Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Quando vuoi disciplinare silenziosamente la ricerca

PRIO: Molti di coloro che sollevano interrogativi sulla legittimità delle guerre statunitensi sembrano subire pressioni dalla ricerca e dalle istituzioni dei media. Un esempio qui è l'Istituto per la ricerca sulla pace (PRIO), che ha avuto ricercatori che storicamente sono stati critici nei confronti di qualsiasi guerra di aggressione, che a malapena sono appartenuti agli amici intimi delle armi nucleari.

Si dice che il ricercatore cerchi l'obiettività e la verità. Ma il ricercatore impara ad adattare i suoi problemi e le sue conclusioni a ciò che le autorità e la direzione si aspettano, e questo nonostante il fatto che la libertà accademica sia legiferata in Norvegia con "libertà di esprimersi pubblicamente", "libertà di promuovere nuove idee" e "libertà di scegliere metodo e materiale ». Nel dibattito sociale odierno, la libertà di parola sembra ruotare attorno al diritto di offendere qualcuno con un'altra etnia o religione. Ma la libertà di parola dovrebbe riguardare il diritto di controllare il potere e la società. La mia esperienza è che l'opportunità di dire qualcosa come ricercatore si è ristretta negli ultimi 20 anni. Come siamo finiti qui?

Questa è la mia storia di ricercatore. Per quasi 30 anni ho lavorato presso il Department of Peace Research (PRIO), dal 1987 al 2017. Sono diventato ricercatore senior dopo aver completato il dottorato nel 1989 e guidato il programma del dipartimento per la politica estera e di sicurezza. Ho ricevuto la mia cattedra nel 2000 e ho scritto e curato numerosi libri sulla politica internazionale e sulla politica di sicurezza.

In altre parole, la guerra libica è diventata una forza trainante per la proliferazione delle armi nucleari.

Dopo la guerra in Libia nel 2011, ho scritto un libro in svedese su questa guerra, su come gli aerei occidentali hanno coordinato le operazioni con i ribelli islamisti e le forze di terra del Qatar per sconfiggere l'esercito governativo libico. I paesi occidentali erano alleati degli islamisti radicali, proprio come in Afghanistan negli anni '80. In Libia, gli islamisti hanno effettuato la pulizia etnica dei neri africani e hanno commesso crimini di guerra.

D'altra parte, i media hanno affermato che Muammar Gheddafi ha bombardato i civili e pianificato un genocidio a Bengasi. Il senatore John McCain e il segretario di Stato Hillary Clinton hanno parlato di un nuovo Ruanda. Oggi sappiamo che questa era pura disinformazione. In un rapporto speciale del 2016, la commissione per gli affari esteri della Camera dei comuni britannica ha respinto tutte le accuse di violenza delle forze governative contro i civili e minacce di genocidio. Non c'era copertura per questo. La guerra si è rivelata una "guerra di aggressione", "il peggiore di tutti i crimini", per citare il tribunale di Norimberga.

Negato il lancio del libro

Ho lanciato il mio libro in svedese a Stoccolma nel dicembre 2012 e ho programmato un seminario simile al PRIO di Oslo. La mia collega Hilde Henriksen Waage aveva appena lanciato il suo libro Conflitti e grande potere politico in Medio Oriente per una sala gremita a PRIO. Mi è piaciuto lo schema e ho concordato con il nostro responsabile delle informazioni e il mio diretto superiore di tenere un seminario PRIO simile sul mio libro Geopolitica della guerra in Libia. Abbiamo deciso la data, il luogo e il programma. Un ex capo dell'intelligence norvegese, il generale Alf Roar Berg, ha accettato di commentare. Aveva esperienza dal Medio Oriente e dieci anni di esperienza da posizioni di capo nell'intelligence negli anni '80 e '90. La controparte di Berg negli Stati Uniti era il capo della CIA Robert Gates, che nel 2011 era ministro della Difesa. Ha anche visitato Berg a Oslo.

Gates era un critico della guerra libica in conflitto con il segretario di Stato Hillary Clinton. Aveva persino posto fine a tutto ciò Comandi per l'Africa degli Stati Uniti negoziati di successo con il governo libico. Non voleva negoziati, ma guerra, e ha coinvolto il presidente Barack Obama in questo. Quando è stato chiesto se le forze americane avrebbero partecipato, Gates ha risposto: "Non finché sono in questo lavoro". Ha immediatamente annunciato le sue dimissioni. Alf Roar Berg era stato critico quanto Gates.

