito di Kabwita ha un dinamismo espressivo e una vasta gamma di emozioni che di solito vediamo solo nelle grandi star di Bollywood o di Hollywood. Il linguaggio del corpo di Kabwita è altrettanto espressivo.

Il regista aveva prima un altro personaggio principale. Gras ha avuto ragione a passare a Kabwita, che offre generosamente le sue tante emozioni e affascina con la sua indomabile volontà di dominare quando è così vicino al minimo indispensabile. La sua fatica sudata, fumosa, lunga una settimana, è commovente. Mentre i rami e il tronco si trasformano in carbone, conosco la persona e per cosa vale la pena versare il sangue. Intravedo il calore, l'umorismo e l'intimità che Kabwita condivide con la sua intraprendente e provocante moglie Lydia e i suoi adorabili bambini.

Il film non usa parole per commentare il suo punto di vista. Le scene parlano da sole. L'unica proteina della famiglia sono i ratti fritti, che sono costantemente presenti nel menu; la deforestazione e la perdita del sottobosco hanno lasciato solo i ratti come animali selvatici. Abbiamo acquisito familiarità con la storia contemporanea violenta e brutale del Congo attraverso il caso Moland/Francia, ma il modo in cui le opportunità forestali e agricole siano state rase al suolo è una novità. Kabwita è solo uno degli innumerevoli. Il paesaggio brullo e inospitale che attraversa nel suo viaggio a piedi di tre giorni racconta il conflitto tra la deforestazione continua e fatale e la necessità di mezzi di sussistenza. Ovunque c'è fumo proveniente da foreste in fiamme.

Come sopravvive un uomo come lui, che deve basarsi su un'industria che rappresenta l'hacking? Che prospettive future ha? Le domande sono tante mentre guardo il film.

Il regista ricrea la scena che ha dato il via al film: Kabwita finisce per ultimo in un gruppo di tre in cui tutti spingono sgargianti sacchi della spazzatura fatti in casa su sottili pneumatici di bicicletta. Nascosto in questi c’è il loro prezioso carico: il carbone che ha impiegato settimane a bruciare in forni di torba improvvisati.

Nel sudore della sua faccia. Poi accade l’impensabile. Il sogno di Kabwita viene investito da un camion e gettato in un fosso: bicicletta e borse vengono fracassate. Come riuscirà da solo, senza attrezzi, a salvare il carico sparso e a continuare il viaggio verso una vita migliore? La sua disperazione lo colpisce allo stomaco.

Miracolosamente tre passanti si fermano per aiutare. Kabwita li organizza con la stessa costanza di un esperto direttore dei lavori. Riesce ad andare avanti, ma è cambiato. Adesso l'esaurimento fisico lo ha tormentato di più. È il sogno che è sfuggito di mano? Quella di guadagnare abbastanza per le tegole del tetto e ampliare la casa con una sola stanza? Intorno avrebbe piantato alberi da frutto: mango, arancia, mela e sì, anche una palma.

È l'incontro tra la capacità umana di avere sete di sangue e di immaginare una vita migliore che dà al film il suo dinamismo. Allo stesso tempo, il film contrappone il sogno dell'omino all'impoverimento e al collasso dell'ecosistema. A che serve piantare qualche albero quando la fonte di cibo per così tante persone nella regione è il carbone?

La ruota della bicicletta passa dalla polvere gialla a quella bianca. Posare gli occhi su qualcosa di diverso dalle sfide estenuanti riflesse nel volto di Kabwita è positivo.

Esaurimento. Cammina in modo costante e costante, nello stesso modo ritmico e provocatorio di quando ha abbattuto l'albero gigante. Ora sarà la dignità stessa di Kabwita Kasongo ad essere distrutta.

In città la mafia locale attende per riscuotere i "pedaggi". Kabwita implora e prega per il suo figlio malato, ma è al verde. La mafia non si arrende, pretende la sua parte. Così incredibilmente più facile è un sacco di carbone per chi ruba.

In città, ci vogliono giorni per ottenere un prezzo abbastanza buono per il carbone: le medicine che deve comprare almeno intaccano pesantemente i suoi guadagni. Kabwita e il suo carico sono esposti dove è mezzo addormentato contro un muro. Provo sollievo quando si rifugia in una chiesa improvvisata. Ma la preghiera che pronuncia sembra artificiosa: il regista ha organizzato tutto?

[/ ihc-hide-content]
Elena Lande
Ellen Lande
Lande è uno sceneggiatore, regista e sceneggiatore abituale di Ny Tid.

Potrebbe piacerti anche