Ordina qui l'edizione estiva

Intimidazione sul diritto di prenotazione

L'accordo SEE conferisce alla Norvegia il diritto di riservarsi contro le leggi dell'UE che l'UE vuole includere nel SEE. Nessun governo ha utilizzato questo diritto. Ma Jonas Gahr Støre, il nostro nuovo ministro degli Esteri, ha stabilito che il diritto di riserva è reale.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Gahr Støre è su un terreno politico sicuro: la piattaforma governativa per il governo rossoverde afferma che il diritto di prenotazione nell'accordo SEE può essere utilizzato "se vengono minacciati interessi norvegesi particolarmente importanti" delle nuove norme SEE.

L'attuale dibattito sul diritto di prenotazione è stato innescato dalla direttiva sui servizi contro cui si sta mobilitando la maggioranza del movimento sindacale europeo e dalla direttiva sulle sostanze chimiche REACH, che l'industria chimica sta lavorando per indebolire così tanto da non fornire protezione rassicurante contro pericolose tossine ambientali (Ny Tid 38 e 39).

Avvertenze per motivi di mancanza

Nel "Quartiere politico" sulla P2, Jan Tore Sanner (H) è uscito lunedì scorso con due avvertimenti contro l'uso del diritto di prenotazione contro questa direttiva sulle sostanze chimiche. Una riserva norvegese, in primo luogo, inciderebbe sull'industria norvegese e, in secondo luogo, l'UE potrebbe aumentare la tariffa sul pesce norvegese come contromisura.

Entrambe le parti sono eccezionalmente fuorvianti. Ma minacce di questo tipo vengono utilizzate dai sostenitori dell'UE ogni volta che nel dibattito politico viene sollevata la questione del diritto di riserva nell'accordo SEE. Ci sono poche basi fattuali per tali minacce.

Posizioni equamente i produttori norvegesi e stranieri

Se diventasse importante per la Norvegia formulare una riserva contro la direttiva sulle sostanze chimiche, sarebbe perché non stabilisce requisiti sufficientemente severi per la produzione e l'uso di sostanze chimiche che possono essere pericolose per la salute e l'ambiente – o per i prodotti che contengono tali tossine ambientali.

Attualmente infuria un'aspra battaglia tra l'industria chimica europea da un lato e le organizzazioni ambientaliste e le autorità sanitarie dall'altro. Per diversi anni, l'industria ha condotto un'ampia campagna di lobbying contro la direttiva sui prodotti chimici al fine di indebolirla il più possibile.

Se la Norvegia dovesse esprimere una riserva contro la direttiva sulle sostanze chimiche, sarebbe per poter avere regole più severe rispetto a quelle dell'UE in alcuni settori. Colpirà tutti i produttori – sia norvegesi che stranieri – che realizzano merci che non soddisfano le rigide regole norvegesi. Ma in Norvegia, tutti i produttori, sia norvegesi che stranieri, dovranno competere sulla base di regole norvegesi così rigide. Difficilmente può influenzare l'industria norvegese in concorrenza con quelle straniere.

Contromisure dall'UE?

Ma l'UE non può reagire con contromisure? L'UE può. Ma non sono solo le contromisure che l'accordo SEE consente all'UE di introdurre. Ciò che l'accordo consente è che la parte dell'accordo SEE più strettamente correlata alla direttiva sulle sostanze chimiche possa essere abrogata.

La direttiva sui prodotti chimici rientra nel capitolo sulla "chimica, rischio industriale e biotecnologie" nell'allegato 20 dell'accordo SEE sulle questioni ambientali. All'interno di questo capitolo vi saranno pertanto norme dell'UE che alla fine saranno abrogate. (Ci sono 22 allegati in totale.)

Lo scopo dell'abrogazione di parti di questo capitolo è bilanciare gli svantaggi che la Norvegia impone all'UE con norme chimiche più severe di quelle adottate dalla stessa UE. In primo luogo, è difficile vedere come si possa correggere un eventuale squilibrio abrogando altre normative ambientali.

In secondo luogo, tali regole non possono essere annullate da misure unilaterali dell'UE. L'UE ei tre stati SEE Norvegia, Islanda e Liechtenstein devono concordare su ciò che è "la parte pertinente dell'allegato" come indicato nell'articolo 102, punto 5 dell'accordo SEE.

Ed è almeno certo che il dazio doganale sul pesce ricada del tutto al di fuori della "parte interessata" dell'allegato che tratta le questioni ambientali.

Un onere politico all'interno dell'UE

Quindi è ovviamente concepibile che l'UE reagisca politicamente – e non contrattualmente – a una riserva norvegese. Se ciò accadrà dipende dal tipo di norma dell'UE contro cui ci riserviamo. Se ci riserviamo il diritto di mantenere requisiti sanitari e ambientali più severi, il margine d'azione dell'UE è fortemente limitato.

Il margine di manovra è estremamente ridotto se molti governi, partiti e organizzazioni ambientaliste dell'UE vorrebbero avere requisiti così severi come quelli norvegesi. E ce ne sono più che sufficienti nella battaglia per la direttiva UE sulle sostanze chimiche. Andrebbe semplicemente male se lo facesse l'UE "punire" La Norvegia stabilirà requisiti sanitari e ambientali più severi per l'ondata di inquinamento chimico che si riversa su di noi.

Sempre più tossine ambientali entrano nel nostro corpo attraverso l'aria che respiriamo, l'acqua che beviamo, il cibo che mangiamo. I bambini piccoli hanno spesso concentrazioni più elevate di tali tossine ambientali nel sangue rispetto ai loro genitori e nonni. È quindi abbastanza certo che tra qualche anno sia l'UE che la Norvegia introdurranno requisiti sanitari e ambientali più severi di quelli imposti oggi.

E se qualcuno nell'UE dovesse fantasticare sull'istituzione di tariffe sul pesce norvegese, allora è in violazione di regole così fondamentali nell'OMC che ci vorrebbe un Jan Tore Sanner per pensare a una cosa del genere.

Potrebbe piacerti anche