Teatro della crudeltà

Arabia Saudita direttamente coinvolta nell'11 settembre?

La prima designazione ufficiale statunitense dell'Arabia Saudita come possibile colpevole dell'assassinio nel 2001 è ora disponibile.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Il 15 luglio sono state pubblicate le ormai mitiche 28 pagine sull'attacco terroristico a New York e Washington dell'11 settembre 2001. Nel gennaio 2003, la US Senate Intelligence Committee ha presentato il suo rapporto sull'attacco, ma 28 delle pagine di il rapporto – che riguarda il ruolo dell'Arabia Saudita – è stato finora nascosto al pubblico.

Non da ultimo, il senatore Bob Graham – allora capo dell'Intelligence Committee, membro del comitato consultivo della CIA e coautore del rapporto – è stato una forza trainante dietro il declassamento delle 28 pagine. Graham ha parlato del sostegno diretto del regime saudita ai dirottatori e che i sauditi hanno continuato a finanziare Al Qaeda e ISIS. La cosa importante non era che 15 dei 19 dirottatori fossero arabi sauditi. Secondo il senatore Graham, l'importante era che non sarebbero stati in grado di portare a termine l'attacco senza i finanziamenti e il sostegno diretto del regime saudita.

Subito dopo Attacco dell'11 settembre, l'ambasciatore dell'Arabia Saudita a Washington, il principe Bandar bin Sultan, chiamò il presidente George W. Bush. 144 cittadini dell'Arabia Saudita, tra cui diversi membri della famiglia di Osama bin Laden, sono stati fatti lasciare dagli Stati Uniti, mentre tutti gli altri voli negli Stati Uniti sono stati lasciati a terra. L’FBI ha detto che interrogherà più di questi sauditi. Nel maggio di quest’anno, il Senato ha approvato un disegno di legge che consentirebbe alle famiglie delle vittime dell’11 settembre di citare in giudizio il governo dell’Arabia Saudita per il suo ruolo nell’attacco. La Casa Bianca ha minacciato di porre il veto.

Le 28 pagine esprimono critiche nei confronti dell'FBI e della CIA che, secondo il rapporto del Senato, non avrebbero dovuto comprendere "la portata dei legami del governo dell'Arabia Saudita con i terroristi". Si dice che due sauditi, Omar al-Bayoumi e Osama Bassnan, descritti come agenti dell'intelligence saudita, abbiano "fornito un sostegno significativo ai dirottatori Khalid al-Mihdhar e Nawaf al-Hazmi dopo il loro arrivo a San Diego nel febbraio 2000". Si dice che abbiano fornito loro un alloggio e li abbiano aiutati a sistemare sia la patente di guida che la scuola di volo. Bayoumi e Bassnan sarebbero stati finanziati dal regime saudita: Bayoumi con i soldi del Ministero della Difesa, Bassnan con i fondi, tra l'altro, direttamente dell'ambasciatore dell'Arabia Saudita a Washington, il principe Bandar e sua moglie. Si dice anche che la famiglia reale dell'Arabia Saudita abbia contribuito con una grossa somma di denaro a Bassnan in un'occasione. Si ritiene che entrambi abbiano avuto legami o abbiano sostenuto Osama bin Laden. Il rapporto conclude che "si ritiene che i rappresentanti del governo dell'Arabia Saudita negli Stati Uniti abbiano legami con la rete terroristica di Osama bin Laden".

Il principe Bandar bin Sultan. ©AFP/Scanpix
Il principe Bandar bin Sultan. ©AFP/Scanpix

Le 28 pagine non presenta alcuna prova assoluta che il governo dell'Arabia Saudita abbia consapevolmente sostenuto l'attacco terroristico negli Stati Uniti, ma questa è senza dubbio la sensazione che si rimane dopo aver letto il rapporto – ed è certamente la sensazione che si rimane dopo aver ascoltato il discorso del senatore Graham presentazione dello stesso. Anche gli altri "dirottatori aerei dell'11 settembre 2001" avrebbero avuto contatti con rappresentanti del governo dell'Arabia Saudita. Le 28 pagine indicano che il regime saudita potrebbe essere stato direttamente coinvolto nell’attacco agli Stati Uniti dell’11 settembre 2001.

Ma significa anche che la richiesta di declassare i 28 siti potrebbe essere stata utilizzata per ricattare contro l'Arabia Saudita. La leadership politica americana ha potuto dire: c'è una forte opinione pubblica negli Stati Uniti che vorrebbe rimuovere il timbro di segretezza sulle 28 pagine. Se segui le nostre raccomandazioni, possiamo porre il veto alla pubblicazione.

