Teatro della crudeltà

Dì SÌ all'UE

Gli animali e l'ambiente stanno meglio con l'UE che con l'odierna No side norvegese, conclude Steinar Lem a Framtiden i våre hands. Nel suo ultimo libro, rompe con il lato negativo. In Ny Tid scoprirete perché la figura ambientale più famosa della Norvegia ha dubitato fino al sì dell'UE.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Steinar Lem è da molti anni la personalità più visibile in "Il futuro nelle nostre mani". È stato un dibattitore sociale impegnato che non ha paura di prendere in giro le persone nella sua lotta per un futuro migliore e un ambiente migliore.

Questa settimana ha pubblicato il saggio La piccola vita, dove cerca di mostrare in modo molto personale che c'è una connessione tra un buon ambiente e una buona vita. Allo stesso tempo, l'attuale consigliere di Framtiden nelle nostre mani esce allo scoperto in modo abbastanza controverso come sostenitore dell'UE

- È un accordo abbastanza forte che prendi senza persone?

- La parte No ha distrutto la sua credibilità proprio nell'area in cui la parte Sì aveva poco da perdere – pensare al valore. La parte No ha presentato la semplice idea che c'era qualcosa di diverso dal proprio portafoglio di cui valeva la pena prendersi cura.

Ma si è scoperto che il no non significava proprio nulla riguardo all’ambiente e alla solidarietà. Era pura propaganda. Gli è stato mentito senza ritegno. Ciò che è stato detto è che i valori dovrebbero essere dominanti, ma ciò deve significare che gli interessi commerciali siano almeno un po’ messi da parte in caso di conflitto.

- Ma non è mai stato il No a regnare sovrano nella società, si può incolpare loro per la situazione in cui si trova oggi la società norvegese?

- Il lato del No è ​​ossessionato da ciò che è redditizio a brevissimo termine quanto il lato del Sì. Il mio argomento principale per dire no era la libertà di rimodellare la Norvegia. Ma no, le persone non hanno mantenuto alcuna visione. Al contrario, in settori importanti l’UE è più progressista della Norvegia. La Norvegia soffre di una crescita folle. Anche i camper vogliono elettricità più economica.

Se la Norvegia fosse stata una nazione pioniera, l’adesione all’UE avrebbe avuto un effetto inibitore. Ma non siamo stati una nazione pioniera nei campi che ritengo siano più importanti nel lungo termine: ambiente e solidarietà.

Saranno le truppe centrali del non-popolo che stermineranno i predatori. Sono loro che progettano di trasformare i pochi resti di foresta che abbiamo in campi coltivati... Vogliono biglietti aerei più economici per le zone rurali, elettricità più economica, esplorazioni petrolifere nel Mare di Barents. Vedo poche tracce della solidarietà che ho credette in.

- Il lato del no è brutto quanto il lato del sì, dici, ma scegli comunque il lato del sì. Perché?

- Non otteniamo un'adeguata protezione delle specie al di fuori dell'UE. E abbiamo bisogno di una completa diversità di specie. Abbiamo bisogno di lombrichi e bombi, ma abbiamo anche bisogno di predatori. Una cosa è quanto questo sia cruciale per la nostra qualità della esperienza. Un'altra cosa è che in natura ci sono delle soglie: se le ignoriamo, possiamo ritrovarci in processi di auto-rafforzamento, distruzioni sulle quali non avremo il minimo controllo.

Non possiamo gestire la diversità delle specie sulla base della vita quotidiana degli agricoltori, o della vita quotidiana degli abitanti delle città, o della vita quotidiana dei lavoratori petroliferi. Dobbiamo quindi spostare la prospettiva più in alto e, non da ultimo, ampliare il nostro orizzonte temporale. Ma sta accadendo il contrario: domina il breve termine. Colpisce tutti coloro che non possono proteggersi: i bambini piccoli per i quali facciamo scelte distruttive e tutti coloro che non sono ancora nati.

Come membri dell’UE, saremmo tenuti a rispettare gli obblighi internazionali che abbiamo già assunto ma che nella pratica ignoriamo. Ad esempio, i finlandesi sono stati portati davanti alla Corte di giustizia europea per la loro licenza di caccia ai lupi, nonostante abbiano dieci volte più animali della Norvegia, che ha anch'essa avviato la caccia su licenza. La Svezia è criticata dall’UE per la sua caccia all’orso, anche se gli svedesi sembrano aver raggiunto il loro obiettivo di popolazione di duemila animali. In Norvegia probabilmente non ci sono più di cinquanta orsi. La Direttiva Uccelli dell'UE è un altro esempio positivo. In quanto membro dell’UE, anche la Norvegia sarà costretta a fornire una migliore protezione per le specie e la natura.

- Molti dei vostri membri potranno percepire questo come un tradimento?

- È doloroso per me prendere una posizione sì, per molte ragioni. Uno di questi è che la maggior parte dei membri di Framtiden i våre hend (FIVH) probabilmente non sono ancora persone.

Sono fiducioso che la FIVH abbia la stessa apertura di SV o Ap, il che consente alle personalità chiave di avere opinioni dissenzienti. Può effettivamente essere un vantaggio che la nostra spaziosità sia visibile nel paesaggio. E non combatterò per il sì.

Se sto abbandonando le mie idee precedenti, non è perché sono invecchiato o perché improvvisamente mi impegnerò nella vera politica. Non sono un sostenitore del liberalismo del mercato, anzi.

