Teatro della crudeltà

Rivoluzione con una manovella

I giganti dei dati stanno discutendo su come diffondere l'IT nei paesi in via di sviluppo. Ma risolvete i problemi di sviluppo distribuendo computer di seconda categoria?




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Un laptop per ogni bambino è l'obiettivo di Kofi Annan delle Nazioni Unite e del professore di informatica Nicholas Negroponte. I ricercatori norvegesi temono che l'investimento in macchine economiche nei paesi in via di sviluppo sia un deragliamento.

[Sviluppo IT] I grandi non sono d'accordo. Il professore del MIT Nicholas Negroponte e l'amministratore delegato di Intel Paul Otellini portano avanti due diverse campagne per diffondere la tecnologia dell'informazione nei paesi in via di sviluppo. Il numero di utenti Internet nel mondo sta crescendo rapidamente, ma ancora non più del 14% di tutti gli adulti nel mondo naviga su Internet, mostra un nuovo rapporto di ComScore Networks.

L'iniziativa di Negroponte, "Un computer portatile per bambino", mira a produrre computer portatili economici che i governi dei paesi poveri possano acquistare a 100 dollari. Originariamente, l'idea era che i PC dovessero essere dotati di una manovella che potesse caricare la batteria se l'elettricità non fosse disponibile. Alla fine, si è scoperto che la manovella avrebbe causato uno sforzo fisico eccessivo al resto della macchina, quindi Negroponte ha ora deciso di sostituire la manovella con un pedale che gli utenti possono calpestare, anche mentre la macchina è in uso.

- Ottieni una macchina decente in cui puoi effettivamente leggere il testo sullo schermo e dove non devi sederti e girare mentre cerchi di scrivere, è stato il commento del CEO di Microsoft Bill Gates a News.com.

Un'altra ragione, e presumibilmente la ragione più importante delle aspre dichiarazioni di Bill Gates, potrebbe essere che Negroponte non ha scelto di scommettere sul sistema operativo Windows di Microsoft. Ha scelto piuttosto Linux, che è un software libero sviluppato su base volontaria.

Il più semplice possibile

Knut Yrvin, project manager di Skolelinux Norvegia, è in dialogo con il progetto "One Laptop Per Child".

- Abbiamo dato suggerimenti su come rimuovere tutte le funzioni che non sono necessarie, in modo che Linux utilizzi la minima capacità della macchina.

Se si dovesse installare un software di proprietà del produttore, ciò richiederebbe più potenza di calcolo, più memoria e sarebbe molto costoso, afferma Yrvin.

Dice che Skolelinux ha una buona esperienza nelle scuole primarie in Norvegia, dove gli studenti passano dal software libero a quello concesso in licenza senza problemi.

- I grandi paesi come l'India e il Brasile non hanno bisogno dell'elemosina. Vogliono piuttosto assumere il controllo della tecnologia e l’opportunità di sviluppare ulteriormente il software da soli. Si tratta di diventare un produttore, e non semplicemente un consumatore, di tecnologia posseduta da altri, afferma Yrvin.

Vecchie macchine

Negroponte ha ricevuto 20 milioni di dollari per coprire i costi di sviluppo, e lo è

ora è sulla buona strada per ottenere promesse vincolanti da Argentina, Brasile, Egitto, India, Cina, Nigeria

e Thailandia, per l'acquisto di un totale di sette milioni di computer per 700 milioni di dollari,

scrive Digi.no.

- Un laptop per bambino è la chiave per espandere il processo di apprendimento da limitato a

la scuola, per diventare parte più integrata della vita dei bambini, sia nel gioco che con la famiglia. Anche gli insegnanti

il livello di conoscenza è importante, afferma Negroponte in un comunicato stampa.

Nella sua squadra ha, tra gli altri, UNDP, Google, News Corporation e AMD.

Quest'ultimo è uno dei principali concorrenti di Intel.

Lærke Toftlund ha lavorato con questi problemi nella pratica. Nel villaggio di Hluhluwe,

nel profondo della foresta del Sud Africa, ha lavorato per sei mesi insegnando agli studenti delle scuole secondarie

utilizzare i PC.

- Era la prima volta che la maggior parte degli alunni e degli insegnanti vedevano un PC. Quando siamo scesi lo abbiamo pensato

dovevamo pianificare per un mese e poi insegnare agli insegnanti in modo che alla fine potessero insegnare agli studenti.

Ma ci aspettavamo di iniziare il prima possibile, e dopo le cinque

giorni abbiamo insegnato a 175 alunni.

- È stato difficile per gli studenti imparare ad usarlo

computer?

- Assolutamente no. Mancano l'esperienza

essendo stati esposti alla tecnologia per tutta la vita, quindi in questo senso imparano molto rapidamente. Loro hanno

hanno iniziato a fare clic in avanti e a provare le cose per conto proprio, senza chiedercelo prima.