Quando nel 2014 gli Stati Uniti volevano costringere Mosca a ritirarsi con l’aiuto delle sanzioni e del conflitto in Ucraina, si sono rivolti all’Arabia Saudita per garantire prezzi del petrolio nettamente più bassi che avrebbero potuto limitare radicalmente le entrate russe. Solo gli arabi sauditi all’interno dell’OPEC potevano impedire un ulteriore calo dei prezzi del petrolio. Il Venezuela voleva limitare la produzione per mantenere i prezzi del petrolio, ma nonostante gli interessi sauditi per un prezzo del petrolio più alto, hanno bloccato la proposta del Venezuela. Poco prima, la discussione sulle 28 pagine aveva raggiunto nuovi livelli, costringendo apparentemente l’Arabia Saudita ad accettare le istruzioni degli Stati Uniti. Il calo dei prezzi del petrolio era una politica americana, e i sauditi evidentemente si adattarono con riluttanza.

Allo stesso modo che negli anni ’1980 costrinse gli Stati Uniti, con l’aiuto dell’Arabia Saudita, ad un calo dei prezzi del petrolio che prosciugò Mosca delle entrate. L’idea centrale del capo della CIA Bill Casey negli anni ’1980 era che gli Stati Uniti, insieme all’Arabia Saudita e al Pakistan, dovessero intraprendere una guerra per procura in Afghanistan, per costringere Mosca a intraprendere una guerra impossibile con di conseguenza enormi costi. Gli islamici dell’Arabia Saudita sono stati addestrati e armati per combattere in Afghanistan. Le spese di guerra di Mosca avrebbero dovuto distruggere il paese, mentre Casey, con l'aiuto dei sauditi, costrinse ad abbassare i prezzi del petrolio in modo che le entrate di Mosca si avvicinassero allo zero. Ora è confermato che questa è stata la politica americana: Mosca è stata messa in una morsa economica dalla quale era impossibile uscire. La stessa politica sembra essere perseguita oggi dall’amministrazione americana.

Le 28 pagine indicano che il regime saudita potrebbe essere stato direttamente coinvolto nell’attacco agli Stati Uniti dell’11 settembre 2001.

Ma negli anni ’1980 questa strategia si basava in gran parte sull’accordo tra Stati Uniti e Arabia Saudita. Oggi sembra che si sia costruito sul ricatto, nel quale le 28 pagine e la minaccia di procedimenti legali contro il governo dell'Arabia Saudita potrebbero aver giocato un ruolo non del tutto insignificante. In risposta, l’Arabia Saudita ha minacciato di vendere asset per centinaia di miliardi di dollari negli Stati Uniti. Forse è stato gradualmente raggiunto un compromesso. La parte saudita potrebbe aver ricevuto garanzie di una certa "limitazione dei danni", e i sauditi hanno potuto dire che una designazione americana del regime saudita come responsabile degli attacchi del 2001 potrebbe ritorcersi contro di loro. I sauditi non sarebbero stati in grado di operare negli Stati Uniti senza il sostegno americano.

I legami tra la leadership dell’Arabia Saudita e quella americana furono rafforzati dopo la seconda guerra mondiale. Sono vicini fin dall'inizio degli anni '1980, e soprattutto è stato il caso della famiglia Bush, come è meglio illustrato dagli stretti legami del presidente George W. Bush con l'ambasciatore dell'Arabia Saudita. Incolpare i sauditi per l’11 settembre 2001, come suggerisce il senatore Graham e come lasciano intendere le 28 pagine, non è così facile.

Agenti della CIA Robert Baer ha riferito di essere stato informato nell'estate del 2001 dal rappresentante di un principe arabo che a breve sarebbe avvenuto uno "spettacolare" attacco terroristico. Le informazioni sembravano puntare nella direzione di un attacco da parte dei sauditi agli Stati Uniti. Baer ha ricevuto un elenco delle persone di Osama bin Laden in Arabia Saudita, che ha mostrato in agosto a un consigliere del ministro della Difesa saudita, il principe Sultan bin Abd-al-Aziz, ma non era interessato. Ci sono state anche altre informazioni simili, ma le 28 pagine sono la prima designazione ufficiale degli Stati Uniti dell'Arabia Saudita come possibile colpevole dell'assassinio del 2001. Nonostante questa conclusione, all'epoca della pubblicazione del rapporto, gli Stati Uniti scelsero di entrare in guerra. contro l’Iraq – non l’Arabia Saudita – il che ci dà un buon quadro degli stretti legami tra l’élite di potere americana e quella saudita. Se i sauditi hanno partecipato ai preparativi per l’attacco, non sono stati certamente i soli.