Ma quando l'allora capo di PRIO Kristian Berg Harpviken è stato informato del mio seminario sulla Libia, ha reagito bruscamente. Poteva immaginare un "seminario interno" o un panel "sulla Primavera araba", ma non voleva un seminario pubblico sul libro. Non voleva essere associato a un libro critico sulla guerra, ma ancora più importante: difficilmente voleva una critica del Segretario di Stato Hillary Clinton o delle sue forze di terra del Qatar, che avevano svolto un ruolo vitale nella guerra. Aveva tenuto colloqui al PRIO con il ministro degli esteri del Qatar. E il marito di Clinton a Oslo, l'ambasciatore Barry White, è stato ospite alla festa di compleanno privata del regista PRIO.

PRIO viene fondata negli Stati Uniti

PRIO aveva anche istituito il Peace Research Endowment (PRE) negli Stati Uniti. Il consiglio era composto dal capo del comando centrale del presidente Bill Clinton, il generale Anthony Zinni. Aveva guidato il bombardamento dell'Iraq nel 1998 (operazione Desert Fox). Parallelamente a ricoprire la carica di consiglio in PRE, era presidente del consiglio negli Stati Uniti per forse il produttore di armi più corrotto del mondo, BAE Systems, che già negli anni '90 aveva dato tangenti a principi sauditi nell'ordine di 150 miliardi di norvegesi. kroner al valore monetario di oggi.

Il presidente del PRE istituito da PRIO era il vice segretario di Stato del presidente Clinton, Joe Reeder, che aveva contribuito a finanziare la campagna presidenziale di Hillary Clinton. Aveva fatto parte del consiglio della US National Defense Industrial Association e già lo stesso mese in cui iniziò la guerra in Iraq, era stato assunto per ottenere contratti in Iraq. Aveva ricoperto una posizione legale centrale per una società di lobbying che nel 2011 ha commercializzato la guerra in Libia dei ribelli.

Potrebbe sembrare che ci sia stato un collegamento tra la riluttanza del PRIO a criticare la guerra in Libia e l'ancoraggio del PRIO nella rete militare-industriale della famiglia Clinton. Ma il consiglio di PRE includeva anche un ex governatore repubblicano e contatto PRIO, David Beasley, ora capo del Programma alimentare mondiale e destinatario del Premio Nobel per la pace. È stato nominato a capo dell'ex ambasciatore ONU del presidente Trump Nikki Haley, che, come Hillary Clinton, aveva minacciato una "guerra umanitaria" contro la Siria. Qualunque sia la spiegazione, la mia indagine su queste guerre non è stata apprezzata dalla leadership di PRIO.

In una e-mail del 14 gennaio 2013, il mio capo [Harpviken, ndr] ha descritto il mio libro svedese libico come "profondamente problematico". Chiedeva un "meccanismo di garanzia della qualità" in modo che PRIO potesse "prevenire incidenti simili" in futuro. Sebbene PRIO abbia ritenuto inaccettabile il mio libro sulla Libia, ho tenuto una conferenza sulla guerra in Libia durante la conferenza annuale GLOBSEC a Bratislava. La mia controparte nel pannello era uno dei più stretti collaboratori del Segretario alla Difesa Robert Gates. Tra i partecipanti c'erano ministri e consiglieri per le politiche di sicurezza, come Zbigniew Brzezinski.

medio Oriente

Oggi sappiamo che la guerra del 2011 ha distrutto la Libia per decenni a venire. Le armi dello stato libico sono state diffuse agli islamisti radicali in tutto il Medio Oriente e nel Nord Africa. Più di 10 missili terra-aria per abbattere aerei sono finiti nelle mani di vari terroristi. Centinaia di combattenti armati e un gran numero di armi sono stati trasferiti da Bengasi ad Aleppo in Siria con conseguenze disastrose. La guerra civile in questi paesi, in Libia, Mali e Siria, è stata il risultato diretto della distruzione dello Stato libico.

Il consigliere di Hillary Clinton Sidney Blumenthal ha scritto che una vittoria in Libia potrebbe aprire la strada a una vittoria in Siria, come se queste guerre fossero solo una continuazione delle guerre neoconservatrici iniziate con l'Iraq e dovessero continuare con Libia, Siria, Libano e finire con Iran. La guerra contro la Libia ha anche spinto paesi come la Corea del Nord a intensificare il loro interesse per le armi nucleari. La Libia aveva terminato il suo programma di armi nucleari nel 2003 contro le garanzie di Stati Uniti e Gran Bretagna di non attaccare. Ma hanno comunque attaccato. La Corea del Nord si rese conto che le garanzie statunitensi e britanniche erano prive di valore. In altre parole, la guerra libica è diventata una forza trainante per la proliferazione delle armi nucleari.

