Ordina qui l'edizione estiva

Abbellisce la realtà

"Tragedia familiare" è la parola che Beate Gangås, difensore civico per l'uguaglianza e la discriminazione, banalizza l'omicidio.

(QUESTO ARTICOLO È MACCHINA TRADOTTO da Google dal norvegese)

[omicidio] La domenica di Pasqua, c'è il botto. Ancora. Un uomo di 1 anni uccide la moglie, il figlio di tre e se stesso.

- Tutto indica che si tratta di una tragedia familiare, afferma a NTB il sovrintendente di polizia Olav Brubakk nel distretto di polizia di Asker e Bærum. Dagsrevyen ha anche usato la parola "tragedia familiare".

Martedì 18 aprile si parla di una "tragedia personale" quando una madre e una figlia vengono trovate morte a Elverum.

Il professore di psichiatria all'Haukeland Hospital, Gustav Wik, ritiene che sia pericoloso usare la parola tragedia familiare, sia in termini di percezione del caso da parte del pubblico, sia in termini di lavoro della polizia.

- Le tragedie sono diffuse e ricevono uno status inferiore nelle indagini di polizia. Ci sono tante tragedie, come incidenti e divorzi, ma quando qualcuno viene ucciso è soprattutto un omicidio. E gli omicidi devono essere adeguatamente indagati. Lo chiamo omicidio perché molto spesso è un atto pianificato, dice Wik, che prima di Natale ha pubblicato il libro Omicidio-suicidio nelle relazioni strette.

L'ombudsman per l'uguaglianza e la discriminazione Beate Gangås ha precedentemente lavorato per la polizia. Mette inoltre in guardia contro l'uso del termine "tragedia" se si tratta di omicidio.

- La tragedia familiare è una parola che oscura le condizioni reali. Con tale formulazione, i media e la polizia aiutano ad abbellire la realtà. La tragedia familiare diventa qualcosa di privato in cui il pubblico non dovrebbe interferire o assumersi la responsabilità. La violenza non è mai una questione privata, ma un serio problema sociale, dice Gangås.

Sottolinea che un omicidio è un omicidio sia che avvenga in strada o dietro la porta chiusa di una camera da letto.

- Non dobbiamo ridurre un crimine grave come l'omicidio a un triste destino familiare, afferma Gangås.

Sia Wik che Gangås credono che la consapevolezza dell'uso delle parole sia affinata da una discussione pubblica.

- La mia esperienza dalla polizia è che l'agenzia è venuta a conoscenza dell'uso delle parole. La violenza contro le donne non si chiama più violenza domestica. Questo caso dimostra che i giornalisti devono prestare maggiore attenzione alla scelta delle parole. È importante osare sottolineare la serietà e metterla in parole, dice Gangås.

Potrebbe piacerti anche