Teatro della crudeltà

La causa di tutti i mali

Lo svedese Lars-Johan Liman riceve 10.000 domande al secondo. Gli Stati Uniti decidono cosa risponderà.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Un sogno sta per scoppiare. Un sogno che dieci anni fa si è acceso in migliaia di giovani cuori quando hanno sentito "The Hackers' Manifesto" nel film Hackers e hanno visto Angelina Jolie nei panni di Kate "Acid Burn" Libby. Nel manifesto, i giovani hacker affermavano: "Questo è il nostro mondo ora. Un mondo di elettroni, interruttori e bellezza elettronica. Esistiamo al di là della nazionalità, del colore della pelle o delle tendenze religiose".

Il mago. Oggi quasi un miliardo di persone utilizzano Internet. Ogni secondo 10.000 di loro contattano lo svedese Lars-Johan Liman. Gestisce uno degli "elenchi telefonici" più importanti di Internet da Bellmansgatan 30 a Stoccolma. Ma non può decidere le risposte. Questo è ciò che fa l'ICANN (Internet Corporation For Assigned Names and Numbers). Ufficialmente ICANN è una fondazione privata, ma non c'è dubbio su chi abbia l'ultima parola:

- Tutte le decisioni dell'ICANN devono essere approvate dal Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti, afferma Liman a Ny Tid.

È system manager per Automica, che gestisce una delle tredici "master directory" o root server del mondo. Sono loro che delegano i computer ai giusti domini di primo livello, come .no, .com o .org. E sono loro che, in teoria, possono togliere un dominio. Se l'ICANN glielo chiede.

La guerra su Internet

Durante la guerra del Kosovo nel 1999, il Dipartimento della Difesa americano non voleva solo sganciare bombe sulla Serbia. Secondo Liman, eliminerebbero anche l'intero Paese da Internet. Pertanto, hanno contattato il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti.

- Fortunatamente, il Ministero del Commercio ha detto di no. Tuttavia spero che alla fine si trovi una soluzione più democratica, non si sa mai cosa riserva il futuro, dice Liman.

Perché in pratica l'ICANN può "rimuovere" un Paese dalla superficie di Internet. Oppure creane uno completamente nuovo come gli occhi Bouvet (.bv) o "Svalbard e Jan Mayen" (.sj). Oppure riconoscere paesi che nessun altro ha riconosciuto prima, come le Isole Faroe (.fo) e la Groenlandia (.gl). L'ICANN può anche fornire legittimità politica ai territori contesi come la Palestina (.ps) e Taiwan (.tw).

ICANN si basa sull'organizzazione di standardizzazione delle Nazioni Unite ISO nella scelta dei codici paese. Ma è l’ICANN che alla fine decide se debbano essere utilizzati. O no.

Ad esempio, potrebbero scegliere di mantenere in vita vecchi imperi, come l’Unione Sovietica (.su).

Per curiosità va anche detto che la Corea del Nord attualmente non dispone di un proprio dominio di primo livello. L'ICANN ha riservato .kp per il Paese, ma nessuno si assumerebbe la responsabilità di gestirlo.

Dio di Internet

La stessa ICANN afferma che non svolgono un ruolo politico. Solo amministrativo.

Nel corso di quest'anno scade il contratto dell'ICANN con il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti. Quando i domini venivano distribuiti tra i paesi del mondo, in pratica una sola persona governava Internet, un professore di informatica alla University of Southern California, Jon Postel. "Se Internet ha un dio, quello è Jon Postel", dichiarò la rivista britannica The Economist nel 1997. Postel prendeva decisioni chiave come quella su chi dovesse controllare il dominio di primo livello di un paese. Il suo monopolio durò fino al 1998. Fu lo stesso Postel a decidere che era giunto il momento di abdicare. Dopo un aspro braccio di ferro tra il mondo imprenditoriale privato, gli Stati e le organizzazioni di volontariato in tutto il mondo, l'amministrazione Clinton ha fondato nel 1998 l'ICANN. Secondo un articolo di Foreign Affairs? (novembre 2005), i negoziati furono così accaniti che Postel ha avuto un infarto ed è morto mentre era licenziato. "Postel quindi non riuscì mai a vedere l'organizzazione di cui era così centrale nella creazione", scrive Kenneth Neil Cuiker.

Il risultato è stato che i tredici root server sono ora gestiti da attori diversi come la NASA, le università, l’esercito americano, le organizzazioni di volontariato e le aziende private. Tra cui la Swedish Autonomica, che è stata fondata come fondazione privata nel 2000. Secondo Liman, il nome dovrebbe segnalare che sono indipendenti.

- Non guadagneremo soldi e saremo completamente indipendenti rispetto a ciò che deciderà lo stato svedese, dice Liman.

