Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Cambiamento climatico implacabile

Piuttosto che morire di vergogna per i danni che abbiamo causato all'ambiente, dobbiamo risvegliarci a una matura consapevolezza ambientale. 




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Clive Hamilton è professore di etica pubblica a Canberra e ha anche un chiaro profilo di intellettuale pubblico in Australia ea livello internazionale. Storicamente, c'è una stretta connessione tra il ruolo del filosofo e il parlare in pubblico; nella famosa Scrittura Che cos'è l'informazione? Kant parla di usare la propria ragione pubblica come pensiero libero dall'interesse personale – e per conto di tutti. Informazione pubblica non significa solo informare, ma soprattutto sfidare le persone ad assumersi le proprie responsabilità. Hamilton ci prova nel suo ultimo libro, che parla del destino dell'uomo nell'Antropocene, la nostra nuova epoca geologica, in cui l'uomo agisce come una forza geofisica.

Per i più iniziati sono l'Antropocene già un termine stanco, devastato dall'analisi critica e un po' sbiadito dopo essere stato più volte esaltato dal più sensazionalista degli operatori culturali. Per la stragrande maggioranza delle persone, tuttavia, la parola suona sconosciuta e straniera, oppure non ha acquisito la giusta connotazione fatale. Sembra che l'obiettivo di Hamilton sia quello di acuire il dibattito sull'Antropocene fino a farlo diventare la considerazione di un unico pensiero travolgente: cosa significa che il futuro destino della Terra è diventato dipendente dall'uomo?

Cancellata l'era glaciale. La prima cosa che serve è comprendere le nozioni di base: non si tratta del semplice fatto che l'uomo influisce sulla natura o interviene permanentemente sulla flora, sulla fauna e sul paesaggio. Se allunghiamo e relativizziamo il termine l'Antropocene e ne facciamo un segno della presenza visibile dell'uomo, si perde lo sconvolgente messaggio principale. Quando alcuni anni fa i geologi Crutzen e Stoermer resero famoso il termine, fu per dimostrare che la storia geologica della Terra è già stata influenzata dall'uomo attraverso la sovrapproduzione di CO2 e metano che crea cambiamenti nell'atmosfera. I cambiamenti sono abbastanza grandi da poter essere letti nelle curve climatiche geologiche che si estendono per decine di migliaia, sì, centinaia di migliaia di anni. È qui, e solo qui, che sta il punto.

Abbiamo spinto il nostro globo verso uno sviluppo nuovo e sconosciuto, che, tra le altre cose, potrebbe portare a un periodo nuovo ed estremamente instabile, come quello che prevalse 13 anni fa, prima dell’Olocene – l’epoca in cui emerse la società agricola. Un clima del genere, in cui possono verificarsi cambiamenti estremi di temperatura nel giro di pochi anni, semplicemente non fornisce una base per la vita per una civiltà globale del nostro tipo.

Si potrebbe forse parlare di una forma di crimine cosmico e di una corrispondente responsabilità astronomica.

Soluzioni immaginarie. La portata dell’influenza umana diventa particolarmente chiara quando negli ultimi anni si è saputo che le due imminenti ere glaciali, che secondo il ritmo climatico della Terra dovrebbero iniziare rispettivamente tra 56 e 000 anni, probabilmente non si verificheranno – a causa degli ultimi cento le emissioni annuali di gas serra. In una prospettiva molto più breve, potrebbe comportare il completo scioglimento della calotta polare, con un aumento del livello del mare fino a 137 metri.

Dato che gli scenari sono così selvaggi e le prospettive così vaste, è facile vivere l’intera situazione con un approccio fantascientifico. Ciò può essere utile per immaginare un futuro lontano, ma diventa un problema quando la scienza comprende se stessa anche alla luce della fantascienza e lancia soluzioni tecnologiche che diventano una sorta di confortante sogno ad occhi aperti. Alcuni fantasticano di garantire la sopravvivenza umana lasciando il pianeta e stabilendo colonie altrove. Già nel 1958 Hannah Arendt metteva in guardia contro questo tipo di fuga alienante dalla Terra, che è e sarà la casa dell’uomo. Chi ricorre alla seconda soluzione, ovvero influenzare i sistemi climatici attraverso la tecnologia, commette l’errore opposto quando finisce per vedere la nostra casa terrena come una proprietà che possiamo liberamente riprogettare.

Assoluti morali. Le domande relative a un cosiddetto geoingegneria è stato ampiamente trattato da Clive Hamilton nel suo libro precedente Earthmasters – Giocare a Dio con il clima (2013). Se le proposte degli ingegneri sono speculative, la politica è molto reale: governi e compagnie petrolifere, think tank e inventori sono già in competizione per le proposte più efficaci, dagli specchi solari e le eruzioni vulcaniche simulate alla fertilizzazione del mare e alle pompe per il ghiaccio nell’Artico. Gli interessi della realpolitik dietro una soluzione tecnologica “eco-modernista” sono evidenti: possiamo andare avanti con la stessa forma di società sopprimendone i sintomi.

Con ciò il problema climatico non appare né morale né fatale, ma piuttosto una sfida tecnica in attesa di una soluzione che sarà presto disponibile. Con chiarezza senza compromessi, Hamilton dice "no" a quella che vede come una fuga tecnologica dalla realtà – e le ragioni sono sia filosofiche, tecniche, politiche e morali.

Utopico e apatico. Non possiamo sfuggire alla responsabilità rendendo il problema tecnico, ma anche la responsabilità morale collettiva è difficile da attribuire, poiché lo sconfinamento è enorme. Concetti kantiani di morale sbagliato diventa un po’ troppo una leva quando dobbiamo etichettare i pazzi destabilizzando l’unico pianeta conosciuto con vita nell’universo. Si potrebbe forse parlare di una forma di crimine cosmico e di una corrispondente responsabilità astronomica. Tuttavia, la situazione non è disperata: i cambiamenti necessari alla civiltà sono noti e a portata di mano: comprendono il ridimensionamento dell'allevamento, il rimboschimento, la protezione degli ecosistemi e la conversione a fonti di energia verde. Il resto è una questione di volontà politica.

La crisi climatica non contiene alcuna utopia allettante del tipo che abbiamo sognato fin dall’Illuminismo, sotto forma di crescita, progresso e perfezione.

Di fretta. Clive Hamilton sostiene in modo convincente che l’Antropocene contiene i semi di una degna narrativa complessiva. Piuttosto che morire di vergogna per il danno che abbiamo causato all’ambiente, dobbiamo risvegliarci ad una matura consapevolezza ambientale. Realisticamente, Hamilton stima che le intuizioni di base dietro il paradigma dell’Antropocene siano del tipo che di solito richiede diverse generazioni per essere assimilate.

Dato che non abbiamo molto tempo, ha senso ripetere, affinare e rafforzare il messaggio contenuto nel termine l'Antropocene, affinché possa conquistare un posto al centro dell'autocomprensione della cultura. La crisi climatica non contiene alcuna utopia allettante del tipo che abbiamo sognato fin dall’Illuminismo, sotto forma di crescita, progresso e perfezione. Un risveglio climatico e una capacità di auto-aiuto maturo risuonano tuttavia con i proverbi illuministi di Kant Sapere Aude! – "Osate sapere!"

Anders Dunk
Anders Dunker
Filosofo. Critico letterario regolare a Ny Tid. Traduttore.

Potrebbe piacerti anche