Teatro della crudeltà

Scettico sulle trivellazioni petrolifere alle Svalbard

Una compagnia petrolifera norvegese vuole testare una trivella per il petrolio in un parco nazionale alle Svalbard.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Martedì 16 agosto si terrà al Bergmesteren di Trondheim il cosiddetto incontro di misurazione finale. La compagnia di navigazione norvegese Norwegian Petroleum Group, attraverso la sua controllata Northlight Oil, ha presentato domanda per un totale di cinque aree, o scarichi, allo sbocco del Van Mijenfjorden, sul lato ovest di Spitsbergen.

L'azienda nutre grandi speranze per il campo di Bellsund, dove ha registrato scoperte cinque anni fa. Hanno quindi il primo diritto di chiedere la risoluzione. Se è stata assegnata una proroga, la società ha il diritto esclusivo di operare sul territorio. Ma quando si tratta di testare la perforazione per il petrolio, questo deve essere approvato dopo una nuova domanda.

L'area protetta in cui si trova Bellsund è stata ampliata il 1° gennaio 2004. In questo senso l'area è ora confluita nell'area protetta. La legge stabilisce che non possono essere assegnati nuovi obiettivi nelle aree protette.

Sono stato rifiutato prima

Asbjørn Skotte, membro del consiglio di amministrazione e maggiore azionista della Norwegian Petroleum Group ASA (NPG), è coinvolto nell'esplorazione petrolifera alle Svalbard da 20 anni. È incerto sull'esito degli affari finali di martedì.

- Sono passati quasi cinque anni da quando abbiamo registrato una scoperta a Bellsund. Quando la legge mineraria afferma che non possono essere concessi nuovi diritti minerari nelle aree protette, allora dobbiamo avviare una discussione giuridica al riguardo, se ciò si applica alla scoperta o allo sterminio. Solo l'anno scorso il regime ambientale è stato cambiato, dice Skotte. Gli è già stato rifiutato in passato. La società ha tre affioramenti sull'isola di Hopen, dove nel 2003 è stata rifiutata la trivellazione di prova. Nemmeno un appello alla direzione norvegese per la gestione della natura ha portato a termine.

NPG è l'unica azienda che attualmente ha una richiesta di proroga. In totale, nel periodo tra il 17 e il 1963, alle Svalbard sono stati perforati 1994 pozzi di prova. Nessuno di questi ha prodotto scoperte promettenti di petrolio. Tutti i pozzi precedenti erano localizzati a terra. Bellsund potrebbe quindi diventare il primo pozzo ad essere perforato offshore.

Nia

Rasmus Hansson del WWF si oppone alle trivellazioni di prova nelle aree protette delle Svalbard.

- Ci sono buoni argomenti per effettuare trivellazioni di prova nell'arcipelago?

- NO. L’obiettivo generale qui deve essere quello di pensare in modo strategico. Forse possiamo metterci al sicuro un luogo del mondo dove la conoscenza e la natura incontaminata sono le forze trainanti. Ciò dovrebbe costituire un'ottima base sia per l'attività imprenditoriale che per la presenza politica. La Norvegia invece usa le lamentele e l'insoddisfazione dei russi come argomento per le proprie attività commerciali. E la Norvegia se la fa addosso ogni volta che i russi canticchiano. Se avessimo un minimo di volontà, forse un giorno anche i russi avrebbero un grande interesse a limitare le loro attività. Oggi investono soldi nell’attività mineraria, dice Hansson.

Quindi forse dovremmo chiudere anche l’estrazione del carbone?

- L'operazione non è più uno strumento politico, ma esclusivamente economico. Il giorno in cui non trarremo più profitto da questo, forse tra 10-15 anni, ci rimarranno solo i posti di lavoro. E sappiamo quanto sia difficile chiudere i posti di lavoro nel governo, sottolinea Hansson. Poi ritiene che arriveranno le richieste affinché l'azienda possa espandere le sue attività anche nelle aree protette che circondano le miniere.

Nia

Il leader del PS Åslaug Haga ha chiesto un ministro separato per le regioni settentrionali, ma inizialmente non è insoddisfatto dell'attuale amministrazione.

- Riteniamo che l'attuale amministrazione funzioni bene rispetto alle Svalbard, ma non vi è ancora dubbio che si tratti di un regime sotto pressione. Proprio per questo motivo dobbiamo essere proattivi nel dimostrare che il regime funziona davvero, sia in termini di gestione delle risorse naturali, sia che l’arcipelago potrebbe essere esposto a una tassazione eccessiva, se si promuovono soluzioni diverse dall’attuale regime, dice Haga.

- E quando si tratta di interessi commerciali?

- Non possiamo continuare con tutti i tipi di attività nell'arcipelago. Siamo scettici sulla questione se sia saggio consentire trivellazioni sperimentali per la ricerca del petrolio, proprio perché si tratta di aree politicamente sensibili e dal punto di vista ambientale. molto aree sensibili. Dubito quindi fortemente che ciò sia corretto, conclude Haga.

Nia

Il portavoce della politica ambientale della SV, Hallgeir Langeland, ha recentemente sostenuto che la Norvegia dovrebbe chiudere l'estrazione di carbone alle Svalbard, sulla base di una prospettiva di politica climatica.

- Con le operazioni alle Svalbard, la Norvegia contribuisce ad aumentare la quantità di carbone nel mercato europeo, riducendo così il prezzo dell'energia elettrica alimentata a carbone. Poi i politici si lamentano che bisogna importare questo potere inquinante, sottolinea Langeland.

- Quindi ora c'è sul tavolo una richiesta di misurazioni per possibili trivellazioni di prova per il petrolio; dovremmo preoccuparci di elaborare tali richieste?

- Ovviamente no. Ma con la speculazione americana secondo cui queste aree potrebbero contenere gran parte delle rimanenti risorse petrolifere mondiali, l'attenzione è molta su questo. E come al solito, la Norvegia è accomodante nei confronti delle richieste americane. Soprattutto quando ora abbiamo ministri conservatori sia al Ministero degli Affari Esteri che a quello del Petrolio e dell'Energia, sottolinea Langeland.

Potrebbe piacerti anche