Ordina qui l'edizione primaverile con il documento di avvertimento

Quando è in pista la Norvegia?

La politica delle superpotenze è alla base del lavoro della Convenzione sulle armi per vietare i sistemi di armi autonomi. L'autore di Chronicle del Norwegian Peace Team chiede il coinvolgimento della Norvegia nel caso.

(Tradotto automaticamente da Norsk di Gtranslate (esteso Google))

"Lo sviluppo di sistemi di armi autonomi deve essere fermato dalla legislazione nazionale e dalle normative internazionali", ha affermato Mary Wareham, responsabile della campagna internazionale per smettere di uccidere i robot. Ha riconosciuto i giocatori di disarmo nella squadra; Jody Williams (vincitore del premio Nobel per la pace e leader della campagna internazionale sulle mine antiuomo), Human Rights Watch, articolo 36, Mines Action Canada, Pugwash e PAX. Anche la squadra di pace della Norvegia fa parte di questa campagna internazionale.

La cosa unica di questa campagna è la chiamata travolgente Provenienti dalla comunità tecnologica e dal mondo accademico: decine di migliaia di robot scienziati e accademici indipendenti – oltre 4 dipendenti Google e più di 000 aziende tecnologiche – specializzati nello sviluppo di tecnologia robotica e intelligenza artificiale richiedono il divieto dei sistemi d'arma autonomi, che saranno in grado di identificare e uccidere senza esercitare alcun controllo umano significativo.

Questa è ovviamente una continuazione della corsa agli armamenti tra Stati Uniti e Russia.

Dopo cinque anni nella Convenzione delle Nazioni Unite sugli armamenti, dove può essere stabilito un nuovo divieto, la maggioranza degli stati parte vuole proprio questo. Ma i colloqui diplomatici che si svolgono nella Convenzione delle Nazioni Unite sugli armamenti sono basati sul consenso. Ciò significa che un gruppo, o anche un singolo stato, può bloccare il risultato che la maggioranza desidera; vale a dire vietare i sistemi d'arma autonomi. Questo è esattamente quello che è successo nella Convenzione sulle armi ad agosto: durante la sesta sessione, la maggior parte degli Stati parte è intervenuta per avviare i negoziati, ma cinque Stati si sono bloccati. È stato particolarmente provocatorio sentire gli Stati Uniti e la Russia affermare che il diritto umanitario non si applica necessariamente ai sistemi d'arma autonomi e che vogliono esplorare i potenziali "benefici" dello sviluppo e dell'utilizzo di sistemi d'arma autonomi.

Per noi di Norges Fredslag è chiaro che questa è una continuazione della corsa agli armamenti a cui stiamo assistendo in termini di nucleare, nuovi missili a lungo raggio e difesa missilistica, nonché lo sviluppo violento della corsa agli armamenti convenzionali tra Stati Uniti e Russia in termini di megabombe, carri armati, aerei da combattimento e simili, e che questa politica di grande potenza mette un freno alla partecipazione di Stati Uniti e Russia alla Convenzione sugli armamenti. Quindi spetta agli stati con maggiore autonomia politica usarlo e garantire un controllo umano significativo sui sistemi d'arma autonomi.

Il ruolo della Norvegia

- annuncio pubblicitario -

Nel mese di giugno notificato Ine Eriksen Søreide che la Norvegia assumerà finalmente un ruolo attivo sia all'interno che all'esterno della Convenzione sulle armi, per garantire i principi di base del controllo umano sui sistemi d'arma autonomi. Ma quando è arrivato il momento di negoziare la via da seguire, la delegazione norvegese è stata tutt'altro che attiva: "Vediamo un crescente accordo sul fatto che si debba mantenere un controllo umano significativo sulle funzioni critiche di un sistema d'arma, ma non abbiamo ancora concluso la politica", ha detto la delegazione norvegese ad agosto. Questa è stata l'ultima volta che abbiamo sentito dalla Norvegia. La delegazione si è ritirata e ha lasciato la battaglia per la scelta della rotta verso gli altri Stati nella Convenzione sulle armi. Pertanto non abbiamo assistito a una «continuazione del ruolo trainante di lunga data della Norvegia nel diritto umanitario», come ha annunciato Søreide.

I sistemi d'arma autonomi non devono mai essere sviluppati o utilizzati.

È stato portato all'attenzione della Lega norvegese per la pace che il governo vede la Convenzione sulle armi come un cimitero per discussioni che non hanno successo, e quindi rifiuta di assumere un ruolo trainante. Noi della Lega norvegese per la pace siamo fortemente in disaccordo con questo punto, come lo è stata la Convenzione sulle armi Alfa Omegaper alcuni dei più grandi meriti della Norvegia nel disarmo. La Norvegia è emersa in diverse occasioni come promotore indipendente e orgoglioso del disarmo, anche nell'ambito della Convenzione sulle armi, ad esempio nel lavoro di divieto delle mine antiuomo e delle munizioni a grappolo. Come nazione, dobbiamo essere orgogliosi del ruolo che la Norvegia ha svolto nel lavoro di divieto delle mine terrestri e delle munizioni a grappolo, e in quel contesto dobbiamo ricordare che la Convenzione sulle armi è stata la "mangiatoia" per il lavoro. Al contrario, il lavoro nella Convenzione sulle armi ha attirato l'attenzione della Norvegia come nazione di pace e una posizione di cui beneficiamo.