Ci si potrebbe chiedere perché il PRIO, che ha avuto scienziati che sono stati storicamente critici nei confronti di qualsiasi guerra di aggressione e che a malapena sono appartenuti agli amici intimi delle armi nucleari, sta ora cercando di fermare una critica a una tale guerra e allo stesso tempo alleato. se stesso con la parte più problematica del suo complesso militare-industriale?

Il termine "guerra giusta" è stato utilizzato dal 2000 per legittimare le guerre di aggressione. In tutti i casi, questo è stato catastrofico.

Ma questo sviluppo può riflettere un adattamento generale all'interno degli ambienti di ricerca. Gli istituti di ricerca devono essere finanziati e, intorno all'anno 2000, ai ricercatori è stato chiesto di finanziare i propri stipendi. Poi hanno dovuto anche adattare le questioni e le conclusioni alle autorità finanziarie. A pranzo, è diventato più importante discutere su come finanziare i progetti rispetto a ciò che era importante studiare.

Ma penso che ci siano anche ragioni speciali per il cambiamento radicale di PRIO.

"Just War"

Prima prima Negli ultimi decenni, il PRIO si è sempre più preoccupato di "guerra giusta", dove la rivista Giornale di etica militare è centrale. È curato da Henrik Syse e Greg Reichberg (anch'egli seduto nel consiglio di amministrazione di PRE). Erano basati sull'idea di Tommaso d'Aquino di "guerra giusta". Questo è stato anche un punto significativo nel premio Nobel del presidente Barack Obama nel 2009.

Dal lancio del libro al NUPI con (da sinistra) Ola Tunander, Pernille Rieker, Sverre Lodgaard e Vegard Valther Hansen. (Foto: John Y. Jones)

Ma ogni guerra cerca una legittimità "umanitaria". Nel 2003, è stato affermato che l'Iraq avesse armi di distruzione di massa. E in Libia nel 2011, si diceva che Muammar Gheddafi avesse minacciato il genocidio a Bengasi. Ma tutto questo era disinformazione. Inoltre, le conseguenze di una guerra sono spesso impossibili da prevedere. Il termine "guerra giusta" è stato utilizzato dal 2000 per legittimare diverse guerre di aggressione. In tutti i casi, questo è stato catastrofico.

Nel 1997, l'allora direttore di PRIO Dan Smith mi ha chiesto se dovevamo assumere Henrik Syse, un noto profilo di destra. Sapevo chi aveva come supervisore mentre lavorava al suo dottorato, quindi ho pensato che fosse una buona idea. Pensavo che Syse potesse dare maggiore ampiezza a PRIO. Non avevo idea allora che questa direzione, insieme ai seguenti punti, avrebbe alla fine escluso qualsiasi interesse per la realpolitik, per la distensione militare e per smascherare l'aggressione politico-militare.

Pace democratica

Prima andre I ricercatori del PRIO del Journal of Peace Research avevano sviluppato la tesi della "pace democratica". Credevano di poter dimostrare che gli stati democratici non entrano in guerra gli uni contro gli altri. Tuttavia, è diventato chiaro che spettava all'attaccante, gli Stati Uniti, definire chi è democratico o no, come la Serbia. Forse gli Stati Uniti non erano così democratici. Forse c'erano altri argomenti come i legami economici.

Ma per i neoconservatori, la tesi della "pace democratica" giunse a legittimare qualsiasi guerra di aggressione. Una guerra contro l'Iraq o la Libia potrebbe "aprirsi alla democrazia" e quindi alla pace in futuro, hanno detto. Qualcuno in PRIO ha anche sostenuto questa idea. Per loro l'idea di "guerra giusta" era compatibile con la tesi di "pace democratica", che in pratica portava alla tesi che si potesse dare all'Occidente il diritto di intervenire nei paesi non occidentali.

