Teatro della crudeltà

Veloce, economico e cattivo

Metti a tacere l'idea dei cattivi asili. Qualcuno è al comando.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

[22. giugno 2007] La ​​situazione è disperata per migliaia di famiglie norvegesi. La carenza di asili nido è acuta e la vita di tutti i giorni è un'eterna corsa all'assistenza all'infanzia. I genitori devono prendere un congedo dal lavoro per stare a casa con i figli. Hanno riposto la loro fiducia nel ministro delle finanze Kristin Halvorsen per organizzare ciò di cui femministe e politici parlano da 30 anni: copertura completa dell'asilo. Anche se l'obiettivo non sarà completamente raggiunto entro la fine del 2007, le misure sono così radicali e lo sviluppo così ampio che è già la più grande vittoria per la politica della famiglia dai tempi della scolarizzazione universale.

Ma l’esultanza per lo spazio degli asili nido viene rapidamente soffocata dalla paura di asili non sicuri. I bambini vengono spesso definiti "la cosa più importante che abbiamo", ma sono ancora privati ​​di stanze anguste in case povere e della mancanza di servizi educativi. La soluzione nelle quattro città più grandi del paese è stata quella di offrire “padiglioni”, in buone baracche norvegesi, come soluzioni temporanee finché non verranno creati asili nido adeguati. A Oslo, 15 baracche di questo tipo sono state allestite dentro e intorno alle aree verdi della città, secondo uno standard che nessuno può sostenere abbia anteposto qualsiasi considerazione al prezzo. C’è una grave carenza di insegnanti della scuola dell’infanzia. Le baracche sono brutte, economiche e pessime, ma la gioia dei posti in più negli asili nido ha placato le critiche e ha reso la popolazione contenta di sperare che il temporaneo non diventi permanente.

Ecco perché è stato così tragico quando domenica scorsa è scoppiato l'asilo temporaneo di Tonsenjordet e Refstad. Anche se nella stanza dei bambini non era presente nessuno, è facile immaginare le scene che avrebbero potuto svolgersi quando la stanza dei giochi si sarebbe divisa a metà. Il pensiero e l'orrore ci colpiscono tutti, tutti siamo genitori o figli. Quando si parla di sviluppo degli asili nido, c’è solo una cosa che è più importante della copertura completa degli asili nido: asili sicuri e buoni. Ora dieci asili nido a Oslo e quattro a Trondheim sono chiusi per lavori di ristrutturazione, e in alcuni casi ai bambini vengono offerte delle tende invece degli asili nido. Gli artigiani non vogliono andare sotto gli edifici, per paura che crollino. È facile sentirsi impotenti quando politici, burocrati, sviluppatori e appaltatori sono più occupati a puntarsi il dito a vicenda che a capire cosa avrebbero dovuto fare diversamente.

Ma qualcuno è responsabile, e la responsabilità è politica. Se Erling Lae di Oslo e Rita Ottervik di Trondheim si fossero preoccupati un po' di più degli asili, lo scandalo avrebbe potuto essere evitato. Naturalmente sono disperati quanto tutti gli altri. Ma ciò è dovuto a scarse routine di controllo, regole poco chiare e una priorità troppo bassa sulla qualità nello sviluppo del vivaio. Il consigliere comunale di Oslo Torger Ødegaard sostiene che la mancanza di asili nido non è una questione di soldi. Ottimo, allora potrà comprare terreni e ville già esistenti a prezzo di mercato, e aumentare gli stipendi delle maestre della scuola dell'infanzia per averne abbastanza. Le persone meritano asili nido adeguati adesso.

Potrebbe piacerti anche