Sotto l'ala dell'ONU

Quando il mondo capì davvero l’importanza di Internet, iniziò anche la battaglia su chi lo avrebbe governato. I critici ritengono che l’ICANN manchi di legittimità democratica. Le organizzazioni non governative ritengono che l'ICANN sia nelle tasche della comunità imprenditoriale privata. L’industria ritiene che l’organizzazione sia troppo governativa. E il resto delle nazioni del mondo si sente impotente contro la fondazione privata. Il presidente dello Zimbabwe Robert Mugabe è stato uno di coloro che hanno dovuto affrontare le critiche. Ha affermato che il consiglio di amministrazione dell'ICANN è un'espressione del neocolonialismo.

Nel novembre 2004, il segretario generale delle Nazioni Unite Kofi Annan ha istituito un gruppo di 40 persone per esaminare chi dovrebbe governare Internet. Non sorprende che la conclusione sia stata che l’ICANN dovrebbe essere sotto l’ala protettrice delle Nazioni Unite.

Gli Stati Uniti mantengono il potere

Washington in realtà aveva pianificato di cedere il potere sull’ICANN nel 2006, ma più gli altri paesi chiedono la loro fetta di torta, più ne dubitano. Il dibattito sull'ICANN ha raggiunto il suo apice preliminare durante il Summit mondiale sulla società dell'informazione svoltosi a Tunisi poco prima di Natale. Molti, tra cui il commissario europeo per l’informatica Viviane Reding, hanno avvertito che Internet potrebbe crollare se gli Stati Uniti non fossero disposti a cedere il potere. Ma non è sempre così facile rinunciare al potere. Durante la conferenza, gli Stati Uniti hanno annunciato che manterranno la supervisione generale di ICANN.

L'ONU ha quindi deciso di creare un gruppo chiamato Internet Governance Forum (IGF) che aiuterà i vari paesi ad esprimere le loro opinioni su Internet, tra gli altri, nei confronti dell'ICANN. Il primo incontro preliminare dell'IGF si terrà a metà febbraio di quest'anno.

Iran in tutto il mondo

- Se Internet non diventa più democratico, potremmo rischiare che paesi come India, Cina e Iran creino i propri sistemi online, afferma Daniel Apollon al Ny Tid.

È capo della ricerca presso il Dipartimento di tecnologia dell'informazione dell'Università di Bergen. Crede che avremo sempre più un movimento globale che richiederà una gestione più democratica di Internet.

- Esiste un forte movimento civile che chiede un maggiore controllo democratico su Internet. E diventerà più grande, dice Apollon.

La ricercatrice Internet e docente universitaria dell'Università di Oslo, Gisle Hannemyr, non condivide il punto di vista di Apollon.

- Finora l'accordo attuale si è svolto senza problemi. Gli Stati Uniti non hanno mostrato alcuna intenzione di censurare il web. La Cina e l'Iran, invece, stanno cercando attivamente di censurare Internet, dice Hannemyr.

Egli ritiene che sia meglio mantenere l'accordo attuale.

- Finché non succede nulla di drammatico, è più sicuro che l'accordo continui. L'ICANN è una fondazione privata e non governata dagli Stati Uniti, afferma Hannemyr, il quale sottolinea che il CEO di ICANN, Paul Twomay, è australiano.

L'attività dell'ICANN è supervisionata da un comitato, il Governmental Advisory Committee (GAC), di cui fa parte la maggior parte dei paesi del mondo, inclusa la Norvegia. Il GAC è presieduto da Mohamed Sharil Tarmizi dalla Malesia.

- Il GAC si riunisce più volte all'anno in vari luoghi del mondo e ha una grande influenza sulle decisioni di ICANN, afferma Hannemyr.

In un futuro non così probabile

Ma che dire di Liman che controlla il root server svedese? Può spegnere la Norvegia?

- In teoria, credo di sì. Ma sarebbe un vero inferno. Inoltre gli altri root server lo avrebbero capito subito e gli utenti avrebbero potuto semplicemente recuperare le informazioni da lì, dice Liman. Paragona il rapporto tra i root server al rapporto tra gli Stati Uniti e l'Unione Sovietica durante la Guerra Fredda.

- In realtà, è come una sorta di equilibrio incorporato del terrore. I tredici root server sono gestiti da organizzazioni molto diverse. Di tutto, dalla NASA alle università e alle fondazioni di volontariato. Se uno di loro fa qualcosa di stupido, gli altri lo scoprono subito, dice Liman.

Ma cosa facciamo se l’ICANN decide di chiuderci?

- In linea di principio, nulla ci impedisce di controllare i nostri root server in Europa, se le istruzioni provenienti dagli Stati Uniti fossero incompatibili con la libertà di espressione e la democrazia. Tuttavia nulla indica che l'ICANN agirà in modo tale da rendere necessario un simile passo, afferma Hannemyr, ricercatore internet norvegese.

Anche lo svedese Liman vede l’opportunità:

- Sì, sì... In teoria, potrei interrompere i contatti con gli Stati Uniti, dice Liman.

gunnar.thorenfeldt@nytid.no

Maggiori informazioni nell'edizione cartacea, che può essere acquistata, tra gli altri, in Narvesen, 7-eleven, Deli de Lucia e in numerose catene di alimentari in tutta la Norvegia.

Potrebbe piacerti anche