Destabilizzazione

Prima terzo molti su PRIO sono stati influenzati dall'americano Gene Sharp. Ha lavorato per il cambio di regime mobilitandosi per manifestazioni di massa per rovesciare le "dittature". Queste "rivoluzioni colorate" avevano il sostegno degli Stati Uniti ed erano una forma di destabilizzazione diretta principalmente ai paesi che erano alleati di Mosca o Pechino. Non hanno tenuto conto del fatto che tale destabilizzazione potesse innescare un conflitto globale. Sharp è stato a un certo punto il favorito della leadership PRIO per il Premio Nobel per la Pace. L'idea era che quando il dittatore e il suo popolo se ne fossero andati, questo avrebbe aperto la porta alla democrazia.

La realtà non era così semplice. In Egitto, i pensieri di Sharp hanno avuto un ruolo nella Primavera araba e nei Fratelli Musulmani, ma la loro acquisizione avrebbe intensificato la crisi. In Libia e Siria, è stato affermato che manifestanti pacifici si opponevano alla violenza della dittatura. Ma questi manifestanti erano stati "integrati" fin dal primo giorno dalla violenza militare degli insorti islamisti. Il sostegno dei media alle rivolte non è mai stato affrontato da istituti come il PRIO, che hanno avuto conseguenze catastrofiche.

Conferenza annuale di PRIO

Prima il quarto La partecipazione di PRIO alle conferenze internazionali sulla ricerca sulla pace e alle conferenze Pugwash negli anni '80 e '90 è stata sostituita dalla partecipazione in particolare alle conferenze di scienze politiche statunitensi. La grande conferenza annuale per PRIO è ora Convenzione dell'Associazione Internazionale di Studi (ISA), che si tiene ogni anno negli Stati Uniti o in Canada con oltre 6000 partecipanti, principalmente dagli Stati Uniti, ma anche dall'Europa e da altri paesi. Il presidente dell'ISA è eletto per un anno ed è americano dal 1959 con poche eccezioni: nel 2008-2009, Nils Petter Gleditsch di PRIO era presidente.

I ricercatori del PRIO sono stati anche associati con università e istituti di ricerca negli Stati Uniti, come la Brookings Institution e la Jamestown Foundation (fondata nel 1984 con il supporto dell'allora capo della CIA William Casey). PRIO è diventato sempre più "americano" con molti ricercatori americani. Istituto norvegese di politica estera (NUPI) è più «europeo».

Questo è il modo in cui gli Stati Uniti "darebbero all'Unione Sovietica la sua guerra del Vietnam"

Dal Vietnam all'Afghanistan

Prima quinto lo sviluppo in PRIO è una questione di differenze generazionali. Mentre la mia generazione è stata segnata dai colpi di stato iniziati dagli Stati Uniti degli anni '60 e '70 e dai bombardamenti del Vietnam con l'uccisione di milioni di persone, la successiva leadership di PRIO è stata segnata dalla guerra sovietica in Afghanistan e dal sostegno degli Stati Uniti agli insorti islamici nella lotta contro il Soviet Unione. All'inizio degli anni '90, il successivo direttore del PRIO, Kristian Berg Harpviken, era stato il leader del Comitato per l'Afghanistan norvegese a Peshawar (in Pakistan vicino all'Afghanistan), dove le organizzazioni umanitarie negli anni '80 vivevano fianco a fianco con i servizi di intelligence e islamisti radicali.

Hillary Clinton credeva che ci fosse consenso politico negli Stati Uniti per sostenere gli islamisti radicali – proprio come ha sostenuto gli islamisti in Libia nel 2011. Ma negli anni '80, non si sapeva che gli Stati Uniti con la CIA erano dietro la guerra in Afghanistan da sostenere le rivolte già nel luglio 1979, con l'intenzione di indurre i sovietici a sostenere il loro alleato a Kabul. È così che gli Stati Uniti "darebbero all'Unione Sovietica la sua guerra del Vietnam", per citare il ministro della Difesa Robert Gates e il consigliere per la sicurezza del presidente Carter Zbigniew Brzezinski. Quest'ultimo era stato lui stesso il responsabile dell'operazione. A quel tempo, non si sapeva nemmeno che l'intera leadership militare sovietica si fosse opposta alla guerra.

Per la nuova generazione del PRIO, gli Stati Uniti e gli insorti islamici erano visti come alleati nel conflitto con Mosca.

