La corsa al ribasso della Russia

La Russia contro la modernità
Forfatter: Alexander Etkind
Forlag: Polity Press, (USA)
LO STATO DEL PETROLIO / In questo libro, Alexander Etkind afferma che la Russia è il meno uguale, il più militarizzato e il più carbonizzato tra tutti i principali paesi del mondo.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

In questo libro la guerra è in corso Ukraina passato: Si tiene una conferenza di pace sul modello dell'accordo di Parigi del 1918-19: "Dall'Ucraina alla Mongolia, i vicini dei nuovi paesi hanno mediato i negoziati. Hanno contribuito federazioni esperte come l’UE e gli USA. I nuovi paesi ricordavano con disprezzo il loro lungo periodo di sottomissione alla Federazione [Russia]. Soprattutto, erano grati al Paese che aveva sconfitto la Federazione nella guerra”.

Nel libro La Russia contro la modernità Alexander Etkind – storico e ricercatore culturale di San Pietroburgo – esce con eleganza dal presente. Quella di Vladimir Putin Russia, "La Federazione", ha subito un destino autoinflitto: lo scioglimento. Con i poteri rigenerativi di un uccello fenice, sono rinati stati su un'area pari a un sesto della superficie totale della terra. È uno scenario che Etkind rende probabile con un'analisi storicamente fondata e con un ottimismo dato da Dio.

Al centro c'è il parassita di Putin corruzione è insito in questo regime cleptocratico. La Russia dopo la caduta dell’Unione Sovietica registra l’aumento più rapido della disuguaglianza a livello mondiale. Dopo le proteste anti-Putin del 2011/12 è ulteriormente aumentata.

Per l'uomo in cima si era aperto un abisso. La modernizzazione comporterebbe una società civile attiva, libertà di espressione, richieste di una migliore assistenza sanitaria, maggiori opportunità per i cittadini comuni e attacchi allo Stato cleptocratiUN. Allora qual è stata la contromisura di Putin? Sjumilsteg al contrario: una Russia tradizionale con babushka obbedienti, nonne vecchio stile che si prendevano cura dei bambini, rifugio nella moralità religioso-tradizionale, xenofobia e rigoroso conformismo di genere. Come una cricca di fossili erranti che guadano l'energia fossile. Etkind chiede retoricamente: “Quando è stata l'ultima volta che qualcuno ha acquistato un chip per computer fatto in Russia? »

I due tipi di modernità

Presentatore attivo per i modelli: paleomodernità (tipico dell’Unione Sovietica), che definisce il progresso laddove la natura viene sfruttata al massimo. Più risorse vengono utilizzate e più energia viene consumata, più alta sarà la valutazione della civiltà. Per modernità rappresenta quindi il rapporto opposto tra progresso e natura. Nella modernità di Gaia, il concetto di crescita della paleomodernità diventa un feticcio che deve essere abolito. Il modello Gaia celebra la diversità razziale, sessuale e intellettuale. Detesta i monopoli e gli oligarchi. La modernità di Gaia è “un’utopia in divenire. Viviamo con le doglie del parto mentre la nostra storia accelera".
Il modello Gaia celebra la diversità razziale, sessuale e intellettuale.

Clima ed energia fossile

La crescente consapevolezza climatica e la disuguaglianza sociale sono, secondo Etkind, la più grande minaccia al (mal)governo “alimentato dal petrolio” di Putin. Il reddito medio in Russia nel 2021 si è classificato al 46° posto a livello mondiale, inferiore a quello del Libano o della Bulgaria. Da oliol’estrazione non richiede molto lavoro, la ricchezza non va alle persone. Il governo utilizza o conserva il profitto per se stesso. "Lo stato russo affronta la modernità trivellando petrolio e gas, occupando stati stranieri, accumulando oro, finanziando movimenti di estrema destra in tutto il mondo e distruggendo l'Ucraina". L’obiettivo è ripristinare la paleomodernità sul modello sovietico, con “petrolio, acciaio e fumo”, con una maestosa potenza militare e l’obbedienza forzata del popolo, compresi gli omicidi e le persecuzioni firmate Putin.