Negli straordinari

"È urgente stabilire limiti per l'autonomia nei sistemi d'arma", ha detto Il Comitato Internazionale della Croce Rossa, che osserva il lavoro della Convenzione sulle armi sui sistemi d'arma autonomi dal 2014. Che è urgente porre limiti all'autonomia nei sistemi d'arma, può firmare il dipendente di Google Amr Gaber, che era presente a Ginevra ad agosto: Gaber era uno dei iniziatori dietro L'appello di Google a giugno, che ha assicurato che Google si ritirasse Progetto MavenUn contratto multimiliardario del Pentagono per dotare i droni di intelligenza artificiale. "Non possiamo farlo da soli", ha detto Gaber durante un evento collaterale ospitato dalla campagna delle Nazioni Unite per fermare l'uccisione dei robot ad agosto. Ha indicato I nuovi principi di Google, che vieta lo sviluppo di tecnologie contrarie al diritto internazionale umanitario. "Abbiamo bisogno di un nuovo divieto", ha concluso.

Alle 01.00 della notte di sabato 1 settembre, dopo quindici ore di discussione e senza interruzioni se non viaggi al distributore di snack all'ONU, è stato quindi deludente vedere che l'unica raccomandazione rimasta sul tavolo era quella di continuare discussione il prossimo anno. La raccomandazione ha catturato poco del lavoro effettivo che è stato svolto nella Convenzione sulle armi. La maggioranza desidera avviare negoziati su uno strumento giuridicamente vincolante per vietare lo sviluppo e l'uso di sistemi d'arma autonomi. La seconda proposta è negoziare una dichiarazione politica. Nonostante la differenza tra i due approcci, il trattato e la dichiarazione, i sostenitori concordano su una cosa; i sistemi d'arma autonomi non devono mai essere sviluppati o utilizzati. Come ha affermato la delegazione tedesca: "Qualsiasi risultato di questo incontro non deve essere letto come un presupposto che un giorno i sistemi d'arma autonomi saranno operativi, perché la stragrande maggioranza delle delegazioni ritiene che i sistemi d'arma che operano senza il controllo umano siano inaccettabili e non debbano mai vedere la luce. del giorno. »

"Tracciare una linea normativa e vietare l'uccisione di robot è inevitabile", ha detto Mary Wareham in un comunicato stampa la stessa notte. "Più tempo impiegherai ad avviare i negoziati, maggiore sarà l'opposizione da parte della società civile", ha continuato. La strada finale per il 2019 verrà presa durante la riunione annuale di novembre, quindi la Norvegia dovrà scendere in campo.

Lene Grimstad
Grimstad è un ex giornalista di MODERN TIMES e membro del consiglio di Norges Fredslag.

Dai una risposta

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati dei tuoi commenti.

Scioglimento della convivenza / Le rotture coniugali nell'Africa subsahariana musulmana (di Alhassane A. Najoum)È costoso sposarsi in Niger anche se il prezzo della sposa varia e, in caso di divorzio, le donne sono obbligate a rimborsare il prezzo della sposa.
Etica / Quali sono i principi etici alla base delle prime punture di vaccino?Dietro la strategia di vaccinazione delle autorità c'è un caos etico.
Cronaca / La Norvegia al vertice dell'Europa nel nazionalismo?Sentiamo costantemente che la Norvegia è il miglior paese del mondo, ma questo non è necessariamente il caso della stragrande maggioranza dei norvegesi e delle persone che si trasferiscono qui.
Filosofia / Disobbedire! Una filosofia di resistenza (di Frédéric Gros) Perché, dove, quando e per quanto tempo siamo obbedienti?
Mitologie / Il cacciatore celeste (di Roberto Calasso)Nei quattordici saggi di Calasso ci troviamo spesso tra mito e scienza.
Cina / La conquista silenziosa. Come la Cina sta minando le democrazie occidentali e riorganizzando il mondo (di Clive Hamilton e Mareike Ohlberg)È noto che la Cina sotto Xi Jinping si è sviluppata in una direzione autocratica. Gli autori mostrano come l'effetto si sia diffuso nel resto del mondo.
Nawal el-saadawi / Nawal El-Saadawi – in promemoriaUna conversazione su libertà, libertà di parola, democrazia ed élite in Egitto.
Necrologio / In memoria di Nawal El-SaadawiSenza compromessi, ha parlato contro il potere. Adesso se n'è andata, ha 89 anni. L'autrice, medico e femminista Nawal El-Saadawi ha scritto per MODERN TIMES da giugno 2009.
Dibattito / Cos'è la sicurezza oggi?Se vogliamo la pace, dobbiamo prepararci per la pace, non per la guerra. Nei programmi preliminari del partito, nessun partito nello Storting è a favore del disarmo.
Filosofia / Filosofia politica del buon senso. Fascia 2, ... (di Oskar Negt)Oskar Negt chiede come sia nato il cittadino politico moderno sulla scia della Rivoluzione francese. Quando si tratta di terrore politico, è chiaro: non è politico.
Autoaiuto / Svernamento: il potere del riposo e della ritirata in tempi difficili (di Katherine May)Con Wintering, Katherine May ha proiettato un affascinante e saggistico libro di auto-aiuto sull'arte dello svernamento.
Cronaca / Non tenete conto dei danni che possono causare le turbine eoliche?Lo sviluppatore di energia eolica di Haramsøya ha gravemente trascurato? Questa è l'opinione del gruppo di risorse che dice no allo sviluppo locale delle turbine eoliche. Lo sviluppo può interferire con i segnali radar utilizzati nel traffico aereo.
- Annuncio pubblicitario -

Potrebbe piacerti ancheRelazionato
Consigliato