È troppo redditizio estrarre petrolio – per le compagnie petrolifere

L'industria petrolifera ha avuto ingiustamente buone condizioni per troppi anni. 

(Tradotto da Norwegian di Google Gtranslate)

Molte persone potrebbero pensare che l'industria petrolifera sulla piattaforma continentale norvegese stia andando bene da sola. Non si adatta perfettamente. L'industria è soggetta a una serie di vantaggi speciali che non si vedono in altre parti del commercio e dell'industria norvegesi. Attraverso il sistema di rimborso delle esplorazioni, le entrate gratuite e le generose regole di ammortamento, l'industria petrolifera riceve in realtà enormi sussidi ogni anno.

Nuovi tempi I sussidi al petrolio possono aver funzionato bene per molti anni, ma non lo faranno in futuro. Sia le aziende che i consumatori stanno diventando sempre più interessati agli investimenti verdi e l'industria petrolifera sta diventando un oggetto di investimento meno favorito anno dopo anno. L'accordo di Parigi ha stabilito che il riscaldamento globale sarà limitato a 1,5 gradi e che ci stiamo muovendo verso un nuovo ordine mondiale basato sull'energia verde e rinnovabile.

Competenze preziose e manodopera sono impegnate in un'industria petrolifera in via di estinzione quando abbiamo bisogno di più persone per sviluppare tecnologie verdi.

Il pericolo di sovvenzionare un'industria in via di estinzione è evidente: rischiamo di fare grandi investimenti che potrebbero non essere redditizi, in un settore che nel peggiore dei casi dovrà essere chiuso in pochi anni. Recentemente, il dibattito sul giacimento del Goliat ci ha mostrato che non tutti gli investimenti che lo Stato fa nel petrolio e nel gas vanno a vantaggio del resto della società. Ciò significa che in pratica sponsorizziamo compagnie petrolifere che emettono molti gas serra, senza che la società ne tragga alcun profitto.

Mancanza di riconoscimento. Ma almeno crea posti di lavoro, si potrebbe pensare. Il problema è che lega preziose competenze e manodopera in un settore che non vivrà per troppi anni e che quando abbiamo bisogno di menti più sagge per sviluppare la tecnologia verde.

- annuncio pubblicitario -

Colpisce l'accordo tra i maggiori partiti dello Storting sui sussidi petroliferi. Pochi osano ammettere che la politica climatica norvegese deve avere conseguenze anche sulla nostra politica petrolifera: le compagnie petrolifere ne traggono vantaggio, ma non la nostra società.

sondre.hansmark@venstre.no
Hansmark è il leader della Young Left.

Potrebbe piacerti ancheRELAZIONATO
Consigliato

Un cluster agricolo – un complesso industriale all'avanguardia

PAZZO: Il problema è l'accesso al cibo. Tutti devono mangiare per vivere. Se vogliamo mangiare, dobbiamo comprare. Per acquistare dobbiamo lavorare. Mangiamo, digeriamo e cagiamo.

La dittatura della virtù

CINA: Il Partito comunista cinese si vanta oggi di essere in grado di riconoscere uno qualsiasi degli 1.4 miliardi di cittadini del paese in pochi secondi. L'Europa deve trovare alternative alla crescente polarizzazione tra Cina e Stati Uniti – tra una dittatura che monitora lo stato e la spietata autoespressione dell'individualismo liberale. Forse una sorta di ordine sociale anarchico?

La protesta può costarti la vita

HONDURAS: La pericolosa ricerca della verità dietro l'assassinio dell'attivista ambientale Berta Cáceres di Nina Lakhani finisce in più domande che risposte.

Il legante culturale

ROMANZO: DeLillo mette in scena una sorta di stato generale, paranoico, un sospetto che ha portata globale.

Distruzione creativa

SPAZZATURA: La Norvegia non è attrezzata per lo smistamento dei tessuti. Anche se selezioniamo la spazzatura, non siamo neanche lontanamente vicini a luoghi in Giappone che possono riciclare in 34 categorie diverse. L'obiettivo è che i comuni non siano lasciati con rifiuti e senza camion della spazzatura!

La società di controllo e gli indisciplinati

MAMME TARDIVE: Le persone oggi stanno acquisendo sempre più controllo su ciò che li circonda, ma stanno perdendo il contatto con il mondo. Dov'è il limite per misurazioni, garanzie di qualità, quantificazioni e routine burocratiche?