Abbonamento 790/anno o 190/trimestre

Romanzo rivoluzionario

Rivoluzione
RIBELLIONE / Attraverso questo saggio veniamo condotti in un emozionante viaggio attraverso le rivoluzioni in tutto il mondo. Il libro si riferisce, ad esempio, alle rivolte del 2010 in Tunisia, Egitto, Siria, Libia, Yemen e Bahrein.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Cos'è uno? rivoluzione, e cosa significa esserlo rivoluzionario Oggi? Questi temi sono diventati sorprendentemente rilevanti dopo il feroce attacco della stampa cittadina alla leadership neoeletta Rød Ungdom recentemente, dove uno degli appelli principali era il fatto che fossero rivoluzionari.

Lo stesso vale per la pubblicazione del saggio filosofico della storica francese Ludivine Bantigny Rivoluzione entrare direttamente in un dibattito in corso nella sinistra norvegese. Sembra che, a causa della Rivoluzione francese, lei abbia un rapporto molto più stretto con il termine “rivoluzione” di quanto sia comune in questo paese. La rivoluzione parla nel testo, come soggetto. Al contrario, si mostra in modo eccellente come le affermazioni secondo le quali non esistono alternative all'attuale organizzazione del mondo, provengono "da coloro che sono perfettamente soddisfatti del mondo così com'è". Ci sono anche degli ottimi passaggi in cui scrive di come viene sempre evidenziata la violenza rivoluzionaria, che non può essere nascosta sotto il tappeto, mentre viene repressa la violenza pre e controrivoluzionaria. Si fa riferimento, tra l'altro, all'uso della tortura e dei metodi di esecuzione nella monarchia francese e al terrore dei controrivoluzionari ad Haiti.

La sensazione di libertà

Non viene data una definizione chiara di rivoluzione, che la “rivoluzione” personificata nel saggio probabilmente eviterà energicamente. In un punto si indica che si tratta di "l'intervento delle masse nella storia", in un altro che si tratta di "rovesciare i governanti e porre fine al loro dominio". Si afferma anche, giustamente, che capitalismon non è sempre esistito e una volta cesserà di esistere. Il sentimento rivoluzionario di frihet, che il mondo può essere cambiato e che il basso può essere eguagliato con il massimo, è un tema di revisione a cui viene data grande importanza. Sono sentimenti con cui posso identificarmi, persino desiderare, ma significa anche che a volte vivo il testo come un po' troppo astratto.

Penso che sia una debolezza il fatto che non vi sia una chiara distinzione tra la forma e il contenuto della rivoluzione. Il marxista norvegese Hans I. Kleven definì nell'opuscolo il contenuto della rivoluzione come tale Il concetto di rivoluzione: "Lo sconvolgimento politico ed economico da un sistema sociale (storicamente inferiore) a un nuovo sistema sociale (superiore). E che una classe principale prenda il potere da un'altra o più classi." Secondo Kleven, la rivoluzione stessa può assumere molte forme, di breve durata o (relativamente) di lunga durata, pacifiche o violente. Penso che sarebbe stato utile se Bantigny avesse fornito definizioni simili.

Rivoluzioni

Attraverso il saggio, veniamo condotti in un emozionante viaggio attraverso le rivoluzioni in tutto il mondo. Ad esempio, c'è una discussione molto interessante, ma troppo breve, sulla rivolta operaia di Parigi nel 1848, dove i lavoratori eressero barricate contro un governo eletto dal popolo per protestare contro la chiusura delle fabbriche statali. Il punto è, tra l'altro, che all'epoca non era così scontato democraticiuno dovrebbe essere rappresentativo; molti volevano una democrazia più diretta, sociale e partecipativa.

Otto ore lavorative giornaliere e ferie retribuite, abolizione della discriminazione tra lavoratori di diversa nazionalità, diritto al divorzio e all'aborto, abrogazione della legge contro l'omosessualità...

Per quanto riguarda questo russiscoLa rivoluzione si riferisce, tra l'altro, all'introduzione della giornata lavorativa di otto ore e delle ferie retribuite, all'abolizione della discriminazione tra lavoratori di diverse nazionalità, al diritto al divorzio e all'aborto, all'abrogazione della legge contro l'omosessualità – e molto altro ancora. Di più! Durante e dopo la guerra civile e l'intervento straniero, tuttavia, la posizione dei consigli operai si indebolì e, come scrive l'autore: "Guerra e democrazia sono antinomie". Il potere liberatore della rivoluzione è indebolito dalle forze autoritarie sia esterne che interne. L'autore è molto interessato al significato di democrazia e al coinvolgimento popolare diretto nel trasformare gli spettatori passivi in ​​soggetti partecipanti.

Meglio di quello esistente?

Rosa Lussemburgo si dice che non possiamo rinunciare ad una sola sconfitta, perché da essa traiamo forza e chiarezza, e questo è detto molto bene, ma quali lezioni concrete possiamo trarre? Il libro fa riferimento, ad esempio, alle rivolte del 2010 in Tunisia, Egitto, Siria, Libia, Yemen e Bahrein, ma si può dire che la rivolta in qualcuno di questi casi abbia prodotto qualcosa di meglio di quella esistente? Ancora una volta mi sono seduto e ho pensato alla distinzione di Kleven tra la forma della rivoluzione e il suo contenuto, e al sociologo ucraino Volodymyr Quello di Ishchenko articoli su come le numerose rivoluzioni negli stati post-sovietici abbiano solo finito per riciclare vecchie élite e sistemi di governo. Come evitare che la rivoluzione venga schiacciata, corrotta o incapace di creare un nuovo sistema migliore di quello contro cui si è ribellata?

Come evitare che la rivoluzione venga schiacciata, corrotta o incapace di creare un nuovo sistema migliore di quello contro cui si è ribellata?

Forse è il genere del saggio che non ho ben compreso, ma la mia impressione principale dopo aver finito di leggere è che l'autore abbia sollevato molte domande interessanti senza fornire risposte particolarmente concrete e dettagliate.

Il libro è, per quanto posso giudicare, ottimamente tradotto da , der Fjeld#. Inoltre, Mona ha Renate , è stata scritta un'interessante postfazione sulla rivoluzione di Eidsvoll nel 1814 e sulla lotta del movimento tranita per la democrazia.

Aslak Storaker
Aslak Storaker
Storaker è uno scrittore abituale di Ny Tid e un membro del comitato internazionale di Rødt.

Potrebbe piacerti anche