Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Cooperare o contrastare?

Stick leader agricoli conservatori agiscono come una spina nel sistema e impediscono l'aumento della produzione di alimenti biologici.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[cronaca] A Choice, acquistiamo cibo per un valore di 700 milioni di NOK ogni anno. Nell'ultimo anno abbiamo lavorato per poter offrire ai nostri ospiti alimenti biologici. È più facile a dirsi che a farsi.

Il cibo biologico consente di viaggiare a breve distanza, risparmia gli animali e riduce le emissioni dei trasporti. Il cibo biologico è un cibo naturale e buono. Sempre più persone vogliono scegliere il biologico. In altri paesi, vediamo una tendenza verde. Il fatto che non sia arrivato oltre fin qui è dovuto innanzitutto ad un ritardo raro nella filiera produttiva. Si potrebbe pensare che qualcuno si sia adoperato attivamente per evitare che i prodotti biologici competano con quelli convenzionali. Altri non sanno quale bene dovrebbero fare, ma non ne comprendono le dimensioni. Come un contadino che ho incontrato. Era interessato a consegnare uova biologiche ai nostri hotel e mi ha chiesto quante ne avevo bisogno.

- Circa 20.000 uova, ho risposto.

- Posso farcela, disse il contadino dopo averci pensato un po'.

- Tutti i giorni, ho detto.

E poi ci fu il silenzio.

Le responsabilità degli attori sociali. Se dovessimo servire solo cibo biologico nei nostri 157 hotel, aspireremmo l’intero mercato scandinavo. Eppure, non era bastato. Dopo aver condotto un programma di prova con un'alternativa biologica in tre dei nostri hotel, abbiamo imparato che anche questo richiede impegno, impegno e concentrazione oltre il solito. Ma abbiamo ancora l'ambizione di introdurre un'alternativa ecologica in tutti i nostri hotel. Perché gli ospiti lo vogliono. Perché è redditizio. E perché è importante.

Il mio impegno per l’ambiente è cresciuto negli anni. Non ero tra coloro che hanno trascorso la loro giovinezza nella Natura e nella Gioventù. E devo ammettere un'altra cosa: quando abbiamo iniziato con le docce di risparmio in Choice, era principalmente per risparmiare denaro. Ma questa visione è cambiata. Oggi siamo la più grande catena alberghiera della Scandinavia. Operiamo in modo redditizio, guadagniamo bene e abbiamo 8000 dipendenti. Stiamo diventando un attore sociale, con un potere di mercato sufficiente per avere influenza. Il calcolo è semplice: la responsabilità ambientale aumenta proporzionalmente al guadagno. Ciò significa che tutti i consumatori hanno la responsabilità di scegliere prodotti rispettosi dell’ambiente quando fanno acquisti. Ciò significa che Choice deve fare il possibile per ridurre le nostre emissioni e scegliere fornitori che facciano lo stesso. Ciò significa che la Norvegia, in quanto nazione ricca di petrolio, deve assumersi una maggiore responsabilità sia per quanto riguarda la riduzione delle emissioni che per lo sviluppo della tecnologia sostenibile del futuro. E in questo contesto ciò significa che le cooperative devono assumersi una maggiore responsabilità quando si tratta di rendere disponibili alimenti biologici e prodotti rispettosi dell'ambiente a prezzi competitivi. Quest'ultimo è fondamentale affinché i prodotti abbiano un impatto commerciale con i consumatori a un livello tale da poter fare la differenza non solo per palati e coscienze.

Se lo decidono i numeri. L'Associazione degli agricoltori norvegesi e la Landbruksamvirke ovviamente non hanno nessuno dei due. Ecco, sono i soldi che contano. Se lasci che siano i numeri a controllare lo sviluppo, ti ritroverai a contare. Ma non puoi contare i tuoi percorsi nella vita. E queste potenti organizzazioni non riescono a credere di potersi contare nel futuro. Se lo faranno, il governo non raggiungerà mai l’obiettivo che il 15% del cibo prodotto in Norvegia debba essere biologico entro il 2015. Oggi la cifra è del XNUMX%. E finché coloro che controllano l’agricoltura e le catene alimentari continueranno a lavarsi nei propri freni, il loro numero rimarrà lì.

