Teatro della crudeltà

La protesta può costarti la vita

Chi ha ucciso Berta Cáceres?
Forfatter: Nina Lakhani
Forlag: Verso (Storbritannia)
HONDURAS / La pericolosa ricerca di Nina Lakhani della verità dietro l'omicidio dell'attivista ambientale Berta Cáceres finisce in più domande che risposte.




(QUESTO ARTICOLO È TRADOTTO DA Google dal norvegese)

Berta Cáceres (1971–2016) è stata un'attivista ambientale honduregna, leader indigeno e co-fondatrice del Consiglio delle organizzazioni popolari e indigene dell'Honduras (COPINH) con l'allora marito Salvador Zúñiga. La coppia ha avuto quattro figli e, sebbene abbiano divorziato nel 2000, hanno continuato a gestire l'organizzazione insieme.

Dopo diversi anni di minacce di morte e solo un anno dopo aver ricevuto un premio ambientale, Cáceres è stata uccisa a colpi di arma da fuoco da assassini nella sua stessa casa il 2 marzo 2016. Un altro attivista, Gustavo Castro, è rimasto ferito nell'attacco. Cáceres visse fino a 44 anni.

L'omicidio di Berta Cáceres nel 2016 ha suscitato indignazione internazionale, ma l'indignazione non ha fermato la carneficina.

L'autrice Nina Lakhani lavora come reporter per il quotidiano The Guardian negli Stati Uniti. Nel libro, esamina i legami tra funzionari governativi corrotti e criminalità organizzata attraverso conversazioni con i membri della famiglia di Cáceres e altre figure politiche che conoscevano l'attivista ambientale.

Lakhani scrive che lei stessa è finita in prima linea a causa del suo lavoro sul libro, ma che questo è un rischio che è disposta a correre, poiché crede che sia importante trovare gli assassini di Berta Cáceres e quelli dietro di loro.

La donna guerrigliera

Cáceres apparteneva alla popolazione indigena Lenca di La Esperanza, nell'Honduras sudoccidentale. È cresciuta negli anni '70, un periodo di disordini e violenza in America Centrale. Sua madre Austra Bertha Flores López (nata nel 1933) era un'infermiera, ostetrica, attivista e politica del Partito Liberale e il suo più grande modello. La madre fu eletta sindaco di La Esperanza per due mandati consecutivi, fu deputata e governatrice del dipartimento di Intibuca.

Insieme al marito, Cáceres ha partecipato a diversi gruppi di guerriglia. La coppia contrabbandò combattenti come Fermán Cienfuegos, leader delle Fuerzas Armadas de la Resistencia Nacional in El Salvador, dentro e fuori dal paese e lo scortò tra il Nicaragua e El Salvador, spesso attraverso la casa della madre di Cáceres.

Cáceres è stata criticata per aver trascurato i propri figli dando priorità alla lotta politica rispetto alla maternità. La verità era che amava i suoi figli, ma amava anche il suo Paese.

Nel 1993, lei e suo marito fondarono COPINH con l'intenzione di risollevare le sorti del popolo Lenca in Honduras. La coppia pensava che il clima politico fosse adatto per parlare di diritti umani, diritti degli indigeni e smilitarizzazione in Honduras. L’anno prima era stato firmato l’accordo di pace che aveva posto fine alla guerra civile in El Salvador e alla leader femminista maya guatemalteca Rigoberta Menchú era stato assegnato il Premio Nobel per la pace. L'ONU ha inoltre dichiarato il 1993 il primo Anno Internazionale dei Popoli Indigeni.

Costruzione di dighe da parte degli indigeni Lenca

Nel 2006, un gruppo di Lencas del Rio Blanco chiese a Cáceres se poteva indagare sui lavori di costruzione appena iniziati che si stavano svolgendo nella loro zona. Ha scoperto che dovevano essere costruite quattro dighe idroelettriche nel fiume Gualcarque, un progetto di collaborazione tra la cinese Sinohydra, la International Finance Corporation (IFC) della Banca Mondiale e l'honduregno Desarrollos Energéticos (DESA).

Poi seguì il colpo di stato in Honduras nel 2009, dove il presidente democraticamente eletto Manuel Zelaya (nato nel 1952) fu deposto e portato in Costa Rica da uomini mascherati. Roberto Micheletti Bain (nato nel 1943) è diventato il nuovo presidente del Paese.

L'uccisione di Cáceres è stata la conclusione di una campagna illegale sponsorizzata dallo stato contro Cáceres e COPINH.