- Hai messo la classe online?

- Sarebbe possibile, ma la scuola ha solo una linea telefonica, e le macchine hanno vecchi processori 486.

Abbiamo acquistato un'enciclopedia su CD-ROM, che copre la comprensione concettuale e quando riescono

navigarci intorno non è un lungo cammino per capire di cosa tratta Internet.

Intel è il più grande produttore mondiale di microprocessori e ha lanciato un'alternativa a Negropontes

«Un laptop per bambino».

Nei prossimi cinque anni, Intel spenderà un miliardo di dollari per fornire servizi ai cittadini dei paesi in via di sviluppo

migliore accesso ai computer e a Internet attraverso il progetto "World Ahead".

- Consideriamo questo un fatto positivo sia per il mondo che per Intel. Ci aspettiamo uno spot pubblicitario solido

ritorno, afferma il CEO di Intel Paul Otellini a News.com.

A differenza di "One Laptop Per Child" di Negroponte, Intel scommette su un PC completo che costerà circa 300 dollari. Le proprietà saranno appositamente adattate alle condizioni

nelle campagne dei paesi in via di sviluppo e ogni PC sarà progettato per avere un numero molto elevato di utenti. La scatola

deve proteggere le frattaglie dal calore e dall'umidità.

L'alimentatore deve resistere alle interruzioni e il PC potrà essere collegato a fonti di alimentazione alternative come

batterie per auto o dinamo per biciclette. I PC devono poter essere gestiti da remoto, in modo che la manutenzione

e la correzione degli errori non richiede esperti sul posto. L'interfaccia utente dovrebbe essere attiva

lingue locali. I PC devono essere dotati di un sistema di autenticazione che consenta agli utenti di compilare

stampare e firmare moduli per il settore pubblico, scrive Digi.no.

- Il grande vantaggio del progetto "One Laptop Per Child" è semplicemente che le macchine

è molto più economico rispetto al "World Ahead" di Intel. Pertanto, i paesi che scommettono su di esso possono farlo

la soluzione più economica è distribuire molte più macchine e l'importante è far uscire le attrezzature

agli alunni delle scuole, dice Knut Yrvin in Skolelinux.

Guardiani

Le elevate aspettative per lo sviluppo IT nei paesi in via di sviluppo incontrano lo scetticismo dei ricercatori del Dipartimento

per i media e la comunicazione presso l'Università di Oslo, Kristin Skare Orgeret.

- Sono molteplici i motivi per cui la radio è, e continuerà ad essere per molto tempo, il mezzo più importante in Africa.

In alcune parti della comunità umanitaria c’è stata la tendenza a credere che l’IT dovrebbe essere la soluzione

su molti problemi, ma richiede formazione e manutenzione, accesso stabile alla rete elettrica e

rete di telecomunicazioni.

Il titolare della borsa di studio cita un esempio in cui coloro che devono agevolare le condizioni degli utenti

Anche paesi come Uganga e Kenya fungono da guardiani.

- Conosco un caso in cui due giovani avevano camminato per diversi chilometri fino al centro comunitario

con un biglietto scritto a mano che volevano pubblicare su internet, ma il responsabile lo sa

il centro ha rifiutato di pubblicare il testo, dice Skare Orgeret.

LINUX

Linux è un sistema operativo per computer sulla falsariga di Windows e Mac OS. Ma io

a differenza degli altri due, Linux è free, ovvero software libero con codice open source.

Linux viene creato su base volontaria e chiunque può adattare e sviluppare ulteriormente il software.

Il nucleo è stato scritto dal finlandese Linus Torvalds con l'aiuto di centinaia di volontari in tutto il mondo

mondo.

– Feticismo della tecnologia

[it] Il professore di media Helge Rønning mette in guardia contro gli investimenti unilaterali in macchine a buon mercato.

- Pensare che i problemi dello sviluppo debbano essere risolti distribuendo computer

ricorda un po' il feticismo della tecnologia. La comunicazione non è uno strumento, è a

processo, dice Rønning al telefono dal Mozambico.

- La prima cosa che ho pensato quando ho sentito parlare di questa iniziativa è che questo problema deve essere risolto

problemi di sviluppo distribuendo computer di second’ordine, dice Rønning. Lui vede

su di esso come un piccolo elemento da inserire in un contesto molto più ampio

istruzione, comunicazione e una società civile funzionante.

Rønning sottolinea che ci sono molti problemi collegati tra loro e che uno no

risolve i problemi di sviluppo affrontando solo un elemento di un complesso di sviluppo.

- Inoltre, i computer economici sono vulnerabili, ci sono molti PC usati a metà in giro

se nel terzo mondo non viene utilizzato. Il divario digitale all’interno dei paesi in via di sviluppo è più importante

del divario tra nord e sud, dice Rønning.

Potrebbe piacerti anche