Teatro della crudeltà

Rumi prende vita

Analisi: Cosa hanno in comune Madonna, Shirin Ebadi e il Festival di Bergen? Rendono omaggio al filosofo e 800 anni Rumi. Il 2007 è l'Anno Internazionale di Rumi dell'Unesco.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[l'anno del rumi] Il 20 aprile alle 20:XNUMX, su richiesta dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'Educazione, la Scienza e la Cultura (Unesco), inizia ad Amsterdam la celebrazione dell'Anno del Rumi da parte dei Paesi Bassi.

È vero che mancano ancora cinque mesi al 30 settembre in cui ricorre l'800° anniversario della nascita del poeta, filosofo e mistico sufi di origine persiana Rumi (1207-1273). Ma diversi paesi stanno ora dando il via alla celebrazione del poeta classico a cui si sono ispirate personalità della cultura da Goethe a Sinead O'Connor. Friedrich Hegel definì Rumi il più grande poeta della storia mondiale.

E ora il poeta è tornato a pieno ritmo: il film turco su Rumi, Seven Cities, sarà presentato in anteprima al 60° Festival di Cannes dal 16 maggio. Mentre la Turchia, dove è sepolto Rumi, lancia nel 17 il progetto di pace "Il treno culturale dell'amore e della pazienza di Rumi" attraverso 2007 paesi europei.

Nonostante l'impegno internazionale, il 29 maggio il Trio di Trond Gustavsen terrà un concerto durante la Festspillene di Bergen, insieme a The Mediævel, con musiche inedite su testi di Rumi. Al centro del concerto ci sarà la "riconciliazione, il dispiegarsi della vita e dell'amore" di Rumi.

Nonostante il fatto che l'opera principale di Rumi, Masnavi, scritta in 43 anni, sia stata selezionata nel 2002 come uno dei 100 libri della "Biblioteca mondiale" del Club del libro, è ancora poco conosciuta in Norvegia. A differenza degli Stati Uniti, dove nell'ultimo decennio Rumi è stato il poeta più venduto del paese: The Essential Rumi di Coleman Barks ha venduto oltre 500.000 copie. Forse non è così sorprendente che Rumi sia popolare anche ai nostri tempi, quando le sue strofe poetiche possono essere tradotte in questo modo:

Sono ubriaco e tu sei pazzo

Chi ci condurrà a casa?

Nel 1998, Madonna è apparsa nel CD A Gift of Love del guru new age Deepak Chopra . Deepak & Friends presentano musica ispirata alle poesie d'amore di Rumi, insieme a Goldie Hawn e Demi Moore, tra gli altri. Il successo di vendite fu tale che nel 2002 arrivò il seguito, con new entry di nomi come Antonio Banderas, Lisa Bonet e Melanie Griffith.

Il contributo di Madonna è stato "Bittersweet", con, tra le altre cose, questo estratto:

Mi vedevo come la fonte dell'esistenza

Ero lì all'inizio

E io ero lo spirito dell'amore

Ora sono sobrio

C'è solo la sbornia

E il ricordo dell'amore

E solo il dolore

Questo estratto da un ghazal, la forma di poesia sufi, riassume per molti versi la filosofia di vita universale di Rumi: la ricerca quasi panteistica di un significato nell'esistenza. La riconciliazione dell'individuo con se stesso e quindi anche con le forze superiori, o per usare le parole di Rumi all'interno di questo movimento sufi di stampo gnostico all'interno dell'Islam: "Desidero Uno, conosco Uno, vedo Uno, invoco Uno".

Rumi è riuscita miracolosamente ciò che pochi altri poeti o filosofi sono riusciti a fare: essere percepito come eternamente rilevante. Paradossalmente, con l'aiuto dei suoi testi più intramontabili. Sia la filosofia universale di Rumi, la fraternizzazione religiosa, la visione paritaria delle donne e gli illimitati messaggi d'amore sembrano prendere piede all'ingresso del 21° secolo.

Probabilmente non è una coincidenza che le figure culturali femminili fossero la maggioranza nei CD Rumi di Chopra. Né che Shirin Ebadi, vincitrice del Premio Nobel iraniano nel 2003, nel suo discorso per il Nobel si sia limitata a ringraziare Rumi per la “cultura umanitaria” di cui è stato sostenitore, il che significa che “la civiltà e la cultura iraniana sono state intrise e riempite di amore umano, rispetto per la vita degli altri, credenze e visione della vita..."

