"So! allora puoi andare via, stupido capitalismo di sorveglianza. "

MONITORAGGIO: Non mi rendo conto che la radice del problema risiede nella penetrazione digitale ovunque.

Trige Andersen è una giornalista e storica freelance.
L'era del capitalismo di sorveglianza. La lotta per il futuro alla nuova frontiera del potere
Autore: Shoshana Zuboff
Editore: Libri di profilo, USA

MONITORAGGIO: Non mi rendo conto che la radice del problema risiede nella penetrazione digitale ovunque.

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

Può sembrare disconnesso, ma mi dispiace tanto per tutto il discorso sul capitalismo di sorveglianza. Intestazioni di articoli come "Viviamo nell'era del capitalismo di sorveglianza – e non ne abbiamo ancora capito le conseguenze" (Information.dk) mi danno stanchezza e vomito – quest'ultimo a causa di ciò che "facciamo".

Chi siamo noi?

Noi, che ovviamente abbiamo un progetto comune e ... cosa? Un avversario comune? Sì, a quanto pare, a giudicare da un altro titolo: "Il capitalismo della sorveglianza è stato diagnosticato – ora possiamo combatterlo" (Information.dk).

Oh, questo "noi" disordinato, così indefinito che si può immediatamente sentire quanto debbano essere deboli i colpi. "Così! puoi allora andartene, stupido capitalismo della sorveglianza. O almeno fare un contratto sociale, proprio come ai bei vecchi tempi ".

Ho la stessa sensazione quando mi siedo con uno dei punti centrali della discussione: il famoso libro di Soshana Zuboff The Age of Surveillance Capitalism. La lotta per il futuro alla nuova frontiera del potere. È pieno di vi e di riferimenti a un capitalismo più raffinato, che si è comportato in modo più responsabile o almeno potrebbe essere ritenuto responsabile.

Conoscenza e potere

Preservato, sono quindi preoccupato per le opportunità che qualcuno ha di manipolare il mio comportamento, rinchiudermi, negarmi una pensione, un'assicurazione, un prestito bancario o un trattamento ospedaliero e come chiunque altro potrebbe inventare la cosiddetta conoscenza della mia persona e del movimento, che le mie tracce elettroniche le forniscono.

Shoshana Zuboff

Semplicemente non mi rendo conto che la radice di questo problema risiede nell'intrusione digitale ovunque nello spazio pubblico e privato, non importa quanto sia stressante. O che del resto dovrebbe essere nuovo. Finché sono esistite tecnologie (della conoscenza) come la tassa sui cereali, il censimento, le statistiche, le diagnosi e così via, chi detiene il potere – politico ed economico – ha cercato di sapere qualcosa sulle popolazioni per controllarle e sfruttarle.

Anche la revisione della lotta di classe di The Age of Surveillance Capitalism è intitolata "Knowledge is Power", qualcosa che è stato ampiamente conosciuto almeno dai rivoluzionari studi storici di Foucault negli anni '1960 e '1970. Si prevede che il libro di Zuboff avrà lo stesso impatto del Capitale di Thomas Piketty nel 21 ° secolo. Ma che impatto ha avuto davvero? Inoltre, molti media ne hanno parlato molto per un tempo sorprendentemente lungo.

Piketty ha dimostrato, tra le altre cose, una disuguaglianza crescente e galoppante in tutto il mondo. Non è stata una sorpresa per nessuno. La disuguaglianza non è diminuita da quella pubblicazione. È improbabile che la sorveglianza diminuisca dopo l'appello di Zuboff all'opposizione ai capitalisti della sorveglianza, come li chiama nel libro. È ovviamente un tipo molto speciale di capitalisti che hanno un progetto particolarmente spaventoso.

Buon vecchio capitalismo?

L'era del capitalismo della sorveglianza è una lettura utile se vuoi saperne di più su come operano esattamente i giganti della tecnologia come Google e Amazon nella sfera digitale, quali dati raccolgono e per cosa li usano e come le persone che gestiscono le aziende percepiscono la loro attività e le sue possibilità. Ma non sono sicuro che sia particolarmente utile in una resa dei conti con il capitalismo in quanto tale, e non sono nemmeno affari suoi.

Non c'è dubbio che il comportamento e le relazioni sociali possono essere nutriti in misura ancora più estrema di prima.

Il capitalismo della sorveglianza è, scrive Zuboff, «parassitario e autoreferenziale», e «fa rivivere la vecchia immagine di Karl Marx del capitalismo come vampiro nutrito dal lavoro ma con una disputa inaspettata. Invece del lavoro, il capitalismo della sorveglianza si nutre di ogni aspetto dell'esperienza umana ».

Non c'è dubbio che il capitalismo con i nuovi strumenti digitali abbia trovato modi in cui l'esperienza umana, il comportamento e le relazioni sociali possono essere sostenuti in misura ancora più estrema di prima. Ma "invece del lavoro" non lo è: il "nuovo" capitalismo si basa, proprio come il "vecchio", sull'estrazione di plusvalore dalle persone che sono costrette a vendere la loro forza lavoro. Cioè, la maggior parte di noi.

In un certo senso, il capitalismo del XXI secolo – proprio attraverso la realizzazione di tutta l'esperienza umana – ha reso piuttosto visibili forme di lavoro che prima si svolgevano in modo del tutto gratuito e quindi inosservate. Ad esempio, tutto il lavoro necessario per mantenere la vita.

Non dovrebbe essere inteso nel senso che penso sia di tutti i tempi che ora si può trarre profitto e commerciare con diversi aspetti dell'esistenza umana. Ma la nostalgia per una forma precedente di capitalismo, attraverso la quale Zuboff scrive il libro, non la condivido.

Può sempre peggiorare

I prodotti ei servizi del capitalismo della sorveglianza «non stabiliscono una costruttiva reciprocità produttore-consumatore», scrive, ad esempio, e mi chiedo quale possa essere nel mondo una costruttiva reciprocità produttore-consumatore.

Il capitalismo della sorveglianza è una "forza fraudolenta guidata da imperativi economici senza precedenti che scavalca le norme sociali e abolisce i diritti fondamentali associati all'autonomia individuale, che sono cruciali per la possibilità stessa di una società democratica", scrive altrove Zuboff.

E mi chiedo quali siano le norme sociali che erano così consolidate ea beneficio di tutti noi, e mi chiedo quando esistesse la società democratica che garantiva l'autonomia individuale ei diritti fondamentali di tutte le persone e dove.

In effetti, penso che il capitalismo si sia evoluto in peggio nel 21 ° secolo in molti modi, non riesco proprio a pensare a quando è stato bello, e quindi non posso attaccare la mia nostalgia al tempo e al luogo. Forse è per questo che faccio fatica a concentrarmi sul panico dei "capitalisti della sorveglianza".

Se mi soffermo un po 'di più sulla mia preoccupazione che qualcuno possa inventare la conoscenza che pensa di avere sulla mia persona e la mossa di manipolare il mio comportamento, rinchiudermi, negarmi una pensione, un'assicurazione, un prestito bancario o un trattamento ospedaliero, quindi non è specificamente legato alla sorveglianza digitale.

È legato al fatto che il mondo è così interconnesso che siamo tutti arbitrariamente – e alcuni di noi in modo più sistematico – alla mercé del monopolio della violenza degli Stati e degli interessi economici privati. Forse è stato più utile iniziare lì la «lotta per il futuro».

Abbonamento NOK 195 quarti