La secondogenita di Cácere, Bertha, descrive il colpo di stato in questo modo: "Dopo il colpo di stato, la politica statunitense è stata quella di ignorare il popolo honduregno, e gli Stati Uniti hanno così legittimato una presa di potere illegale. Da allora, viviamo in una società militarizzata caratterizzata da grave violenza e criminalizzazione delle manifestazioni. Mia madre voleva costruire un Honduras migliore, ma quella speranza è morta con il colpo di stato”.

Cáceres ha scoperto che i costruttori della diga avevano infranto il diritto internazionale non consultando preventivamente gli indigeni. I Lenca erano molto preoccupati che il progetto impedisse loro l'accesso all'acqua e al cibo e ostacolasse il loro stile di vita tradizionale in armonia con la natura. Cáceres ha lavorato con loro in una campagna di protesta contro lo sviluppo.

I manifestanti sono stati uccisi

Durante una manifestazione nel luglio 2013, l'esercito honduregno uccise un membro del COPINH e ne ferì altri tre. La popolazione Lenca denunciava spesso minacce e molestie da parte dei lavoratori che lavoravano allo sviluppo dell'energia idroelettrica, e i membri del COPINH venivano costantemente uccisi.

Alla fine, Amnesty International ha chiesto alle autorità dell’Honduras di fermare la criminalizzazione delle proteste e delle manifestazioni e ha voluto che si indagasse sulle minacce contro i difensori dei diritti umani. La situazione era molto tesa. Nel febbraio 2016, oltre 100 manifestanti sono stati arrestati dalle guardie di sicurezza.

Nel periodo 2010-2015, secondo i dati del gruppo londinese Global Witness, l'Honduras era considerato il Paese più pericoloso al mondo per chiunque manifestasse contro la distruzione della natura. L’omicidio di Berta Cáceres nel 2016 ha suscitato indignazione internazionale, ma l’indignazione non ha fermato la carneficina. Il Paese era pericoloso anche per coloro che volevano difendere la legge, con almeno 151 avvocati uccisi negli anni 2010-2018. Dopo il colpo di stato sono aumentate anche le violenze contro la comunità LGBT. Inoltre, è stata attaccata la libertà di espressione: secondo la Commissione nazionale per i diritti umani (CONADEH), fino al 75 sono stati uccisi oltre 2018 giornalisti.

Viviamo in un’epoca in cui il clima è in pericolo e il tempo è il nostro peggior nemico perché sta lentamente ma inesorabilmente scadendo. Se vogliamo salvare il pianeta, la società deve cambiare radicalmente. Berta Cáceres è stata una di quelle che hanno lavorato per questi cambiamenti. Ma il lavoro non è stato completato. L'omicidio di Cáceres non è solo un crimine contro la sua famiglia, il COPINH, il popolo Lenca e la società honduregna, ma un crimine contro tutta l'umanità.

Una campagna sponsorizzata dallo Stato

Chi ha veramente ucciso Berta Cáceres? Nel dicembre 2019, sette uomini sono stati incriminati e condannati: Elvin Rapalo, Henry Hernandez, Edilson Duarte e Oscar Torres Velasquez sono stati condannati a 34 anni di carcere per omicidio e 16 anni per tentato omicidio. Altri tre hanno ricevuto 30 anni per la loro partecipazione, tra cui un ex ufficiale militare, un ex soldato e un manager nel progetto della diga. Ma questi uomini, secondo il libro, sono solo la punta dell’iceberg.

Ex direttore di DESA, David Castillo, è in custodia dal marzo 2018, accusato di aver organizzato e facilitato l'omicidio. Il processo è ancora in corso.

La famiglia di Cáceres e COPINH sono stati riconosciuti come vittime, e i loro avvocati stanno lavorando duramente per dimostrare che l’uccisione di Cáceres è stata la conclusione di una campagna illegale sponsorizzata dallo stato contro Cáceres e COPINH. Gli avvocati di Castillo insistono sul fatto che è innocente e vittima di persecuzione politica.

Berta Cáceres è stata una delle attiviste ambientali più importanti dell'Honduras, ma ce ne sono anche molte altre che lottano per l'ambiente e i diritti delle popolazioni indigene. Il 23 luglio 2020, Nina Lakhani ha pubblicato un articolo su The Guardian secondo cui cinque uomini del popolo Garifuna dell'Honduras erano stati rapiti da uomini pesantemente armati in uniforme della polizia poche settimane dopo l'omicidio della leader Garifuna Antonia Bernández. Tutti e cinque hanno combattuto contro il furto di terreni e hanno cercato di impedire nuovi sgomberi forzati.

Pinar Cifci
Pinar Ciftci
Ciftci è giornalista e attore.

Potrebbe piacerti anche