E ancora non mi sento a mio agio con il sì alla società UE. Non mi sento a mio agio con dispositivi di grandi dimensioni, né con telecomandi non necessari. Ho parenti a Romsdal e a Sogn, mi piace molto la diversità che si può trovare lì sia nella natura che nella cultura. Non mi piace la cultura urbanistica e americanizzata che si sta diffondendo, e mi sento a disagio quando vedo quanto ci siamo preoccupati dei tassi di interesse, o che lo “shopping” è diventato un valore centrale nella vita delle persone. Ma è stato dimostrato che ci si può fidare più dei burocrati lontani dell’UE che dei decisori locali che assecondano gli interessi economici.

- Non hai paura di concentrarti sull'eterno sì-no all'UE. Non è proprio questo il punto, che il focus è distorto?

- Non mi concentro sull'UE: è un tema subordinato nel libro, che ha come prospettiva principale l'estinzione delle specie. Ma quando vedo che lupi, orsi e linci vengono uccisi in massa al di fuori dell’UE, è stato giusto presentare quello che ho pensato.

È chiaro che la questione dell’UE non è tuttavia importante in relazione alla coltivazione del consumo, e che la coltivazione del consumo stesso è solo una parte della base ideologica del neoliberismo.

- La Norvegia ha qualcosa da offrire all'UE?

- Il contributo della Norvegia all'UE sarà comunque di minore importanza. – La Norvegia è più influenzata dall'UE rispetto al contrario. Ci sono tuttavia aree in cui stiamo ancora meglio: la Norvegia egualitaria, per esempio.

Vedo chiaramente che in relazione alla diversità delle specie possiamo davvero fare una grande differenza. Abbiamo il dominio su come appare la natura norvegese: finché il cambiamento climatico non distrugge l’equilibrio climatico, la Norvegia almeno ha il controllo sulla propria diversità delle specie. La natura norvegese è unica. Ma sia le specie diverse dalla nostra che la bellezza naturale svolgono un ruolo insignificante nella politica norvegese. Abbiamo davvero qualcosa con cui contribuire lì. Ma non lo vogliamo.

- Perché dovremmo avere predatori in Norvegia, quando proprio nell'UE ci sono lupi, orsi e linci? Gli spagnoli convivono bene con diverse centinaia di lupi...

- In primo luogo, la qualità della vita della maggioranza diminuisce insieme alla diversità delle specie. Ma ancora più importante è che se la ricca Norvegia si concede il diritto di sterminio a livello nazionale, tutti i paesi devono avere questo diritto, a condizione che le creature esistano solo in un altro posto. Tra cento anni lupi e orsi potrebbero vivere solo in Siberia, forse ancora povera, e dove gli sterminatori locali sapranno come porre fine all'avventura una volta per tutte. Per l'eternità. Pertanto, è molto importante che la Norvegia non si stabilisca e non stermini gli animali. Lì possiamo avere una grande influenza, nella direzione sbagliata.

Nella politica climatica, la nostra influenza globale è ridotta. Ciò non significa che non avremmo enormi opportunità se ci prendessimo la briga di sfruttarle. Basta guardare i paesi vicini: quanto hanno ottenuto Danimarca e Svezia rispetto a noi.

- Lei osa concludere il capitolo in cui si dichiara "no all'UE", con la seguente frase: "Voterò con la maggioranza degli animali". Può essere liquidato come estrema ingenuità: rischi di sentirti dire che la politica non riguarda gli animali?

- Mi ribello al disprezzo umanocentrico per gli animali. Gli animali sono i deboli, gli altri. Ma c'è un'apertura nella formulazione riguardo al rispetto della maggioranza degli animali. No all’UE, l’UE può ancora inasprirsi, tendere la mano al lato ambientale e creare nuove alleanze. La questione va comunque più in profondità: le persone senza un cuore per gli animali raramente hanno un cuore affettuoso anche per le persone.

E poi va notato che su Blindern non c'è una sola persona che dica qualcosa. Non ci sono forze importanti né in politica né tra gli intellettuali con un’empatia che trascende la propria specie. Gli animali perdono. E la sinistra sta perdendo, tra l’altro con grandi gruppi giovanili.

- "Se una nazione non riesce a determinare le caratteristiche fondamentali del suo sviluppo, si paralizza l'interesse politico", scrivi. Ma può oggi una nazione decidere le caratteristiche fondamentali del suo sviluppo, è qualcosa che può essere deciso anche a livello nazionale?

- Nessuna nazione può determinare seriamente le caratteristiche fondamentali del suo sviluppo, all’interno del capitalismo globale. Quando l’obiettivo stesso è la crescita economica, la via principale è determinata e le possibilità di deviazione sono limitate. Ma i margini di manovra ce ne sono, molto più di quanto potremmo immaginare. Con una politica nazionale maggiormente orientata ai valori, la Norvegia con le sue ricchezze ha avuto l’opportunità di impostare un percorso diverso da quello che stiamo facendo noi. Il fatto è che la Norvegia non vuole passare ad interessi sostenibili: nel breve termine stiamo traendo troppi profitti da ciò che non è sostenibile.

La maggior parte delle specie uniche e innumerevoli della Terra sono ancora qui. Possiamo goderceli ogni giorno: non dobbiamo dimenticare di proteggere il loro futuro e il nostro.

Potrebbe piacerti anche