Le realtà del potere

Ho scritto la mia tesi di dottorato negli anni '80 sulla strategia marittima degli Stati Uniti e la geopolitica dell'Europa settentrionale. È stato pubblicato come libro nel 1989 e faceva parte del programma di studi dell'US Naval War College. In breve, ero uno scienziato che riconosceva le "realtà del potere". Ma in modo puramente normativo, già all'inizio degli anni '80 ho visto un'opportunità per un rilassamento tra i grandi blocchi di potere, come la vedevano Willy Brandt, e più tardi Olof Palme in Svezia. Dopo la fine della Guerra Fredda, abbiamo discusso con i diplomatici sulla possibilità di trovare una soluzione pratica nell'estremo nord. Ciò ha portato a quella che è diventata la "regione di Barents".

Nel 1994 ho curato un libro in inglese, La regione di Barents, con il contributo dei ricercatori e del ministro degli Esteri norvegese Johan Jørgen Holst e del suo collega russo Andrei Kosyrev – con una prefazione dell'ex ministro degli Esteri Thorvald Stoltenberg. Ho scritto e curato libri sulla politica europea di sviluppo e sicurezza, ho viaggiato in conferenze e tenuto conferenze in tutto il mondo.

Il mio libro sulla geopolitica europea nel 1997 era nel curriculum dell'Università di Oxford. Ho partecipato come esperto civile alle indagini ufficiali sui sottomarini in Svezia nel 2001 e, dopo i miei libri sulle operazioni sottomarine nel 2001 e nel 2004, il mio lavoro ha svolto un ruolo centrale nell'indagine ufficiale danese. Danimarca durante la Guerra Fredda (2005). Questo è stato descritto dallo storico capo della CIA Benjamin Fischers e dal mio lavoro come il contributo più importante alla comprensione del programma delle operazioni psicologiche dell'amministrazione Reagan.

Il mio nuovo libro sui sottomarini (2019) è stato lanciato nel febbraio 2020 al NUPI, non al PRIO, con i commenti dell'ex direttore di entrambe le istituzioni, Sverre Lodgaard.

Eventuale responsabile della ricerca

Dopo la mia nomina a professore di ricerca (ricercatore 1, equivalente a due dottorati) nel 2000, ho scritto libri e articoli e valutato articoli per la Kennedy School of Government presso la Harvard University e il Royal United Service Institute. Ho fatto parte del comitato consultivo di una rivista presso la London School of Economics e del consiglio della Nordic International Studies Association.

Nel dibattito pubblico odierno, la libertà di espressione sembra riguardare il diritto di offendere qualcuno.

Nel 2008 ho presentato domanda per la nuova posizione di responsabile della ricerca per NUPI. Il direttore Jan Egeland non aveva qualifiche professionali e la ricerca presso la NUPI richiedeva un leader qualificato. È stato nominato un comitato internazionale per valutare i candidati. Ha rilevato che solo tre di loro erano qualificati per la posizione: un belga, Iver B. Neumann alla NUPI e io. Neumann ha ottenuto questa posizione – come uno dei più qualificati al mondo all'interno della "Teoria delle relazioni internazionali".

Nello stesso momento in cui sono stato – ironicamente – valutato come qualificato per condurre tutte le ricerche presso l'Istituto norvegese di politica estera, il mio capo al PRIO ha voluto impormi un «supervisore accademico». Questi possono scoraggiare la maggior parte delle persone da qualsiasi tipo di lavoro critico.

I ricercatori di solito sviluppano i loro manoscritti sulla base dei commenti di colleghi qualificati. Il manoscritto viene quindi inviato a una rivista accademica o ad un editore, che consente ai suoi consulenti anonimi di materia di rifiutare o approvare il contributo con commenti. Questo di solito richiede lavoro aggiuntivo. Ma questo non è stato sufficiente per la direzione di PRIO. Volevano controllare tutto quello che ho scritto.

Per PRIO era inaccettabile che avessi citato Robert Mood e Kofi Annan.

Una cronaca in TEMPI MODERNI

Il 26 gennaio 2013 sono stato chiamato sul tappeto dopo aver stampato una colonna sulla Siria in MODERN TIMES. Avevo citato il Segretario generale delle Nazioni Unite per la Siria, Robert Mood, e l'ex Segretario generale delle Nazioni Unite Kofi Annan, che avevano affermato che un accordo sulla Siria nei 5 membri permanenti del Consiglio di sicurezza il 30 giugno 2011 era stato sabotato dagli stati occidentali " alla riunione successiva ". Per PRIO era inaccettabile che avessi citato Robert Mood e Kofi Annan.