L’energia fossile è un settore con una data di scadenza, indipendentemente dai partner commerciali.

Si lavora molto per cercare di dimostrarlo cambiamento climaticouno è una cospirazione scientifica. Il Protocollo di Kyoto del 1997 – il primo accordo internazionale con cifre e scadenze concrete per le emissioni climatiche dei paesi industrializzati – è stato un “trattato di morte”, poiché il suo obiettivo principale era quello di soffocare la crescita economica, secondo il consigliere economico di Putin negli anni 2000-. 2005. Ma con una crescente consapevolezza ecologica globale e una corrispondente volontà di prendere decisioni, sembrerebbe che i venditori di carbonio abbiano sofferto più degli acquirenti. Alla conferenza sul clima di Copenaghen del 2009, il presidente Medvedev ha promesso di aumentare l’efficienza energetica russa del 40%. La promessa non è mai stata mantenuta. E dopo l'invasione dell'Ucraina, la Russia lo è diventata essere preparati che ha perso molti dei suoi vecchi partner commerciali in Europa. Uno Stato che non ha fonti alternative di reddito a cui appoggiarsi. Poiché il petrolio e il gas vengono gradualmente eliminati e sostituiti dalle energie rinnovabili, anche l’energia fossile è un settore con una data di scadenza, indipendentemente dai partner commerciali.

Le prospettive future perdute della Russia

I regimi totalitari schiacciano il libero flusso di informazioni. Nel novembre 2021, un sondaggio ha mostrato che il 61% dei russi credeva che il Covid-19 fosse un’arma biologica. L’indice della libertà di espressione era da tempo un capitolo triste e nel 2022 la Russia si trovava al 158° posto, alla pari dell’Afghanistan. Oltre ad essere il quarto più grande inquinatore del mondo. Sotto il governo di Putin, afferma Etkind, la Russia è la meno eguale, la più militarizzata e la più militarizzata carbonizzatoe di tutti i grandi paesi del mondo.

Anche la dipendenza della Russia dal petrolio e dal gas si ritorce contro il paese stesso. Nel 2019, il Parlamento europeo ha approvato una legge che impone la separazione della proprietà dei gasdotti che entrano nel territorio europeo dalla proprietà della fornitura di gas. La compagnia petrolifera russa di proprietà statale Gazprom sabotato i regolamenti. Etkind: "Sono state le conseguenze della guerra Russia-Ucraina a spezzare la spina dorsale fossile della Russia." Gazprom ha investito 320 miliardi di dollari in nuove trivellazioni e tubazioni, che sono rimaste in gran parte inutilizzate.

Un altro fattore che ha accelerato la perdita delle prospettive future della Russia è l’emigrazione di massa. Cinque milioni di persone hanno lasciato il Paese durante i primi vent'anni del regime di Putin. Dopo lo scoppio della guerra nel 300 ne sono seguiti 000 e circa 2022 se ne sono andati in risposta alla mobilitazione parziale nel settembre dello stesso anno. Molti di questi emigranti erano esperti informatici, giornalisti e ingegneri. È improbabile che l'amministrazione Putin si preoccupi di perdere i suoi cittadini giovani e istruiti, poiché rappresentano la temuta generazione della protesta. La guerra di Putin è quindi anche una guerra tra generazioni, tra i giovani che sperano in un futuro migliore e gli anziani che non si sono mai liberati dai loro desideri rivolti al passato.

Lo stesso giorno di Putin ha lanciato l’invasione dell’Ucraina, ha tenuto un discorso televisivo in cui ha analizzato a lungo il motivo per cui “l’operazione militare” era una difesa necessaria contro la presunta aggressione dell’Occidente. I temi trattati erano la seconda guerra mondiale, l'espansione della NATO e il "nuovo mondo".orientering.” Con ciò Putin dichiarò effettivamente guerra agli Stati Uniti e ai suoi alleati. L'esistenza dell'Ucraina non si è verificata. Né nel discorso, né in nessuno degli altri scenari di Putin.

Nello scenario futuro di Alexander Etkind, invece, è la Russia che, nella sua forma attuale, si è disintegrata dopo la vittoria dell'Ucraina.

Abbonamento NOK 195 al trimestre