Sia l'educazione che il lavoro e la storia dell'accoglienza di Rumi sono stati caratterizzati dalla profonda influenza delle donne. Fu sua nonna, principessa del Khorasan nell'odierno Afghanistan, a insegnare a suo padre a diventare il "Sultano degli studiosi". La madre di Rumi, Mumine Khatun, divenne una santa sufi e la sua tomba un luogo di pellegrinaggio dove è sepolta a Karaman, in Turchia. Sua sorella Fatima Khatun divenne una filosofa molto rispettata che insegnò filosofia agli uomini e divenne consulente in questioni legali.

Quando Rumi aveva sette anni, la famiglia dovette fuggire verso ovest nell'impero persiano selgiuchide, lontano dalla città natale afghana di Balkh a causa degli attacchi delle forze di Gengis Khan. Dopo aver visitato sia Baghdad che la Mecca, arrivò il 3 maggio 1228, all'età di 20 anni, a Konya, nell'attuale Turchia. Qui Rumi sposò Kerra Khatun, conosciuta come una delle principali mistiche della regione.

Insieme hanno avuto una figlia, Melika Khatun, che è diventata decisiva nel portare avanti l'eredità filosofica del padre attraverso il movimento Mevlani, noto per i suoi dervisci rotanti, che con le loro piroette cercano di raggiungere la verità più alta. Forse l'erede più importante della filosofia di Rumi fu tuttavia, come sottolinea Camilla Adams Heminski in Women of Sufism (2003), il suo discepolo e amico intimo a Konya: Fahrunnissa.

L'influenza femminile ha chiaramente influenzato anche gli scritti di Rumi. Se leggi l'opera principale Masnavi, puoi vedere chiaramente più volte la prospettiva femminile. Nel racconto "L'amante che leggeva sonetti all'amante", la ragazza si rivela così esigente da non accontentarsi nemmeno quando l'uomo si è preso il tempo di scriverle poesie in lode della sua saggezza e bellezza. Dice: “Non fa parte di un vero amante perdere tempo in questo modo. Ciò dimostra che non sono Io il vero oggetto del tuo amore, ma che ciò che ami veramente sono le tue effusioni e i tuoi rapimenti estatici.

E continua: "È come se fossi in Bulgaria e il tuo amore fosse in Cina".

Qui possiamo anche vedere la grande estensione geografica che aveva il cittadino del mondo Rumi. Lui stesso ha viaggiato dall'odierno Afghanistan a est fino alla Turchia a ovest, mentre le sue storie parlavano anche di greci e cinesi che si incontrano per gareggiare per costruire la casa più bella del mondo.

Ecco come è stato all’altezza dell’affermazione che gli è stata attribuita in pratica:

Non sono cristiano, ebreo, zoroastriano o musulmano;

Non sono orientale né occidentale, né di terra né di mare:

Non dalla natura o dal paradiso, non dall’India, dalla Cina, dalla Bulgaria, da Saqsuin, dall’Iraq o dal Khorosan.

Il mio posto è il senza luogo: il mio segno non è un segno.

Significativamente, anche i rappresentanti di tutte le religioni conosciute sono venuti a rendere omaggio a Rumi alla sua morte a Konya nel 1273. 800 anni dopo la sua nascita, gli eventi di quest'anno in Europa, Stati Uniti e India dimostrano che la filosofia fraterna di Rumi è ancora viva. E che anche Nokia ha uno slogan nel suo spirito: Connettere le persone.

FATTI

CAMERA

■ Nato il 30 settembre 1207 a Balkh, Afghanistan. Morì a Konya, in Turchia, il 17 dicembre 1273.

■ Il nome completo è Mavlana Jalal-ad-Din Muhammad Rumi.

■ Poeta, filosofo e musicista all'interno del sufismo. Creatore dell'Ordine Mevlevi.

Giorno Herbjørnsrud
Dag Herbjørnsrud
Ex redattore di MODERN TIMES. Ora a capo del Center for Global and Comparative History of Ideas.

Potrebbe piacerti anche