Ordina qui l'edizione estiva

Sporco e cannella

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

Essere un intellettuale di spicco, Knut Olav Åmås nelle sue risposte a me (16.9 e 30.9) è eccezionalmente incapace di accettare le critiche. Diventa leggermente parodico quando Åmås usa Liv Jessen contro di me e chiede retoricamente se non sa di cosa sta parlando. Åmås non cita nessuno degli articoli in cui Per Edgar Kokkvold della PFU mi sostiene nella mia critica a Samtiden. Sì, Jessen conosce molto bene l'ambiente della prostituzione. Ma Kokkvold conosce l'etica della stampa meglio di chiunque altro, ed è questo l'oggetto delle mie critiche.

Barare e fanfara è noioso da discutere, e sui quattro punti che l'editore ha impostato per affermare che sto mentendo, i lettori stessi possono tornare ai commenti per confutare o esporre come divergenze di opinione.

Voglio dire ancora che l'articolo di Gaarder è un incontro interessante con una prostituta a Oslo. Ma non mi sorprende che sappia parlare, abbia un'educazione e modi diversi di spiegare la propria situazione. Non ho bisogno di primi piani e dettagli personali per considerare l'articolo eccitante, e non credo che sia nemmeno particolarmente innovativo. Se Åmås voleva davvero essere rivoluzionario, è stato il cliente prostituto ed esperto di Africa a essere intervistato con il suo nome completo e la sua foto.

Ci sono cose più importanti di cui occuparsi dell'articolo di Gaarder su Samtiden, e quindi non voglio perdere altro tempo a separare lo sporco dalla cannella in questa materia. Gina ha lasciato l'edificio.

Martine Aurdal è responsabile del dibattito a Ny Tid.

Potrebbe piacerti anche