Il 14 febbraio 2013, PRIO mi ha chiesto in una e-mail di accettare "misure di garanzia della qualità [che] si riferiscono a tutte le pubblicazioni stampate, compresi i testi più brevi come gli up-ed [sic]". Mi sarebbe stata assegnata una persona per esaminare sia i miei documenti accademici che le cronache prima che venissero mandati fuori di casa. Si trattava de facto di creare una posizione di "funzionario politico". Devo ammettere che ho avuto problemi a dormire la notte.

Ho ricevuto sostegno da professori di diversi paesi. L'Unione dei funzionari norvegesi (NTL) ha affermato che non è possibile avere una regola del genere per un solo dipendente. Ma questo impegno a controllare tutto ciò che ho scritto era così forte che è impossibile spiegarlo senza la pressione degli americani. Un candidato per la posizione di consigliere per la sicurezza nazionale del presidente Ronald Reagan mi ha anche fatto sapere che ciò che avevo scritto avrebbe avuto conseguenze per me.

Quando dovevo tenere una conferenza per le istituzioni della politica di sicurezza, queste sono state immediatamente contattate da persone che volevano interrompere la conferenza. Chiunque sollevi domande sulla legittimità delle guerre statunitensi sembra essere messo sotto pressione dalla ricerca e dalle istituzioni dei media. Il giornalista critico più famoso d'America Seymour Hersh è stato espulso dal New York Times e poi dal New Yorker. I suoi articoli sul massacro di My Lai (Vietnam) e Abu Ghraib (Iraq) hanno colpito gli Stati Uniti, ma non può più pubblicare nel suo paese d'origine (vedi numero precedente di MODERN TIMES). Anche Glenn Greenwald, che ha lavorato con Edward Snowden e che ha dato vita a The Intercept, è stato espulso dalla sua rivista in ottobre.

"Ogni giorno per un mese, il mio superiore veniva nel mio ufficio per discutere del mio ritiro. Mi sono reso conto che questo sarebbe stato impossibile da sopportare. »

L'Unione

Ho ottenuto una posizione permanente presso PRIO nel 1988. Avere una posizione permanente e il sostegno di un sindacato è probabilmente la cosa più importante per qualsiasi ricercatore che desideri mantenere un certo grado di libertà accademica. Secondo lo statuto di PRIO, tutti i ricercatori hanno «piena libertà di espressione». Ma senza un sindacato che possa minacciare una causa, il singolo ricercatore ha poco da dire.

Nella primavera del 2015, la direzione di PRIO aveva deciso che avrei dovuto ritirarmi. Ho detto che non dipendeva da loro e che dovevo parlare con il mio sindacato, NTL. Il mio diretto superiore ha poi detto che non importava quello che diceva il sindacato. La decisione sulla pensione era già stata presa. Ogni giorno, per un mese, veniva nel mio ufficio per discutere del mio ritiro. Ho capito che questo sarebbe stato impossibile da sopportare.

Ho parlato con un ex presidente del consiglio di amministrazione di PRIO, Bernt Bull. Ha detto che “non devi nemmeno pensare di incontrare la direzione da solo. Devi portare l'unione con te ». Grazie a un paio di saggi rappresentanti NTL, che hanno negoziato con PRIO per mesi, ho ottenuto un accordo nel novembre 2015. Abbiamo concluso che sarei andato in pensione a maggio 2016 in cambio di continuare come professore emerito di ricerca "presso PRIO" con pieno accesso a " PC, supporto IT, posta elettronica e accesso alle biblioteche come altri ricercatori hanno a PRIO ".

In connessione con il mio pensionamento, nel maggio 2016 è stato organizzato a Oslo il seminario «Sovereignty, Subs and PSYOP». Il mio appuntamento mi aveva dato accesso a uno spazio ufficio anche quando ero in pensione. Nel corso di un incontro con la direzione del 31 marzo 2017, NTL ha proposto di prorogare il contratto per gli uffici fino alla fine del 2018, in quanto vi erano ora i finanziamenti. Tre giorni dopo, il regista di PRIO è tornato dopo essere stato a Washington questo fine settimana. Ha detto che un'estensione del contratto non era possibile. Solo dopo che NTL ha nuovamente minacciato un'azione legale abbiamo raggiunto un accordo.


Leggi anche: Essere minacciati di morte può indurre la maggior parte delle persone a mantenere un basso profilo

Ola Tunander
Tunander è professore emerito di PRIO. Guarda anche wikipedia, hos PRIO, oltre a una bibliografia su Pietra d'acqua

Rilasciare artikler