Mentre l'Associazione degli agricoltori e dei piccoli agricoltori norvegesi lavora attivamente per una trasformazione ecologica dell'agricoltura, sembra che l'Associazione degli agricoltori norvegesi e il Landbrukssamvirket si nascondano dietro il fatto che sul mercato sono già presenti alcuni prodotti biologici che non sono apprezzati dal pubblico. pubblico. L'argomento è familiare. Tuttavia, lo sforzo dietro a convincere le persone a scegliere il biologico è sconosciuto. Le restrizioni alla distribuzione e i prezzi rallentano l'acquisto di alimenti biologici da parte della popolazione. L'esperienza di altri dimostra che quando il cibo biologico viene offerto allo stesso modo degli altri alimenti, molte persone preferiscono il cibo biologico.

Reazionari e conservatori. Quando l'offerta di prodotti biologici nei negozi è così scarsa, il fatturato dei prodotti biologici deve necessariamente essere basso. Questo è un sintomo del fatto che abbiamo una catena del valore per la produzione di alimenti biologici che non funziona. I membri delle organizzazioni agricole sostengono un maggiore investimento ecologico. Vogliono produrre di più. Sono le stesse organizzazioni agricole a restare indietro. Forse è perché i manager sono fermamente conservatori, o perché pensano che sia parte della descrizione del lavoro apparire reazionario. In ogni caso rappresentano un collo di bottiglia del sistema, un collo di bottiglia a danno dell’ambiente e dello sviluppo.

Ma non sono gli unici. Gran parte dell’agricoltura norvegese è controllata politicamente, quindi è anche una responsabilità politica garantire una maggiore produzione di prodotti biologici. La domanda ovviamente non è un incentivo sufficiente per aumentare la produzione di beni biologici. Devono esserci ostacoli strutturali che facciano sì che un numero maggiore di agricoltori norvegesi non producano in modo biologico e che l'aumento della superficie biologica per il 2006 sia stato di uno scarso 0,1%. Se c'è qualcosa che non va nel sistema, è responsabilità dei politici correggerlo.

La FAO, l'organizzazione agricola delle Nazioni Unite, afferma che la produzione mondiale di cereali e cereali sta diminuendo. Dicono che il modo altamente intensivo di produrre cibo di oggi non soddisferà i bisogni del futuro. Allo stesso tempo, la FAO sottolinea che la produzione biologica su base globale può aumentare la produzione del 132%. In questo caso non è stata detta quasi l'ultima parola, ma c'è motivo di prenderlo sul serio. Fortunatamente ci sono segnali che il governo rosso-verde lo stia facendo.

Allo stesso tempo, gli strumenti per raggiungere l’obiettivo del 15% biologico sono poveri di strumenti gestionali. Uno strumento semplice potrebbe essere che lo Stato utilizzi il proprio potere d’acquisto per costruire distribuzione e volume attorno ai prodotti biologici. Diversi comuni svedesi e danesi lo hanno fatto, mentre in Norvegia ci sono stati solo tentativi limitati.

I cambiamenti nel potere dei consumatori sono una delle caratteristiche più interessanti dello sviluppo sociale. Il potere dei consumatori è il potere delle persone. Le persone stanno diventando sempre più consapevoli di quali attori vogliono lasciare i soldi. I consumatori hanno iniziato a notare la responsabilità sociale e altre questioni che parlano al cuore, e a usarle come base quando scelgono da chi acquistare.

Chi vuole convincere i clienti di oggi e di domani deve competere su altri aspetti oltre al prezzo e al design. I clienti di oggi acquistano molto spesso da coloro che preferiscono. I clienti di domani lo faranno in misura ancora maggiore. Pertanto, la nostra ambizione è che tutti i nostri hotel siano in grado di offrire un menu completamente biologico. E non intendiamo aspettare che siano le cooperative a togliere i paraocchi. Sia il tempo che il riscaldamento globale si stanno esaurendo troppo velocemente per questo. ?

Potrebbe piacerti anche