Alla fine degli anni '1980 e all'inizio degli anni '90, Michael Springman ha lavorato presso la società di consulenza americana a Jeddah, in Arabia Saudita. Ha raccontato alla BBC, tra l'altro, di essere stato costretto più volte a rilasciare visti a cittadini dell'Arabia Saudita che non avevano i requisiti per il visto americano. I funzionari della CIA sono intervenuti e hanno chiesto che queste persone potessero entrare negli Stati Uniti. Dovevano ricevere una formazione per effettuare sabotaggi e bombardamenti in Afghanistan e altrove. Springman protestò, ma dovette accettare la decisione dei suoi superiori.

Robert Baer ha descritto come ha seguito un corso avanzato sul terrorismo nel campo di addestramento della CIA ad Harvey Point, nella Carolina del Nord, dove ha imparato, tra le altre cose, come costruire autobombe con il letame. “Abbiamo fatto saltare in aria uno scuolabus utilizzando dieci chilogrammi di C-4 americano. Come confronto abbiamo utilizzato anche il Semtex ceco e altri "esplosivi al plastico" stranieri." Qui venivano addestrati anche gli arabi che dovevano combattere contro i russi in Afghanistan. La CIA li ha aiutati a ottenere i visti. Springman dice che tutti i presunti dirottatori dell'11 settembre avevano ottenuto il visto dal consolato americano a Jeddah. Se nell’attacco è coinvolta l’Arabia Saudita, è molto probabile che siano coinvolte anche persone dalla parte americana.

Ma il fatto è probabilmente molto più complicato di così. Molti dei 19 "dirottatori" sono stati intervistati in Arabia Saudita (e Marocco) questa settimana dopo gli eventi dell'11 settembre: questi individui avevano la stessa identità dei dirottatori ed erano indignati per il fatto che la loro identità fosse stata utilizzata per l'attacco dell'11 settembre. Wleed al Shehri ha detto alla BBC di aver già lasciato gli Stati Uniti un anno prima. Ahmed al-Nami ha dichiarato al The Telegraph dalla sua casa in Arabia Saudita: "Sono vivo, come potete vedere, e sono scioccato dal fatto che il mio nome fosse sulla lista del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti". Abdulaziz al-Omari ha detto al Telegraph che lui e Saeed al-Ghamdi erano sconvolti per essere stati definiti dirottatori, con tutti i dettagli personali riprodotti correttamente. Quando è stato chiesto al capo dell'FBI Robert Mueller dei dirottatori, ha detto che le identità, cioè i passaporti, avrebbero potuto essere rubate e che l'FBI non sapeva realmente quali fossero i veri nomi dei dirottatori.

Bisogna anche chiedersi come sia potuto finire sotto una delle torri del Word Trade Center, completamente intatto, il passaporto di uno dei "dirottatori", Satam al-Suqami. Come potrebbe un passaporto, che è fatto di carta, volare attraverso un mare di fuoco grande quanto un campo di calcio senza essere danneggiato? Sappiamo che il calore nel World Trade Center aveva fuso grandi quantità di acciaio (che fonde a 1500 gradi Celsius), e che l'US Geological Survey ha trovato molibdeno fuso (che fonde a 2600 gradi Celsius) presso le torri del World Trade Center – mentre Secondo quanto riferito, il passaporto di un dirottatore saudita è sopravvissuto a queste temperature. C'è qualcosa che non va da qualche parte. Una causa contro il governo dell'Arabia Saudita rischia di aprire il vaso di Pandora, e sicuramente lo sa anche la Casa Bianca.

Le 28 pagine mostrano che i rappresentanti del regime dell'Arabia Saudita hanno finanziato i "dirottatori" nell'attacco dell'11 settembre – ma sappiamo chi erano i dirottatori e cosa hanno fatto? Avevano effettivamente il ruolo che gli era stato ufficialmente attribuito? Sono stati finanziati da agenti dell’Arabia Saudita – ma cosa importa davvero? I dirottatori non erano certo islamisti. Alcuni di loro vivevano la vita nei club porno, con alcol e cocaina. La ragazza di Mohammed Atta era una ballerina nuda con i capelli rosa. E perché molti di loro vivevano nelle basi militari americane? Ci sono molte cose che non quadrano. Forse le 28 pagine riguardano più il gioco dell’America con i sauditi che l’attacco terroristico dell’11 settembre 2001.

Vedi l'articolo sul lavoro di pace di Ola Tunander «30 anni al servizio della pace»sullo stesso giornale!

Ola Tunder
Ola Tunander
Tunander è professore emerito del PRIO. Guarda anche wikipedia, a PRIMA, oltre a una bibliografia su Pietra d'acqua

Potrebbe piacerti anche